Cerca

Il dibattito sul fisco in piazza Vota il sondaggio di Libero

Libero lancia il confronto su misura contro l'evasione. Maglie è contraria: delazione non serve. Paragone favorevole alla trasparenza

Il dibattito sul fisco in piazza Vota il sondaggio di Libero
La stretta sull’evasione fiscale potrebbe costringere il Governo a porre degli emendamenti simili all’iniziativa del 2005 di Vincenzo Visco. Nella nuova manovra, infatti, comparirebbero delle modifiche che obbligheranno la pubblicazione dei redditi degli italiani. A occuparsene sarebbero i Comuni, che, contando sulle soffiate di qualche concittadino potrebbero recuperare parte dell’imponibile evaso. Gli emendamenti dovrebbero alzare di molto il premio sul gettito recuperato dai sindaci all’evasione nel proprio territorio. Oggi l’incasso è del 50%, ma la percentuale potrebbe aumentare. Sulle pagine di Libero prosegue il dibattito su quest'ipotesi. Maria Giovanna Maglie è contraria: "La delazione non serve. Pagano solo i pesci piccoli". E' favorevole, al contrario, Gianluigi Paragone: "La trasparenza è sacrosanta. Gli onesti non hanno paura". Voi cosa ne pensate? Votate il nostro sondaggio. Segue il commento di Maria Giovanna Maglie.

Istruzioni per un governo più confuso che persuaso si dispensano come sempre non richieste, ma stavolta, se fosse vero e non già smentito domani che vi accingete a rendere pubbliche le dichiarazioni dei redditi, affinché i pentiti anonimi, gli invidiosi, i mitomani, gli stronzi, dei quali ogni paese abbonda ma dei quali nel nostro Paese si coltiva con amore il lievito madre, si sentano investiti d’autorità, le istruzioni sono accompagnate dall’ultima dose residua di fastidio.

Come dicono sugli aerei i burloni di cattivo gusto, prepararsi al peggio e passaporti in bocca. Se da qualche mese fate ammuina, in un gioco sfolgorante di decisioni solenni dimenticate il giorno seguente, di smentite e auto smentite, di canotte esibite su toraci forse un tempo lontano villosi, oggi bisognosi di riposo e niente sigari soprattutto dopo il calar del sole, di diete tisanorreiche che meno male che quattro chili li abbiamo buttati giù che sennò si finiva come la Grecia; se con le pensioni ci giocate a palla e l’Iva è quella che veniva da Ligonchio a cantare, se alla sola parola liberalizzazioni avete visto rosso, se non siete in grado di fornire una immagine di dignità e forza a quelle sanguisughe capitanate dalla signora Camusso, se vi hanno salvato il collo stavolta solo il fatto incontrovertibile che nessuno vorrebbe essere al vostro posto in questo Paese impossibile, e il fatto ancora non detto che stavolta anche il glorioso e incorruttibile Partito Democratico sta nel tritacarne, ebbene allora  dovete sacrificare quel simulacro che vi era rimasto di liberale, fare la faccia feroce e inventarvi liste di pubblica proscrizione.

STRADA MAESTRA?
Si obietta giustamente(rispondo a Pansa che stimo senza riserve, altri giornalisti liberali a giorni, copie vendute e giramenti di palle alterne, preferisco non considerarli sapendomi ricambiata) che brucia non poco constatare per chi paga fino all’ultimo cent quanto alta sia la quota di evasori e la cifra evasa. Ma davvero è la delazione la strada maestra? Intanto non sono i pesci piccoli a sfuggire, quelli, vedere il documento della Corte dei Conti, anche quando ci provano poi pagano, sono i grossi che dislocano, falliscono, scompaiono, se ne fregano; intanto nessun Paese può lamentarsi dell’evasione se il fisco che applica è tanto iniquo e volgare, perché se le aliquote diventassero ragionevoli e le spese fossero deducibili previa presentazione di pezzo di carta, e a tutti servisse veramente quel pezzo di carta invece di pesarci inutilmente nelle tasche, in due secondi il problema sarebbe risolto, o no?

CHOC IN PAESE
Ma soprattutto immaginatevi l’effetto di una dichiarazione pubblica in un piccolo centro, in qualunque area della nazione. Eccolo il ragioniere con il Suv, come lo giustifica, io che ho la Panda del 98, giù una bella telefonata. Magari il ragioniere è così fesso che mangia patate del suo orticello e calza pantaloni del mercatino pur di pagarsi quella stupida automobile potente e sentirsi anche lui potente, ma finisce alla gogna, anche perché mi toglie lavoro. E la signora Rita? È maestra elementare, il pomeriggio con cosa arrotonda per permettersi quell’Armani? Magari è una copia, magari glielo ha regalato l’amante e sarà libera di averne uno o più, magari la signora ha risparmiato un anno perché la vanità è donna, ma è meglio assicurarsi con una bella spiata, anche perché io sono precaria.

Se poi e per fortuna le migliaia, decine di migliaia, di denunce del Tribunale Rivoluzionario del Guadagno Sospetto dovessero finire nel nulla, che ce ne importa a noi? Abbiamo sprecato un altro po’ di denaro pubblico in sterili indagini, i grandi evasori se la ridono, gli accusati si leccheranno le ferite dell’onore perduto, il nostro sfortunato Paese, che educazione civica non ne conosce perché quella si impara con il rispetto dell’individuo non con le trombonate dei Centocinquantanni, diventa un po’ più stupido e belluino.

CHE BRUTTA FINE
Che fine sciagurata per chi votò aspettandosi finalmente le riforme liberali! Mi consolano un po’ le risposte al sondaggio e i commenti esterrefatti dei lettori di Libero sul sito web. Quelli che nel governo hanno partorito questo orrore solo per buttare un po’ di carne cruda in pasto ai sudditi mi fanno schifo.

di Maria Giovanna Maglie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    10 Settembre 2011 - 15:03

    circa vent'anni fa , uno di sinistra ebbe l'idea malsana di far esporre all'ufficio imposte di allora , le dichiarazioni dei redditi piemontesi , non dico la città. Ebbene nel giro di un mese il librone faceva schifo . Chi era andato a leggere ? i soliti imbecilli che come fanno oggi , leggono solo il finale della dichiarazione , ma non si incomincia mai dalla prima riga , mai per non svenire vedendo quanto paga il derelitto di tasse oltre all'irpef , quanto spende il "ladro " in stipendi , in contributi per i dipendenti , in suoi contributi , in tasse varie che il dipendente non si sogna nemmeno di avere , e i nostri non sanno quanto deve ancora intascare il reprobo sia dallo stato , dal comune , e dai clienti che pagano , ammesso che paghino a 120 giorni e lo stato ed i comuni a tempo del mai. alla fine questi invasati parlano di redditi vergognosi . un imbecille stava leggendo il tg su canale 5 e ha detto " tutti gli impiegati prendono 90000 euro all'anno : cretino me ne dai un po

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    08 Settembre 2011 - 10:10

    non serve a nulla.Intanto se uno va dalla tributaria gli dicono subito che occorre una denuncia con nome e cognome,foriera di spese e grane eterne.La segnalazione-leggasi delazione-e' quindi perfettamente inutile per il fatto che nessuno si muove.Non vedo quindi il motivo di innescare polemiche.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    04 Settembre 2011 - 17:05

    La delazione fiscale è tipica del comunismo e NON di un partito che si vuole fare chiamre liberale. Maria Giovanna Maglie ha interpretato bene il pensiero di una simile schifezza messa in campo addirittura dai liberali! Questo unito all'immigrazione selvaggia tranquillamente permessa da chi è stato votato per impedirla, da chi parlava di alleggerimento della pressione fiscale e libertà d'impresa, fa sì che di fatto la maggioranza attuale non si diversifica per niente dalla sinistra ma è addirittura più a sinistra della medesima!

    Report

    Rispondi

  • Delawere

    04 Settembre 2011 - 12:12

    Non e' giusto che gli evasori e ladri del Parlamento vogliano distruggere chi produce economia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog