Cerca

Le balle sugli immigrati: loro una risorsa? E' falso

L'inchiesta. Cifre alla mano, ecco perché impoveriranno ulteriormente l'Italia. I nuermi su lavoro, pensioni e la super crescita demografica

Le balle sugli immigrati: loro una risorsa? E' falso
In queste settimane il dibattito si infuoca attorno alla manovra economica e tutti hanno suggerimenti su dove e come ridurre le spese. Nessuno però dice mai di intervenire su una delle voragini che si inghiottono i soldi della comunità: l’immigrazione. È stata abilmente fatta passare l’idea che gli immigrati siano una risorsa, una ricchezza, che siano quasi i soli a contribuire in positivo alle dissestate casse comuni. Sull’immigrazione è stata fatta una colossale opera di disinformazione.

I principali gruppi di motivazioni che vengono solitamente tirati fuori per giustificare l’immigrazione sono: 1) che i nuovi cittadini pagheranno le nostre pensioni, 2) che gli immigrati fanno i lavori che gli italiani non vogliono più fare, 3) che gli immigrati sono una risorsa economica, 4) che sono una ricchezza sociale, 5) che pongono rimedio alla nostra denatalità, 6) che abbiamo il dovere della solidarietà. Vediamo di esaminare soprattutto i punti aventi incidenza economica, non senza avere prima fatto una indispensabile premessa.

Il fenomeno è cruciale ma le informazioni per conoscerlo e governarlo sono approssimative. I soli dati ufficiali che si hanno a disposizione sono quelli che riguardano i regolarizzati. Restano vaghi i numeri di quelli appena arrivati o che vivono nel mondo dell’illegalità. Ci si deve perciò affidare principalmente alle informazioni della Caritas-Migrantes che, pur ricevendo finanziamenti pubblici, è una struttura privata che svolge i compiti che toccherebbero allo Stato, ma è  anche e soprattutto una organizzazione di parte e questo non la aiuta a fornire le garanzie di imparzialità che la struttura pubblica, pur nelle sue lentezze e inefficienze, dovrebbe invece garantire. La Caritas è anche condizionata dalle sue scelte ideologiche, dal suo evidente schieramento a favore dell’immigrazione e dell’accoglienza a qualsiasi costo e condizione, oltre che dal non trascurabile dettaglio che proprio dall’ambaradan dell’immigrazione trae sostanziosi finanziamenti.

Secondo il Dossier statistico 2010 della Caritas-Migrantes, ci sarebbero in Italia all’inizio del 2010 4.235.000 stranieri residenti, o 4.919.000 considerando quelli non ancora iscritti all’anagrafe. Gli stranieri sono triplicati in un decennio e aumentati di quasi un milione nell’ultimo biennio. I clandestini sono stimati fra i 500 e i 700 mila, ma non è certo scorretto pensare che siano almeno il doppio. Si arriva perciò a una cifra di più di 6 milioni di persone (quasi l’11% della popolazione residente, uno straniero ogni 9 italiani), cui vanno aggiunti circa 500 mila naturalizzati italiani negli ultimi anni.  Metà circa degli immigrati sono donne. Nel 2007 gli stranieri erano 3.690.000, il 5,6% della popolazione.

PAGANO LE PENSIONI?
Grande risalto è stato dato al fatto che i contributi degli immigrati hanno aiutato l’Inps a rimettere un po’ a posto i conti. In effetti l’arrivo di tanti nuovi contribuenti che non percepiranno pensioni per un po’ di tempo è salutare. Si tratta però di una situazione temporanea perché, a partire da 20 anni da oggi (quando a maturare pensioni di vecchiaia o anzianità cominceranno a esserci moltitudini di immigrati), si riproporrà anche nella comunità foresta lo stesso schema attuale di un rapporto fra lavoratori e pensionati sbilanciato a favore di questi ultimi, a meno che non si conti su un continuo afflusso di immigrati giovani paganti. In tale caso si tornerebbe in qualche modo al sistema a ripartizione su cui in anni di boom demografico si era basato il sistema pensionistico, facendo saltare ogni buona intenzione di trasformarlo in un sistema a capitalizzazione. Insomma gli immigrati non risolvono i problemi del sistema pensionistico italiano ma lo spostano solo un po’ più in là nel tempo. Oggi il rapporto fra pensionati e abitanti è di circa 1 a 5 per gli italiani e di 1 a 25 per gli stranieri: il divario diminuirà costantemente fino a stabilizzarsi sullo stesso rapporto a meno che - come detto - il numero degli immigranti non continui a crescere in misura esponenziale.

Dai dati Inps più recenti e completi disponibili (III Rapporto su immigrati e previdenza), risulta che nel 2004 gli stranieri iscritti ai ruolini pensionistici erano 1.537.380, e cioè meno della metà  del totale degli immigrati di allora. Non cambia la situazione nel 2010, quando - secondo la Caritas - gli iscritti all’Inps sarebbero circa due milioni, e cioè circa il 40% dei regolari. Questi versano un totale di 7,5 miliardi in contributi previdenziali; nel 2007 le pensioni erogate erano 294.025 con una spesa annua di 2 miliardi e 564 milioni. Oltre a queste c’è una cifra imprecisata ma piuttosto alta per prestazioni sociali d’altro genere. Ci sarebbe così un saldo attivo di qualche miliardo. Occorre notare che il bilancio è migliorato da quando è stata soppressa la facoltà prima concessa agli immigrati di farsi rimborsare i contributi versati in caso di rimpatrio, rafforzando la tendenza a permanere in Italia.

I DATI NON TORNANO
Per essere un gruppo sociale la cui presenza viene giustificata come “forza lavoro”, occorre notare come la percentuale di stranieri che pagano i contributi previdenziali sia sospettosamente bassa. Questo significa che la più parte di loro non paga i contributi sociali perché lavora in nero, o evade, o non lavora affatto, o fa “lavori” (criminalità, droga e prostituzione) che non hanno vocazione né possibilità di essere assoggettati a contributi.

I numeri non tornano. Comprendendo anche gli irregolari, meno di un terzo degli stranieri versa contributi previdenziali: una percentuale inferiore a quella del totale degli italiani al di sotto dei 65 anni (39.318.000 nel 2010)  che sono regolarmente occupati (più di 21 milioni), e cioè il 54,7%. Risulta perciò piuttosto evidente (e preoccupante) che l’attuale attivo del bilancio previdenziale degli stranieri sia rapidamente destinato a esaurirsi (salvo una crescita esponenziale degli immigrati e una irrealistica dilatazione del mercato del lavoro) e che perciò la presenza degli stranieri non risolverà ma aggraverà i problemi pensionistici.  É del tutto falso affermare che gli stranieri pagheranno le nostre pensioni: lo fanno in parte marginale oggi per la loro età media più bassa, ma impoveriranno ulteriormente in avvenire le sempre più esigue risorse del paese.

di Gilberto Oneto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Matteo64

    22 Settembre 2015 - 21:09

    Visione distorta della realtà, l'immigrazione rappresenta la più importante risorsa per il rilancio del nostro paese, basta organizzazione. Non c'è da stupirsi che le nazioni che hanno più di tutti dato asilo ai migranti con gli anni siano state più che ricompensate. Basti pensare a USA, nel dopoguerra, ma soprattutto ai flussi verso Svezia, Canada e Germania avvenuti negli ultimi decenni.

    Report

    Rispondi

  • ileana47

    18 Ottobre 2011 - 16:04

    condivido alla lettera il suo articolo. Scrivete questi articoli più spesso in modo che la gente si renda conto delle cretinerie e falsità che la sinistra, napolitano, la turco, la bindi, i sindacati, la caritas, la chiesa, eccci hanno fatto credere. Le frontiere non dovevano essere aperte soprattutto per i mussulmani gente squallida e serpentifera.

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    09 Ottobre 2011 - 23:11

    ma vogliamo dirlo che ogni anno le case dei regolari si raddoppiano di persone che vengono "per turismo" a lavorare in nero? anche le formiche vedono doppipiedi da aprile a settembre e i mezzi pubblici diventano loro. Abbiamo il redditometro per i vu cumprà? Si sente sempre del costo del viaggio della speranza... poi vediamo mafie di tutte le razze che sfruttano giovani studenti e pendolari della stagione che camminano tra ombrelloni di giorno e al centro di notte, spesso un'auto è la loro casa e in italia non spendono niente per mandare tutto a casa.Merda ecco che ci lasciano qua questi.Se invece prova un italiano a vendere senza preventiva autorizzazione è un criminale, loro invece sono trasparenti.

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    07 Ottobre 2011 - 21:09

    Sono venuti due signori a raccogliere ferro vecchio. Cortesi, compiti, dignitosi. Aggiungerei onesti, perchè invece di rubare, vendere droga o commettere altri reati preferiscono raggranellare qualche soldo con questa raccolta. Ma, già c'è il ma: uno dei due mi fece capire di essere cassaintegrato e prendere quindi i soldi, pochi magari, delle Istituzioni italiane. Poi, appena arriva il freddo, se ne torna nella sua terra, città turistica famosa e dove in inverno la temperatura minima notturna non scende sotto i 12/15 gradi. In altre parole, noi lo paghiamo e lui se ne sta, certamente meglio, fra la sua gente. Una signora italiana 37enne che conosco bene invece sta fra la sua gente ma non riceve alcun sussidio statale poichè per i lavoratori precari quando il contratto finisce sono cavoli suoi. E poi si dice che siamo razzisti. Forse si, ma verso i cittadini italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog