Cerca

Mullah Omar/2: 'Caro Francesco, non difendo i kamikaze'

Massimo Fini risponde a Borgonovo: "Io sto con la libertà degli afghani, eroi che combattono per la loro terra"

Mullah Omar/2: 'Caro Francesco, non difendo i kamikaze'
E' da poco uscito 'Il Mullah Omar' (Marsilio editori, pp. 178, euro 16,5), l'ultimo pamphlet del giornalista Massimo Fini. Nel saggio la biografia del leader talebano, guida spirituale dei mujaeddin afghani. Lunedì 11 aprile Souad Sbai, Maria Giovanna Maglie e altri rappresentanti di associazioni hanno deciso di intraprendere vie legali contro Fini, perché offesi da alcune frasi contenute nel libro e in un articolo che il giornalista ha pubblicato su Libero. Sulle nostre pagine, con una recensione critica del volume, il dibattito era stato iniziato da Giampiero Mughini. Di seguito la replica di Massimo Fini alla lettera di Francesco Borgonovo.

Caro Borgonovo,
anche a me piacciono le belle ragazze (c’ho scritto un libro: Dizionario erotico. Manuale contro la donna a favore della femmina). Ma non le ho mai pagate. Questo però non c’entra niente col mio libro. Tu sembri ossessionato dal berlusconismo esattamente come i suoi avversari, con una visione provinciale che non fa onore né all’una né all’altra parte.

Nei Talebani io difendo innanzitutto il diritto elementare di un popolo, o di una parte di esso, a resistere all’occupazione dello straniero, comunque motivata. Altrimenti dobbiamo avere il coraggio e la coerenza di prendere la tanto conclamata Resistenza italiana, che fu in realtà opera di poche migliaia di uomini e di donne coraggiose, e di buttarla nel cesso. Degli afgani, e in generale dei cosiddetti “popoli tradizionali”, io apprezzo alcuni valori prepolitici che sono venuti completamente meno in Occidente: coraggio, fisico e morale, dignità, lealtà, rispetto della parola data («Il Mullah Omar se promette una cosa la fa», dice Abdul Salam Zaeef che si è distaccato da tempo dal movimento talebano ma che ha conosciuto da vicino il leader) e, per quello che riguarda in particolare i Talebani, l’integrità e l’incorruttibilità. Quando il Mullah Omar si rifugia presso il capo tribale Walid i marines vanno sul posto e ne chiedono l’immediata consegna. Sulla sua testa pende una taglia di 25 milioni di dollari. Con una cifra simile, da quelle parti, si compra tutto l’Afghanistan e anche un po’ di Pakistan. Walid farà solo finta di trattare, per permettere a Omar di guadagnare terreno sui suoi inseguitori. Quando Zaeef, che non è un cuor di leone, viene catturato dagli americani che prima lo sottopongono al “trattamento Abu Grahib”, che non è una deviazione sessuale di qualche soldato o soldatessa depravati ma una pratica della “cultura superiore”, poi alle torture vere e proprie e quindi gli promettono libertà e un mucchio di soldi, Zaeef risponde: «Non c’è prezzo per la vita di un amico e di un compagno di battaglia». Tu sai - perché la cronaca ce lo dice ogni giorno - a quali prezzi oggi si vendono gli uomini e le donne in Italia, senza che ci sia bisogno di metterli sotto tortura. E non parlo solo di denaro, ma degli umilianti infeudamenti, al bacio delle babucce, a cui tantissimi si sottopongono pur di avere, quasi sempre immeritatamente, un posto di rilievo nella società.

I bombardamenti da diecimila metri di altezza, spesso con i robot, i Dardo e i Predator, non sono solo un modo vigliacco di combattere sono esattamente la ragione per cui la Nato, pur così strapotente, sta perdendo la guerra all’Afghanistan. Scrive Ahmed Rashid, considerato il  maggior esperto delle vicende dell’Asia Centrale e della questione afgana in particolare: «L’indisponibilità della Nato ad accettare perdite di vite umane la costringe a diperdere dalla potenza aerea (...) ma così facendo l’Alleanza perde la speranza di conquistare la popolazione» (A.Rashid, Caos Asia, p.411, Feltrinelli, 2008).

Gli afgani, e anche i Talebani, non sono mai stati terroristi. Non c’era un afgano nei commandos che abbatterono le Torri Gemelle. Non un solo afgano è stato trovato nelle cellule, vere o presunte, di Al Quaeda, scoperte dopo l’11 settembre. Ci sono arabi sauditi, tunisini, algerini, marocchini, egiziani, yemeniti, ma non afgani. Nei durissimi dieci anni di guerriglia contro gli invasori sovietici, i mujaheddin afgani non si sono resi responsabili di un solo atto terroristico, tantomeno kamikaze (eppure un’aeroflot poco difesa non era difficile da trovare). Il terrorismo è estraneo alla loro cultura. Sono dei guerrieri, che è cosa diversa. E se all’inizio del 2006, dopo un contrastato dibattito della Shura talebana, il Mullah Omar ha dato l’autorizzazione ai comandanti militari, che la chiedevano, di accompagnare le tradizionali tattiche della guerriglia con gli attentati terroristi, è perché contro un nemico che, a differenza dei sovietici, non ha nemmeno la dignità di stare sul campo e si rende irragiungibile e spesso invisibile, combattendo con i robot, che cose resta a una resistenza?

In  Afghanistan, c’era Bin Laden. I Talebani se lo sono ritrovati in casa, non ce lo avevano portato loro, ma, due anni prima che il loro movimento nascesse, il nobile Massud, molto apprezzato in Occidente, a differenza di Omar, per combattere un altro “signore della guerra”, Heckmatyar. Comunque sono passati dieci anni. Bin Laden in Afghanistan non c’è più e, ammesso che sia mai esistita, nemmeno Al Qaeda. La stessa Cia ha calcolato che su circa 50 mila guerriglieri solo 359 sono stranieri, ma sono ceceni, uzbeki, turchi, cioè non arabi, non waabiti che hanno in testa la jihad universale contro l’Occidente.

Nei documenti del Pentagono e della Cia i combattenti talebani, cui si sono aggiunti nazionalisti afgani di ogni provenienza, sono definiti insurgents, insorti. Solo i ministri La Russa e Frattini, insieme a qualche loro reggicoda, continuano a chiamarli “terroristi”. La rivolta talebana non è più solo talebana, ma come documentano tutti i reportage è una ribellione all’occupazione dell’arrogante straniero che crede, con una buona dose di egocentrismo oltre che di infantilismo, che i propri valori, perché sono i propri, siano i migliori dimenticando non solo la lezione di Montaigne che nel famoso capitolo dei Saggi intitolato I cannibali e dedicato agli indigeni sudamericani scrive: «Certo, per noi loro sono cannibali, ma ai loro occhi i cannibali siamo noi», ma anche quella sul relativismo culturale di Levi Straus che non era un estremista talebano, ma un filosofo e antropologo francese che aveva conosciuto molti popoli che hanno storia, tradizioni, diritto di famiglia, forme di giustizia, concezione della vita e della morte completamente diverse dalle nostre.

Infine tu sembri rimproverarmi, Borgonovo, di scrivere quello che scrivo “stando al calduccio della mia casa borghese”. A parte che la mia casa è tutt’altra cosa, come ti renderai conto quando verrai a trovarmi, il punto non è questo. Tu, difensore del diritto della libertà di espressione, non ti rendi conto che in questo modo castri ogni possibilità di critica. O uno fa il Byron e va a battersi personalmente per la libertà della Grecia oppure le sue parole non contano.

Io credo di aver esercitato il coraggio nella sola forma possibile in democrazia: che è il coraggio morale. Io ho scritto sempre e solo ciò che pensavo, non mi sono mai infeudato a partiti, bande, lobbies, sono stato sempre un ’chevalier seul’ e per questo ho pagato prezzi durissimi, sul piano professionale, sociale e, alla fine, anche esistenziale. Altro che i “sessantottini” cui tu, forse perché hai ancora il latte sulle labbra, sembri apparentarmi. Sulla coerenza intellettuale, morale, esistenziale e anche materiale penso che ci siano pochi, in questo Paese, che abbiano diritto di darmi lezioni.

di Massimo Fini

Il Documento dell'accusa
"Non è un saggio, ma un insulto all'Occidente"

Non è un libro, è un insulto all’Occident e ed è un elogio del terrorismo stragista. Abbiamo appreso da un libro di Massimo Fini appena pubblicato da Marsilio che il mullah Omar, capo dei terroristi talebani, amico e complice degli ayatollah iraniani, è migliore del presidente del Senato italiano, Renato Schifani; che i nostri militari eroi in Afghanistan sono degli odiosi invasori; che il burqa che soffoca e umilia corpo e parola delle donne è più dignitoso dello sculettare in tanga delle donne italiane. Noi lo giudichiamo indegno, scandaloso, inaccettabile. Solo così riusciamo a descrivere un pensiero che giustifica terrorismo e oppressione della donna. Dove si può mai trovare  grandezza in un uomo che professa da sempre l’odioso principio dell’inferiorità della donna, in un uomo che  fa saltare sulle mine i soldati che cercano di portare un minimo di libertà. Non è in nessuna maniera giustificabile un atteggiamento che addirittura inneggi a  uno dei peggiori terroristi in circolazione. Quando  sentiamo la parola “burqa”, pronunciata con tanta leggerezza, proviamo un brivido di orrore, ripensiamo a quante donne abbiamo incontrato e visto aggirarsi come dei fantasmi per le vie di Kabul o di qualsiasi altra strada delle capitali in cui si professa l’Islam radicale e politico come legge fondamentale.

Chi parla per conto di queste donne, vessate, oppresse, annullate, sfregiate nella loro dignità e personalità? Chi si prende la briga di difendere la sofferenza che distrugge l’animo di queste martiri dell’era moderna? Non certo chi, come Massimo Fini, oggi sponsorizza in un libro e in numerosi articoli la figura di un sanguinario terrorista, uno che le spose le sceglie bambine, uno che nessuna pietà ha mai avuto nei confronti delle donne e di chi non accetta che l’Islam radicale e politico incateni la sua vita. Noi non dimentichiamo, e la rabbia ci stringe la gola, le punizioni corporali inflitte negli stadi di Kabul a donne accusate di adulterio.  Questo Massimo Fini non lo ricorda? O lo ha rimosso per non intaccare la sua inaccettabile e offensiva tesi sulla grandezza e onestà del Mullah Omar? Né a lui né ad altri che hanno partecipato alla nascita del libro sembra venire in mente che non è  così lontano il pericolo che qualcuno si faccia ispirare da una simile figura  devastante per l’umanità, che viene indicata a modello invece che messa all’indice.

Quando si arriva a dire che il burqa è  «dignitoso», e che le «afghane non hanno rinunciato» ad indossarlo, quando si contrappone all’oppressione del fondamentalismo l’immagine libera delle donne occidentali, insultandole come quelle che «sculettano in tanga», non bastano neanche le scuse. Le scuse peraltro non arrivano, anzi domina un pericoloso autocompiacimento. A noi non piace la censura e amiamo la libertà d’espressione, ma ancor meno ci piace l’elogio del terrorismo e dell’oppressione della donna, tanto più in tempi così incerti e rischiosi. Perciò non ci tiriamo indietro, in difesa della dignità delle donne, dei nostri caduti, di un popolo intero e del ricordo di chi, per essersi ribellato, oggi non c’è più. Siamo certi che molti altri seguiranno la nostra iniziativa.  Abbiamo dunque conferito incarico ai nostro legali di promuovere le pertinenti azioni giudiziarie, nei confronti dell’autore del libro Il Mullah Omar, Massimo Fini. Sarà promossa azione giudiziaria in sede civile e penale.

Souad Sbai, deputato Pdl; Maria Giovanna Maglie,   giornalista;  Silvana Campisi, presidente Prodomed Associazione donne del Mediterraneo; Ejaz Ahmed, comunità Pakistana in Italia, presidente Nuova diversità onlus; Gjergji Bushaj,  presidente Associazione  Albanesi immigrati in Italia; Gamal Bouchaib, presidente Associazione Musulmani Moderati in Italia; Karim Daoud, presidente Associazione rifugiati politici iraniani residenti in Italia; Samira Chabib, Associazione donne arabe in Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emmalorenzon

    13 Aprile 2011 - 22:10

    Condivido le accuse di Maria Giovanna Maglie e Souad Sbai. Emma Lorenzon

    Report

    Rispondi

  • italianoscomodo

    13 Aprile 2011 - 22:10

    Come si permette, gentile signor Fini di insultare le donne occidentali accusandole di essere sculettanti bajadere che offendono la sensibilità degli afghani? Quale sarebbe poi la sensibilità degli afghani (uomini naturalmente...)? Quella che si esprime nella scandalosa foto della sposa bambina che fece il giro del mondo? Come si permette una simile sequela di offese enei confronti delle Nostre radici culturali? Se Ella è così innamorata, sedotta e affascinato dal Mullah Omar e dalla cultura che lo esprime, se lo sente in odore di santità, lasci il suo comodo posto di scrivano e si rechi in Afghanistan, imbracci il kalashnikov, si ponga al suo seguito e vada all'assalto delle colonne militari, magari italiane, che sminano le strade che i talebani hanno minato e poi, magari, felice, si riposi anche Lei fra le braccia di una sposa bambina, visto che questo sembra invece rispondere alla sensibilità talebana che tanto l'attrae. Condivido quindi l'iniziativa di Souad Sbai. Roberto Curtolo

    Report

    Rispondi

  • Zephir

    13 Aprile 2011 - 22:10

    Caro Massimo, fatti due risate. Un armata brancaleone di scoreggioni devono dimostrare di esistere. E lo fanno cercando di censurarti. Scoreggioni totalitari, haha. Non e' una tragedia ma una mediocre farsa. Un saluto.

    Report

    Rispondi

  • cheyenne71

    13 Aprile 2011 - 13:01

    Sono una lettrice di Massimo Fini da tempo e lo conosco di persona. Non ritengo che sia un misogino, tanto meno incosciente. Massimo non sostiene il talebanismo in quanto tale, ma in quanto diritto di un popolo di darsi da sè le proprie regole, che lui, in quanto occidentale, non credo proprio condivida. Io ho letto Il mullah Omar come una biografia storica contemporanea. Non mi pare nemmeno che nel libro si giustifichino forme di violenza, di sopruso o di maltrattamento. Ma è solo una modesta opinione, non mi ergo a giudice di nessuno e non penso di avere la verità in tasca. Sono donna, occidentale, democratica e fanatica di nient'altro che della libertà di espressione e di opinione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog