Cerca

Non è un uomo, ma tutta Italia ad essere ostaggio dei giudici

Maria Giovanna Maglie: intercettazione flop con Lavitola dimostra che in nome dell'odio contro il Cav si consegna il Paese ai pm

Non è un uomo, ma tutta Italia ad essere ostaggio dei giudici
Alla fine ci andrà a farsi convincere dal magistrato Lepore che è stato ricattato anche se sostiene di non esserlo e comunque non si dichiara tale, e forse ascolteranno assieme la famosa telefonata nella quale il premier e il Lavitola non si dicono niente ma proprio niente di rilevante, a meno che quel «scagionerò tutti» e quell’altro «buone vacanze» non siano diventate frasi tremende in codice delle quali solo la Procura di Napoli conosce il significato. Alla fine qualcuno spiegherà a noi e agli italiani normali, quelli che non vivono in perenne accecamento dell’odio per Silvio Berlusconi, a che cosa sia servito questo ennesimo balletto di inchieste, minacce, soffiate, rivelazioni, quasi che a Napoli non avessero di più e di meglio da fare dei magistrati volenterosi di fare bene il proprio lavoro, che so io occupandosi di delinquenza comune, criminalità organizzata, invece di occupare un’inchiesta di competenza di altri e di sbobinare una telefonata del premier senza la dovuta autorizzazione.

Forse qualcuno spiegherà se sia il caso di intercettare e rendere note ai soliti noti della solita stampa le telefonate del premier e apprezzamenti inopportuni ma innocui sulle forme della cancelliera tedesca, Angela Merkel, in attesa che qualcuno in Germania o in qualunque altra nazione democratica non sotto la tutela dei magistrati faccia la stessa cosa, perché in tal caso chissà quante ne sentiremmo dalla Merkel di turno sul Berlusconi di turno, o no?

SCHIENA DIRITTA
Alla fine qualcuno lo dirà a un pezzo di maggioranza e a tutta l’opposizione, a una classe politica rissosa e debole, incapace di tenere la schiena dritta e di guardare oltre il proprio particolare, con qualche lodevole eccezione che non basta, che non è sempre vero che mors tua vita mea, che così tutti e non solo l’odiato Cav o il Cav di cui si sono semplicemente stufati, sono sotto schiaffo, tenuti buoni, tenuti al guinzaglio, risparmiati o avvisati, insomma tutti sotto la tutela vischiosa dei pubblici ministeri d’Italia.

SOTTO A CHI TOCCA
Con la lucidità che ancora in certi momenti lo distingue, magari fosse accompagnata da determinazione adeguata, Silvio Berlusconi ieri ha fatto la sintesi: «Mi sento come un perseguitato perché è chiaro che c’è una certa magistratura che usa politicamente la giustizia. Da parte di certi pm c’è solo voglia di stare sotto i riflettori e vedere il proprio nome alla ribalta. L’uso politico della giustizia è un problema, anche l’opposizione deve rendersene conto perché oggi colpiscono me ma domani potrebbe toccare a uno di loro». Non è un ragionamento ineccepibile?

Resta il fatto che il tentativo di screditare il premier e il governo italiano in Europa nel momento più difficile per l’Italia e per l’Europa non in presenza di accuse e vicende gravi e serie sia, verrebbe da dire con sprezzo del pericolo, non solo incosciente, proprio criminale. È vero che così, criminale, fu l’intera storia di Tangentopoli, piaccia o no a chi allora si sentì investito di sacro ruolo di rifondatore, è vero che nel 1994 accadde qualcosa di analogo quando i pm di Milano  spedirono un avviso di garanzia a Berlusconi mentre il premier si trovava in un vertice internazionale  organizzato in Italia, il G8 di Napoli, e il Corriere della Sera fece da postino anticipatore. Ma stavolta il sopruso è più pesante ancora, quella sorta di mandato di comparizione, con minaccia di accompagnamento coatto, spedito da Napoli a colpire in pieno volto  il premier che stava a Strasburgo in un vertice con i leader dell’Europa sulla questione dei conti pubblici italiani.

ORA BASTA

Sarebbe ora di dire basta, di farlo tutti, ma non accadrà, ed è sconsolante vedere che sono passati quasi vent’anni, le Procure non  sono mai riuscite nell’intento, hanno fatto un grande danno al Paese, e sono incaponite ancora nello stesso obiettivo: far fuori Berlusconi mentre il mondo ci guarda.  Guardate che l’accanimento è tale che anche chi delle debolezze private e delle delusioni pubbliche riservateci dal presidente del Consiglio è critico severo non può non domandarsi in buona fede come sia possibile resistere a tale persecuzione occhiuta. Peggio, costoro se ne infischiano di scardinare negli italiani il rispetto dell’autorità, che distingue un Paese civile.

BATTETE UN COLPO
Così come distingue un Paese civile che un magistrato, che pubblicamente e accanitamente accusa e poi nulla conclude, paghi per il grave errore, mentre da noi diventano senatori, ministri, sindaci. Il che naturalmente autorizza oggi i vari Woodcock e Lepore a sperare di finire bene come Di Pietro, D’Ambrosio e De Magistris. Nella certezza che l’intera operazione sia fuori legge, nella consapevolezza che tutti fanno finta di niente, tuttavia una richiesta tocca farla per non fare la fine dei polli di Renzo: ministro Nitto Palma se c’è, visto che quel posto scomodissimo lo ha accettato, batta un colpo.

di Maria Giovanna Maglie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bellissimo

    17 Settembre 2011 - 17:05

    Mi scompiscio dal ridere quando dicono che mandiamo i soldati all'estero per portare là democrazia.Scusate ma è qui in questo maledetto paese che ci vorrebbero i soldati.Come si fa ad esportare una cosa che non si ha?

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    17 Settembre 2011 - 09:09

    si misura con le elezioni, con la libertà di espressione ( vedi la censura di "Falce e carrello"), la libertà religiosa, quella politica. Ci siamo dimenticati che Stalin era l'idolo sanguinario dei rossi? Ci siamo dimenticati dei tri-nariciuti che obbedivano disciplinatamente agli ordini di quel complice di massacrarori che era Togliatti!?Ricordiamo però che il il tentativo di colpo di stato attuato per via giudiziaria non è ancora terminato. Io non credo che i giudici vogliano sovvertire la democrazia, però E' QUESTA L'IMPRESSIONE CHE DANNO!

    Report

    Rispondi

  • Il fesso di turno

    16 Settembre 2011 - 19:07

    Io non so nulla. Non dico "non ho capito": proprio non so nulla sul Servizio Intercettazioni per mia colpevole ignoranza di cittadino, d'altra parte i giornali non sono tanto bravo a leggerli: poi uno dice una cosa, uno ne dice un'altra... non ci capisco mai niente. Comunque, credo che il Servizio sia gestito dallo Stato: quindi come contribuente vorrei solo sapere (spiegato chiaro e tondo e in poche parole): a) quanto costa; b) se c'è un tetto di spesa; c) come funziona. Siccome non mi pare proprio un Servizio "Segreto", spero che mi saprete dare qualche link facile facile su Internet dove anche un cretino come me possa colmare la sua colpevole ignoranza di cittadino. Inoltre, l'altro giorno mentre attraversavo piano piano sulle zebre perché ho preso una storta, un automobilista che andava di fretta m'ha urlato "cornuto!". Gli volevo chiedere dove aveva letto le intercettazioni, ma non si è fermato. Voi ne sapete niente? E pensare che mia moglie proprio non ce la facevo...

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    16 Settembre 2011 - 10:10

    siamo in democrazia, tante cose si possono cambiare, non serve tanto coraggio, ma scendere in piazza... Maglie ci dica quando e dove

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog