Cerca

Mosca: dal 1 settembre la città si dedica al fitness di massa

L'iniziativa, proposta dal Sindaco Luzhkov, rientra nella nuova filosofia salutista rilanciata dal Cremlino, seguendo il modello dell'ex Urss

Mosca: dal 1 settembre la città si dedica al fitness di massa
"Un, due, tre, quattro... Tutti i moscoviti sono caldamente invitati al fitness di massa". L’idea è stata lanciata dal Sindaco di Mosca, Yurij Luzhkov, che in fatto di iniziative è molto apprezzato nella Capitale.

Dall'1 settembre, quando ormai l'ondata di caldo anomalo che ha colpito la Russia sarà terminata, gli abitanti della Capitale potranno, in ogni quartiere, partecipare a mega lezioni di aerobica e ginnastica, che si terranno all'aperto, per tutti coloro che vorranno rimettersi in forma.
L'evento rientra nella nuova filosofia salutista rilanciata dal Cremlino che ha promosso il forum "Russia, potenza sportiva", concluso proprio nella giornata di ieri a Mosca e iniziato lo scorso 29 luglio. Si è trattato di un vero festival di sport da strada, dal basket, al calcio fino al paintball.

La Russia sta cercando, sotto formule nuove, una rinascita dopo la bollente sconfitta alle ultime Olimpiadi canadesi e avrebbe quindi deciso di riagganciarsi anche al modello sportivo dell’Unione sovietica che, a suo tempo, costituì un esempio per la maggioranza dei paesi del blocco comunista.

Avviata dal regime staliniano, attorno alla metà degli anni '30, la politica sportiva dell’Urss iniziò il suo primo confronto con quello che era definito "lo sport capitalistico" a cominciare dalle Olimpiadi di Helsinki del 1952, in cui gli atleti sovietici si piazzarono al secondo posto nella classifica per Nazioni, preceduti solo dagli Stati Uniti, superati già, quattro anni dopo, a Melbourne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog