Cerca

Solo se la lotta resta dura l'attacco sarà un ricordo

Attenti a chi festeggia e a chi dice che Al Qaeda è stata sconfitta. O a chi come Barack Obama incoraggia i Fratelli Musulmani

Solo se la lotta resta dura l'attacco sarà un ricordo
Per ora si salva solo la costruzione alla forza dell’uomo e della sua libertà che è diventato Ground Zero. Nell’afflusso di inevitabili allarmi della vigilia, nel tripudio di organizzazioni melense e consolatorie dove tutto si annacqua e il nemico non si vede più, manca dolorosamente una bella riflessione su chi ha sfidato, chi ha vinto, chi ha capito e fatto tesoro, chi persevera negli errori e questo decennio lo ha sprecato. Da «Siamo tutti americani», che fu frase nobile e felice di dieci anni fa, eccoci pronti per le frasi assai meno nobili che si sono affermate nell’arco di dieci anni e che nelle celebrazioni di questi giorni trovano spazio spropositato. Ne cito alcune: abbiamo creato un decennio di guerra, gli Usa hanno reagito esageratamente, al Qaeda non era potente e pericolosa come l’avevamo immaginata, siamo sull’orlo della bancarotta mondiale per colpa delle guerre, via le nostre truppe dall’Afghanistan, e fin qui siamo alla sottovalutazione anche denigratoria, comunque offensiva di quei poveri morti, poi si arriva alla costruzione complottista del si sono inventati tutto.

Niente di meno vero, è solo grazie a dieci anni di guerra implacabile al terrorismo condotta dall’America con l’aiuto spesso riluttante, spesso parziale dell’Europa, che al Qaeda è strategicamente sconfitta anche se non cancellata, che Osama bin Laden è stato scovato ed eliminato. È grazie alla guerra in Afghanistan, non ancora terminata, e a quella in Iraq, che è finita, e bene. È soprattutto grazie all’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, etichettato a torto come un reazionario e un minore. In entrambe le guerre sono stati fatti tanti errori, ci sono state troppe vittime, ma è difficile sostenere che ci sia mai stata una guerra senza molti errori e senza troppi morti nella storia dell’umanità. Gli Stati Uniti si sono dotati in tempo record di un valido apparato antiterrorismo, che ha protetto loro ma non solo loro da nuovi e peggiori attacchi; sono state indispensabili misure di sicurezza eccezionali, prima mai conosciute nella terra dei liberi: il Patriot Act, le extraordinary rendition, le detenzioni preventive, il campo prigionia di Guantanamo. Retorica liberal e finta protezione dei diritti umani non cambiano questa realtà, non sarà un caso se, esaurite le chiacchiere della campagna elettorale, Barak Obama non ha cambiato praticamente nulla.

Il costo totale delle due guerre è stato per l’America di 1,3 trilioni di dollari, ovvero meno di 1/11 del totale del debito nazionale statunitense, meno di un anno di deficit di Obama. Giustamente un commentatore di quelli che parlano chiaro fino alla brutalità, Charles Krauthammer, fa notare che durante l’età d’oro di Eisenhower, negli anni ’50, quando il Paese era in un fase di una crescita robusta al 5% annuo, la spesa in difesa era all’11% del PIL e contava per il 60% del budget. Oggi, la spesa in difesa è il 5% del PIL e conta per il 20% del budget. Facile dedurre che se gli Stati Uniti sono in crisi economica, la guerra al terrorismo non c’entra, colpevoli sono le politiche fiscali, immobiliari, bancarie, di spesa pubblica. Come da noi. La guerra al terrorismo non è finita, né per gli Stati Uniti né per il resto dell’Occidente. Sopravvive alla sconfitta sostanziale di Al Qaeda un Islam fondamentalista avversario dell’Occidente, nemico della modernità, delle idee di libertà e democrazie. Non per caso dopo l’11 settembre altri attacchi hanno colpito Bali, Londra, Gerusalemme, Madrid, Casablanca, New Delhi, Baghdad, Kabul, organizzati da gruppi, cellule o organizzazioni che non sono sempre emanazione diretta di Al Qaeda ma ne condividono l’ideologia di negazione dei diritti di donne, gay e minoranze, di qualunque forma di democrazia fondata sulla rappresentanza parlamentare, la segretezza del voto, lo Stato di diritto, sulla libertà e autodeterminazione dell’individuo. Fanno parte di questi gruppi anche uomini e donne cresciuti in Occidente, figli di immigrati e perfino cittadini europei convertiti al fondamentalismo islamico.

La sfida alla nostra sicurezza, peggio alla nostra sopravvivenza nei modi e nelle forme che ci siamo costruiti, è perciò esterna e interna, è molto ampia, diffusa, perniciosa. Ne fanno parte i salafiti dell’Africa occidentale che sognano di creare una Califfato dal Sahara all’Oceano Indiano, gli shebab somali che tentano di instaurare a Mogadiscio lo Stato islamico, i militanti di Hamas che sposano le tesi dei Protocolli dei Savi di Sion, il presidente iraniano Ahmadinejad che nega la Shoah e costruisce la bomba atomica; ma ne fanno parte anche gli imam fai da te che avvelenano le comunità di immigrati nelle città europee. George W. Bush che non aveva paura delle parole li chiamava «Radical Islam» e «Islamofascism», Barack H. Obama usa un termine generico e politically correct, «Violent Extremists» così da non irritare la religione musulmana. Dall’Iraq si va via entro quest’anno, dall’Afghanistan la previsione forse ottimista è per il 2014, Usa ed Europa dovranno fornire un pressante appoggio politico ed economico ai due Paesi nuovi, sono ancora deboli e infiltrabili. Poi ci sono i nuovi conflitti e la sorte delle nazioni della cosiddetta Primavera araba, sullo sfondo le elezioni presidenziali americane, tra un anno, la presidenza Obama a rischio di riconferma.

Il presidente democratico e nero ha scelto la guerra nascosta, a bassa intensità, intelligence e truppe speciali, tendendo a lasciare in secondo piano il ricorso a contingenti di tipo tradizionale; George W. Bush invece voleva il duello aperto, dopo l’11 settembre voleva mostrare che l’America era in piedi e forte. Obama ha incoraggiato formazioni ambigue ed estremiste come quella radicatissima in Europa dei Fratelli Musulmani, maestri nell’arte di dissimulare la propria ideologia. È un rischio forte, probabilmente un errore di strategia politica.

L’Europa? Se l’America dibatte e si divide sull’“ethnic profiling”, cioè continua in parte a non accettare che le potenziali minacce vadano legate all’identità etnica, l’Europa fa peggio, non ha una politica unica e nemmeno ne ha di nazionali degne di questo nome, afflitta com’è da eccessi di tolleranza, che stanno per reazione provocando reazioni estreme di ostilità totale, anche perché è qui che il fenomeno di immigrazione islamica è diventato di massa. Proprio in Europa si è creato il clima e lo schema fecondo per reclutare nuove cellule jihadiste.  C’è poco da rievocare dunque l’11 Settembre, fingendo che sia storia passata, è carne viva.

di Maria Giovanna Maglie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    12 Settembre 2011 - 01:01

    La sig Maglie ha ragione ed ha scritto un articolo bellissimo e coraggioso, come sempre del resto . I beoti che si pensano furbi e credono ai complottismi fanno pietà...sono i soliti seguaci dell'insopportabile politicamente corretto, per cui non si può criticare l'attuale presidente U:S:A, nè dire apertis verbis che l'islam è una religione che oltre ad essere oggettivamente incredibile, spinge all'odio e alla cattiveria. Nessuno si converte ad altro solo per paura e lavaggio del cervello praticato dai capi che si atteggiano a santoni melensi e all'occorrenza spietati pur di tenere segregate masse che non si libereranno mai. Ma che DIALOGO finiamola con questa parola stupida..non c'è proprio niente da discutere noi tolleriamo loro, ma finiamola di compiacerli come se volessimo scusarci di professare il nostro credo. Evviva la bella limpida libera fede cattolica e chi la pratica con cuore sincero. Beatles14

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    11 Settembre 2011 - 23:11

    vivo a New York e concordo in pieno con questa analisi , parola per parola, riga per riga.

    Report

    Rispondi

  • towal77

    11 Settembre 2011 - 17:05

    Da RAINEWS di Corradino HO CHI MINEO ho assistito alla promozione del libro di Giulietto Chiesa nel quale si attribuiscono gli attentati del 11 settembre a spezzoni deviati dei servizi segreti statunitensi israeliani e pachistani. La motivazione era nascondere il pauroso debito pubblico americano. Da uno studio televisivo moscovita questo genio incompreso illustrava, senza alcun contradditorio le sue tesi.Folgorata dal talento di questo giornalista mi chiedo perchè Giulietto non ci dica con la la sua consueta dovizia di particolari,chi ha orchestrato l'attacco a Beslan oppure al teatro teatro Dubrovka etc e visto che è cosi' bravo magari illumini i misteri di casa nostra...Colgo l'occasione per ricordare le vittime in rigoroso silenzio

    Report

    Rispondi

  • roro43

    11 Settembre 2011 - 15:03

    Duemila anni fà un uomo moriva in croce per lanciare il suo credo fondato sull'amore che mette al centro di tutto l'uomo, fatto ad immagine e somiglianza del suo Creatore che ne diventa Padre per il suo sacrificio. Quel messaggio divise la storia in due parti: prima di Cristo e dopo Cristo. All'alba del terzo millennio un altro uomo manda al suicidio altri uomini per uccidere altri uomini innocenti con lo scopo di imporre il suo credo fondato sull'odio verso chi non professa la sua fede che mette al centro un Dio che vuole l'uomo sottomesso ai suoi capricci e ne diventa padrone assoluto. Le differenze sono abissali. Mi auguro che il genere umano abbia ancora un briciolo di dignità e di buon senso per impedire che la Storia si divida ancora il due: era dell' Uomo libero - era degli zombi. P.S. La leggo sempre, non si dimentichi del 15 settembre!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog