Cerca

Subito dopo le nozze partorisce davanti alla chiesa

In chiesa la sposa stringeva i denti per il dolore. La suocera dice: “Credevamo fosse lo stress”

Subito dopo le nozze partorisce davanti alla chiesa
Il fatto, davvero insolito, è accaduto lo scorso sabato nella cittadina di Karlovac, 50 km a sud di Zagabria nella Croazia centrale, ma la notizia è stata diffusa oggi dal  quotidiano di Zagabria 24 sata.

Lei, Nikolina Kis, quella mattina si è truccata, pettinata e ha indossato il suo bell’abito. È andata in chiesa dove ad attenderla c’era il suo compagno. Finalmente pronunciano il fatidico “Sì” ma dopo la sorpresa. La donna, infatti non ha potuto partecipare al pranzo di nozze perché ha partorito la sua figlioletta su di una panchina in un parco poco distante dalla chiesa.

«Tutto il giorno si lamentava di non stare bene - ha raccontato la suocera di Nikolina - ma credevamo fosse per lo stress delle nozze». In chiesa la sposa stringeva i denti per il dolore e quando la cerimonia e la messa nuziale sono finite, la donna appena sposata si è seduta su di una panchina davanti dicendo di accusare i sintomi del parto.

I famigliari hanno prontamente chiamato un'ambulanza ma era troppo tardi. Così Nikolina con l'aiuto della madre e della cugina ha dato alla luce la sua bambina, due mesi prima della scadenza regolare. La piccola sta bene ma dovrà stare per un periodo nell'incubatrice. «Volevamo che si chiamasse Lana - ha detto il marito della donna - ma poiché e' nata davanti alla chiesa consacrata alla Madonna, abbiamo deciso di chiamarla Maria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    25 Agosto 2010 - 10:10

    ci avevo pensato anche io, poi ho scordato di fare la critica. Non posso che approvare TOTALMENTE quello che scrivi. E' sbagliato incitare, anche scherzosamente, sopratutto i giovani.

    Report

    Rispondi

  • Pierdellevigne

    24 Agosto 2010 - 16:04

    Il banner che compare in fondo alla pagina "Non esiste curvas dove non si possa sorpassare" non mi piace. Che effetto può avere su uno dei nostri giovani che guidano auto a 200 all'ora? Resta inteso che siamo proprio stolti: continuiamo a costruire auto da 200 all'ora quando il limite massimo è 130 (ora in taluni casi 150 km/ora) ... e poi tutti a piangere le stragi del sabato sera. Stolti e ipocriti O no? Saluti Pier delle Vigne

    Report

    Rispondi

blog