Cerca

Giovani in crisi economica

Boom del tabacco sfuso

Giovani in crisi economica
C'è crisi per tutti, e le bionde costano, e quanto ci costano. Per questo in Italia è boom di tabacco sfuso, specialmente tra i giovanissimi. Se i dati parziali confermano per i primi nove mesi del 2008 un calo dell'1% della vendita delle sigarette, per il tabacco sfuso e i sigari c'è invece un contemporaneo aumento del 12%, «dovuto soprattutto alla grande richiesta dei cosiddetti trinciati. Che hanno segnato un +15,5% solo nel 2007, sono più economici e prediletti dai giovanissimi per confezionare sigarette a basso prezzo». Lo spiega Piergiorgio Zuccaro, direttore dell'Osservatorio fumo, alcol e droga dell'Istituto superiore di sanità (Iss), intervenuto all'incontro su Fumo, salute e sanità. "Oggi in Italia, in media, si comincia a fumare intorno ai 17 anni - ricorda Zuccaro - e a quell'età si ha a disposizione solo la paghetta. Dobbiamo normare anche il tabacco sfuso per disincentivare i giovanissimi, e magari eliminare i pacchetti da 10 bionde dal mercato: costano troppo poco, come cappuccino e cornetto". Non solo. "Occorrerebbe vietare la vendita delle sigarette ai minori di 18 anni", dice Giuseppe Palumbo, presidente della Commissione Affari sociali della Camera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GBalsamo

    26 Novembre 2008 - 18:06

    1 tabaccaio su cento si rifiuta di vendere sigarette ad un minore, come 1 barista su cento non da alcoolici agli stessi.....è inutile fare leggi su leggi, in Italia la vera lacuna è che la gente se ne frega se ci può guadagnare!Come il discorso dell'IVA, (non per tirarmela...)ho recentemente sfasciato l'auto e dal carrozziere avrei potuto pagare 1100€ invece di 1340€ con fattura e nonostante fossi a secco la fattura me la sono fatta fare!!!!!!!Ma ho dovuto chiederla io altrimenti il furbetto.........

    Report

    Rispondi

blog