Cerca

Red Bull ti mette le ali

(per l'altro mondo?)

Red Bull ti mette le ali
 Di sicuro c'è solo che se ne è scolate quattro lattine. Dopodiché Chloe Leach, 21 anni, studentessa dell'est Inghilterra, è caduta per terra mentre ballava in una discoteca a Sugarmille, morta di attacco cardiaco. E tutta quella caffeina, hanno detto i medici, difficilmente può non avere contribuito a mandarle il cuore fuori giri. L'eventuale coinvolgimento del celebre energy drink - che di questi tempi nei locali va per la maggiore, si beve con la vodka - è più significativo perché, difformemente dalla casistica media, è clinicamente provato che stavolta la droga non ci ha messo del suo. La ragazza, fragile di suo, aveva preso un farmaco contro l'epilessia, e fine dei principi attivi nel sangue. Niente schifezze. Solo la Red Bull.
A un certo punto gira pure la voce che ci sia qualcuno che avvelena le bevande, dopo che un dj ha accusato dei malori: ma in questo caso la droga c'entra, e il problema sono appunto le bustine che il malaugurato ha in tasca. Altro paio di maniche.
Resta da capire come Chloe sia morta. La fragilità di cui sopra gioca un ruolo decisivo: la ragazza soffriva della sindrome Romano-Ward, che crea problemi a livello di carica elettrica del cuore. Disturbo non da poco, che tuttavia non le aveva impedito di essere "la migliore allieva del suo corso" (professori), e "una ragazza ottimista e felice" (amici). Quattro lattine di Red Bull dopo - l'equivalente di otto caffè, però presi nel giro di due ore allungati nell'alcool - la fatale aritmia. Il cuore che si inceppa. I dottori allargano le braccia: "Tutta quella caffeina...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    05 Febbraio 2009 - 09:09

    Siam seppelliti da bevande pseudo energetiche che eccitano e sballano......senza capire che alla lunga fan male o per soggetti sensibili, creano problemi. Sarebbe il caso di capire perchè sti ragazzi ormai se non si rincoglioniscono, non "vivono". Han paura di quello che sono e la società c'entra poco, son loro che han problemi di personalità e che si sentono inadeguati......pazienza e umiltà, li aiuterebbe

    Report

    Rispondi

  • uycas

    04 Febbraio 2009 - 11:11

    sicuramente hanno avvelenato le bevande o la ragazza era fatta di altro. La red bull è un sidro un po' più eccitante nulla di che. L'anno scorso addirittura l'ho usato come eccitante sessuale e nn ho avuto nessun problema

    Report

    Rispondi

blog