Cerca

In autunno la coppia scoppia

Il ritorno alla routine e lo stress da lavoro hanno ripercussioni negative sul rapporto a due

In autunno la coppia scoppia
Dopo la tempesta ormonale della primavera e la calma estiva, a settembre l'amore va in crisi. Con l'arrivo dell'autunno la coppia scoppia. Complici il ritorno alla routine, il nervosismo e lo stress da lavoro. Come spiega Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia del San Raffaele di Milano, dietro una crisi si nascondono meccanismi neurologici che accendono aggressività e tensioni. In estate, quando si è in vacanza, "è più attivo il sistema vagale ovvero quello legato al relax, al dormire bene, al battito cardiaco a bassa frequenza. Qui governa quello che definisco il comandante dei tempi di pace". Ma quando le ferie finiscono "la palla passa al sistema simpatico - spiega la sessuologa - legato a doppio filo con l'adrenalina, il neurotrasmettitore di questo sistema. A livello simpatico, al contrario che in quello vagale, domina il comandante dei tempi di guerra". Le tensioni aumentano se si riprende una vita frenetica, "con l'agenda colma di impegni".

Gran parte dei vacanzieri ritornati in città sfoga nella coppia l'aggressività e la collera accumulati a lavoro: "Ecco dunque che la casa diventa il teatro di una guerra privata, dove spesso al canale della comprensione, più aperto quando si è in relax in vacanza, viene letteralmente sbarrato". Una situazione "che è per giunta incompatibile con l'erotismo, perché l'adrenalina che si attiva nelle situazioni di pericolo provoca una vasocostrizione che investe anche la sfera genitale. Non è un caso che nel mondo animale non ci sia accoppiamento in condizioni di pericolo". In autunno  anche il desiderio  va in crisi e "le performance possono essere meno appaganti".

Per limitare i danni, l'esperto consiglia di dedicarsi allo sport dopo il lavoro: "Con l'attività fisica scarichiamo, a livello motorio, le emozioni negative accumulate nel corso della giornata, creando uno stacco". Può essere utile anche "recarsi a lavoro in bici o a piedi oppure creare un momento di relax dopo l'ufficio, ad esempio con un aperitivo - consiglia Graziottin - oppure tuffandosi sotto la doccia e cambiandosi gli abiti, con un occhio attento al guardaroba, prima di riprendere la vita di casa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    12 Settembre 2010 - 03:03

    ringraziate dio che siete vivi. non rompete le palle. vivete la vita cosi' coem vie e' stata data. non meritate niente. se la vita a due non vi sta bene cambiate. se avete figli pensateci. nessuno vi chiede niente. vivete e basta. non fate agli altri quello che non vorreste fosse fatto a voi.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    11 Settembre 2010 - 17:05

    Scoppiano le coppie che confondono il rapporto con un'arena per prevaricarsi. E' del tutto normale comprendere gli sfoghi di tensione del partner, vacanze o non vacanze e poi riderci sopra insieme. Dipende da come si gioca, alleati o avversari. Nel secondo caso è meglio stare da soli. Erotismo? Separare affettività da sessualità è una già una deformazione. Si sta insieme solo se ci si ama, altrimenti, che senso ha?

    Report

    Rispondi

blog