Cerca

Pennacchi sulle orme di Saviano: pronto a tradire Mondadori

Il 'fasciocomunista' pubblica due libri con Baldini Castoldi Dalai. Motivazioni politiche? "No, nemmeno per idea" / BORGONOVO

Pennacchi sulle orme di Saviano: pronto a tradire Mondadori
«France’, ma che cazzo vuoi? Famme ’na domanda e io te risponno». E famo ’sta  domanda: lasci Mondadori? «Ma che vuol dire? Io di libri con altri editori ne ho sempre fatti. Con Laterza, con Donzelli... Non farme parla’ de Donzelli...».

FANTAROMANZO
Sta di fatto che Antonio Pennacchi, vincitore dell’ultimo premio Strega e fasciocomunista candidato sindaco a Latina per Futuro e libertà pubblicherà due romanzi con Baldini e Castoldi. Il primo è un vecchio libro, Una nuvola rossa, l’altro è un nuovo romanzo, Cronache da un pianeta abbandonato, che  lui definisce «un romanzo de fantascienza, letteratura...».  Già i maligni sussurrano: dopo Roberto Saviano e il teologo Vito Mancuso, se ne va anche  l’ultima star mondadoriana. Motivo: non compromettersi con Berlusconi. Ma Pennacchi non ama il giochino politico: «Berlusconi me sta sul cazzo e lo sanno tutti, me so’ pure candidato in una lista. Ma con Mondadori ho lavorato bene».

Dunque niente complottismi, si tratta solo di mercato editoriale. «C’è il libero mercato o no?», chiede Pennacchi, «se fosse per me ci sarebbe la dittatura del proletariato, ma visto che c’è il mercato mi comporto come uno che vende pomodori. Solo che io vendo i libri». Ha assoldato un agente, il primo della sua carriera, Simone Morandi, e lui ha trattato con Baldini. Ma nulla vieta a Pennacchi di ripubblicare per Mondadori. Certo, la notizia dell’uscita di due libri per un altro editore è notevole. Mondadori ha già perso, per squallidi motivi politici, due autori di tutto rilievo. Smarrire per strada il creatore dell’apprezzatissimo Canale Mussolini non è una bella novità. Secondo il diretto interessato, tuttavia, non si tratta di una scelta definitiva né tantomeno di una decisione sostenuta da ragioni di schieramento.

Sarà pure finiano, ma Pennacchi verso la Mondadori ha sempre dimostrato una stima  incondizionata. In tempi non sospetti a noi dichiarò che Vito Mancuso avrebbe potuto «andarsene affanculo» poiché contestava il colosso di Segrate. Anzi, consigliava a Riccardo Cavallero, direttore generale dell’azienda, di cacciare  il teologo «a calci in culo». Resta il fatto che il romanziere fasciocomunista tradirà per un paio di uscite. In pieno clima di odio verso il premier e le sue  aziende non è una grande notizia. Però le sue dichiarazioni ci confortano.

MAI DIRE MAI

«Non è detto che in futuro torni a pubblicare per Mondadori», dice. E si congeda nel modo solito: «Salutami Maurizio Belpietro, lui mi ha fatto scrivere  in totale libertà: non lo dimentico. Mandalo affanculo, però salutamelo». Sarà fatto, Antonio, sarà fatto.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquilonia80

    10 Maggio 2011 - 17:05

    E proprio vero, diceva mia nonna, gente che non si e' vista mai la camicia al culo, una volta che se le vista se le sporcata di M...A. E cosi abbiamo un'altro "CAPO POPOLO" uno CAPACE uno che puo' impartire LEZIONI su' TUTTO. veramente piu' invecchio e piu' non capisco,MAH! QUALCUNO ME LO PUO SPIEGARE.

    Report

    Rispondi

  • paulpaul

    10 Maggio 2011 - 16:04

    Splendido esempio del livello "culturale" della sinistra e della "nuova destra" finiana, per non esagerare si è anche preso il premio strega (che ormai, evidentemente, non si nega più a nessuno)

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    09 Maggio 2011 - 19:07

    Che roba un comunista che dice di essere Fascista che se non lo cacciavano dal MSI Fini stava a Bologna ma chi che costui? Uno che dice un mare di cazzate primo tra Fascismo e comunismo esiste una differenza notevole il Fascismo è al di sopra del comunismo il Fascismo ha fatto il 900 e le zecche comuniste e le sanguisughe democristiane lo hanno sfruttato il 900 e Pennacchi è uno di quelli. Speriamo che a Latina non sbaglino a votare povera Latina se Pennacchi vince. E comunque sig pennacchi Berlusconi ha creato qualcosa Lei Invece cosa scriverà dopo il premio strega? Avrà ancora la sua vena creativa? Staremo a vedere Fa bene il Governo a non finanziare la cultura se lei è bravo vende se non lo è vada a a fare un altro lavoro e non il politico.

    Report

    Rispondi

  • liviel

    09 Maggio 2011 - 19:07

    Insieme ad un gruppo di amici e gia' da tempo che boicottiamo tutto cio' che è riconducibile al pedopornomafionano,a partire da mediaset e mondadori... tutti dovrebero farlo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog