Cerca

La destra pro e sinistra contro Gay, è caos. E la Brambilla...

Bufera nel Pd per il 'no' di D'Alema a coppie omo. L'arcigay ritira lo stand alla festa di Bologna. Ministro: "Sì a Expo turismo gay"

La destra pro e sinistra contro Gay, è caos. E la Brambilla...
Gesù mio, questa è proprio una storia in cui le posizioni non tornano più, almeno le posizioni classiche, tradizionalmente intese, quelle che tutti conosciamo. Da che mondo è mondo e politica è politica, c’è chi sta sopra e chi sta sotto, chi a destra e chi a sinistra. Ovviamente, chi dietro e chi avanti. Lo sappiamo tutti. Invece, ascoltate la storia. In breve: la sinistra (o centrosinistra) ora scarica i gay, li tradisce, anche se poi porge le scuse e se le vede rispedite al mittente. La destra (o centrodestra), sponsorizza i gay, che applaudono convinti. Una storia a parti invertite, ruoli che si confondono, atteggiamenti inconsueti. E per non finire nelle generale confusione noi andiamo subito al sodo.

Il primo protagonista della “storia rovesciata” lo conoscete, conoscete anche il suo recente scivolone sessual-politico. E’ Massimo D’Alema, ex lupo di mare convertitosi all’agricoltura (podere in Umbria, viti e vino e non più barca a vela) che se n’è uscito con una frase infelice (infelice soprattutto a sinistra) scatenando un putiferio. D’Alema ha spiegato: «Il matrimonio è tra uomo e donna, questo dice la Costituzione». Ha spiegato anche meglio: «Il matrimonio, come è previsto dalla Costituzione del nostro Paese, se non la si cambia, è l’unione tra persone di sesso diverso finalizzata alla procreazione». Aggravante dello scivolone: la frase è stata pronunciata proprio alla vigilia della visita dell’ex presidente del Consiglio alla Festa dell’Unità di Bologna, città candidata ad ospitare il prossimo Gay Pride. Poi, ciliegina sulla torta, è finita pure su YouTube.
Potete immaginare le reazioni. La più soft: «E’ difficile per un politico di lungo corso mettere insieme una simile serie di errori e castronerie» (Sergio Lo Giudice, capogruppo del Pd in Comune a Bologna, fresco di nozze, tenutesi ad Oslo, con il suo compagno). Una meno soft: affermazioni rozze, degne della più retriva cultura stalinista (Paolo Patanè, presidente di Arcigay). Il riferimento è all’Unione Sovietica che i gay li mandava nei gulag. Riferimento pesantuccio.

L’ex segretario Ds ha capito di aver sbagliato (non era molto difficile: ha l’hobby del vino, mica si scola ettolitri), ci ha pensato su appena poche ore e ha cercato di correre ai ripari: è stato un equivoco, chiedo scusa, ha detto ai rappresentanti delle associazioni degli omosessuali. Scuse prontamente rispedite al mittente. Eh no, caro Massimo, troppo semplice: dal Pd vogliamo risposte, non scuse e strette di mano. Qual è la vostra politica in materia? Quale posizione scegliete? Il partito è favorevole o contrario al matrimonio fra persone dello stesso sesso? In attesa di una risposta che non è giunta, il presidente dell’Arcigay di Bologna, Emiliano Zaino, ha annunciato la chiusura dello stand “Bologna Pride 2012” alla Festa dell’Unità. Questione di coerenza: i gay, almeno loro, alle posizioni chiare ci tengono.

La seconda protagonista della storia è Michela Vittoria Brambilla, ministro del Turismo, donna-donna, destra-destra (o centrodestra-centrodestra, se preferite), giarrettiera-giarrettiera, collocazione netta, posizione classica, tradizionale. Mentre l’Arcigay infilzava Massimo D’Alema, ieri Michela Vittoria Brambilla ha concesso il suo patrocinio all’Expo Turismo Gay che si terrà il 23 e 24 settembre a Bergamo. L’ho fatto, ha poi precisato, per combattere un pregiudizio e agevolare un cambiamento culturale. L’Expo, come spiegano gli organizzatori, «è la prima fiera italiana dedicata al segmento Glbt». “Glbt” sta per Gay, lesbian, bisex e transgender. Un po’ tutti. La manifestazione - si legge in un comunicato - ha ottenuto anche il patrocinio dell’Associazione italiana del turismo gay e lesbian e di Confindustria Assotravel. La città di Las Vegas, terra di casinò, non ha fatto mancare la sua adesione. Lo Stato del Vermont, e non chiedeteci cosa c’entri il Vermont, ha fatto altrettanto. Special guest: Alessandro Cecchi Paone.

Chi sta a destra? E chi a sinistra? Ve l’abbiamo detto. Parti invertite e tempi moderni: caddero i muri, si ammucchiarono le ideologie e si arravogliarono (termine napoletano, vuol dire riavvolgere in disordine) pure le lenzuola. Massimo finì sotto i gay, Michela Vittoria restò sopra, Cecchi Paone fece la guest star. E nessuno si offenda. L’importante - come direbbe Nick Carter, detective a fumetti che forse indaga sul giallo della sinistra dispersa - è che l’ultimo chiuda la porta. Della camera da letto, dove naturalmente ognuno fa ciò che vuole. Anche se non procrea.

di Mattias Mainiero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • federicogiusti88@gmail.com

    federicogiusti88

    08 Dicembre 2012 - 23:11

    Nel 2012 ancora a discutere di queste cose? Mi sembra di stare in un paese dove si cade dal pero... poi ci si lamenta se tutti prendono in giro l'Italia e lo vedono come un paese arretrato...e ti credo -.- L'ex ministro Brambilla dimostra di avere cervello e carattere...cosa che tanti altri politici non hanno! Essere gay, cosi come essere etero o bisex è UN ORIENTAMENTO NATURALE E NORMALISSIMO!!! Ci vuole tanto a capirlo? essere gay non dovrebbe centrare nulla con l'orientamento politico...un gay può essere di destra, centro o sinistra! ( stessa cosa riguardante tutela ambiente e diritti animali che la Brambilla se ne occupa, è un ministro che stimo per queste favolose battaglie e le fanno onore ) !!

    Report

    Rispondi

  • vitaljump

    15 Settembre 2011 - 14:02

    CARI DS, ecco chi vi siete messi in casa: quelli della LGBT non tollerano che si diverga dalle loro posizioni. Sono una sorta di inquisizione. Come tutte le persone che hanno problemi di personalità, non ammettono di essere contraddetti.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    15 Settembre 2011 - 14:02

    quando una persona sceglie di essere gay o etero chiede il consenso dei politici?

    Report

    Rispondi

  • matteo97

    15 Settembre 2011 - 14:02

    Una volta tanto D'Alema dice qualcosa di giusto... La Brambilla invece mi delude.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog