Cerca

Occhio a farvi i filmini hot in casa: se finiscono su youporn ci restano per sempre

Lei lo lascia, lui mette su internet i loro video sexy. Visti da 50mila persone nel mondo

Occhio a farvi i filmini hot in casa: se finiscono su youporn ci restano per sempre
di Albina Perri- L’ha sbattuta tra “La vacca del manzo” e “Anna col cetriolo”, lì all’inferno virtuale dove merita di stare una come lei. Una che l’ha mollato, figurarsi, uno come lui. Eccolo, l’ennesimo uomo che mostra gli attributi in pubblico: è un 41enne napoletano domiciliato a Padova. La donna che stringeva tra i lombi con passione e che chiamava “fidanzata” fino a poco tempo fa, è diventata una poco di buono nel momento in cui ha deciso di piantarlo per un altro. Una da punire. Quando ancora la storia tra loro pareva funzionare, lui l’aveva ripresa col telefonino nell’intimità. Lei, 31enne padovana, è rimasta impressa così, e così è apparsa a 50mila persone che hanno cliccato il suo video sul sito Youporn.com. L’ha vista pure il nuovo fidanzato, avvertito su Facebook: «Brava la tua ragazza, hai visto com’è?». Compiuto lo sputtanamento globale. Nessuna vergogna per lui, che pure ci ha messo “del suo”. Mortificata lei, totalmente riconoscibile. Vani i tentativi di rimuovere il video che ha stuzzicato i 50mila: il server è americano e la Procura potrebbe intervenire solo con una rogatoria internazionale. Visto da milioni di persone in tutto il mondo, Youporn è gratis e fatto “in casa”, col contributo di corpi e sospiri “amatoriali” di tutti. Il suo bello, se vi piace il genere. Finché tra le dita in fregola degli utenti non resta impigliata una che nemmeno sa di essere ripresa.

La donna di Padova è riuscita a rimuovere il video della vergogna, e lui ne ha postato un altro simile. I carabinieri si sono dovuti arrendere e l’hanno indagato per diffamazione, violazione dei dati sensibili e molestie. Ma niente di più.
La vicenda padovana è l’ultima di una serie. La prima inchiodata alla croce del più porno-per-tutti fu una ragazzina di Perugia. Era il 2002. Aveva 16 anni ed era una biondina ricciola e nuda con la faccia affondata in un grosso cuscino a fiori. Strisciava sotto al tavolo dicendo: “No, mi vergogno”. Lui la convinse dolcemente tirandola fuori di là: “Ma tanto lo dobbiamo vedere solo io e te... Lo guardiamo insieme e poi lo cancelliamo subito... Oppure, se poi lo vuoi tenere...”. Nacque così “Forza Chiara”, il primo video amatoriale cliccato, sudato, sbavato e consumato da milioni di italiani. Lui, dalle riprese decisamente mosce -poveretto-, decise di condividerlo quando lei lo scaricò. Da Forza Chiara a oggi, il sito Youporn.com scoppia di mogli e fidanzate ridotte dalla bacchetta magica e fisica dei loro ex in “troie e puttane”. Riprese di nascosto, o con la promessa -giurin giuretta- che le nostre cose le registriamo per poi eccitarci tra noi. Donne fottute, in ogni caso. Nei vari canali dai nomi esotici e decifrati dagli appassionati dei generi (amateur, anal, asian, bbw, big butt, blowjob, coed, per dirne alcuni in ordine alfabetico….) ci sono video mondiali di ragazze vittime del solito maschilismo. Se lei ci sta diventa “una troietta di Desio” che un animatore orgogliosamente “riprende a sua insaputa con telecamera nascosta”; se la consorte ottempera ai suo doveri coniugali, on line è per tutti “quella zoccola di mia moglie ripresa con la web cam”.

Niente si può fare, legalmente, per bloccare i video: Youporn è il sito porno più popolare al mondo insieme a PornHub; nell’aprile 2008 è arrivato al 37° posto nel ranking dei siti più visti nel mondo e 14° in Italia. Ma non si sa di chi sia: la proprietà è della Midstream Media International N.V., con sede a Willemstad  nell’isola di Curaçao nelle Antille Olandesi (Paesi Bassi). Il “padre” però resta ignoto. Sfuggire agli occhi porcini del world wide web è affare difficile, se ci si casca. Per andare sul sicuro l’unica è praticare l’astinenza da video hard casereccio. Trovare un maschio evoluto della specie è impresa un po’ più dura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marillys

    29 Luglio 2010 - 16:04

    Io l'avrei risolta diversamente. Mi sarei presentata col nuovo fidanzato a cssa sua e lo avrei menato di santa ragione con un bel bastone. E provasse a dire qualcosa. Certo che negli ultimi periodi sti uomini hanno perso ogni ritegno: violenze, omicidi, ricatti...Proprio dei veri uomini abbiamo intorno! Ma ce ne sono davvero cosi' tanti e cosi' malridotti?

    Report

    Rispondi

  • pedrom

    27 Luglio 2010 - 15:03

    Grazie della rispota e degli insulti. Io non giustifico nessuno, solo do un altro punto di vista. Ammetto la mia ignoranza. L'ignoranza (=mancanza di conoscenza), spinge a indagare la realta'. Il pericolo contrario: ci si distacca dalla realta'. Si sono un ignorante e sono contento che il mio post ti abbia fatto arrabbiare. Avevo scritto una risposta piu lunga, ma non e' stata pubblicata. Ciao Pedro

    Report

    Rispondi

  • pedrom

    27 Luglio 2010 - 15:03

    ... e quindi sono tutti violenti vendicativi, ecc ..... Non dico che gli uomini siano superiori alle donne. Anzi, sono convinto che nei rapporti umani sia la donna e ricoprire il ruolo principale (e' sempre stato cosi'): spesso e' la donna che sceglie. Solo che a volte queste scelte sono distorte o prese senza consapevolezza. Se esistono uomini "pessimi" e' la selezione naturale che li ha plasmati e se le donne facessero delle scelte migliori, potrebbero evitare la propagazione di certi caratteri genetici alle future generazioni. Ma il giudicare senza essere a conoscenza dei fatti va esattamente nella direzione opposta. Questo e' un modo di ragionare che allontana sempre di piu' dalla realta' e le conseguenze si vedono .... Si, io sono cosi' ingorante , forse anche di piu'! E questa ignoranza (= non conoscenza), mi spinge a guardare sempre di piu' dentro le cose. Mi fa piacere che tu ti sia arrabbiata a leggere il mio post. Ciao Pedro.

    Report

    Rispondi

  • pedrom

    27 Luglio 2010 - 15:03

    Grazie per aver letto il mio post e per gli insulti iniziali. Non me la prendo assolutamente. So che la retorica non e' il mio mestiere. Prima di tutto i crimini non li ha commessi, sono colo capi di imputazione ed esiste la presunzione di innocenza. Ovvero fino a che non e' condannato non e' colpevole. Io non lo giustifico. Ho solo detto che e' facile per una giornalista scirvere senza conoscere i fatti, solo per poter unirsi al coro del politicamente corretto. La tua domanda e' molto interessante : quali sono i potivi che hanno spinto un uomo a fare questo gesto? La stessa domanda la dovresti fare alla giornalista. Che se e' una che fa il proprio lavoro sarebbe lei andata a chiedere ai coinvolti nella vicenda il perche'. Invece non si e' mossa dalla sedia e anzi si e' messa a fare il giudice. Io non giudico e non giustivico, semplicemente ho dato un contributo: un altro punto di vista. Altrimenti si cade nel vuoto degli stereoripi: "gli uomini sono tutti uguali" e quindi .....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog