Cerca

I rivoluzionari del sabato sera: prima distruggono, poi vanno a ballare

Gli indignati romani sono in realtà borghesi figli di papà, che per un giorno diventano bestie feroci e gli altri 100 restano pecoroni

I rivoluzionari del sabato sera: prima distruggono, poi vanno a ballare
Ma saranno veramente degli indignati? E saranno veramente dei black bloc? O non saranno piuttosto dei figli di papà, giovani borghesi radical chic che giocano a fare i rivoluzionari? Quelli scesi in piazza a Roma ricordano tanto i sessantottini criticati da Pasolini. Quelli che voleveano la rivoluzione proletaria, pur non essendo proletari. E che domani, finiti gli scontri e distrutte le banche, sarebbero diventati a loro volta banchieri. Stasera questi giovani, dopo aver messo a ferro e fuoco Roma, se ne andranno beatamente a ballare nei club della Capitale. Prima manifestanti, poi discotecari. Qualcuno di loro se ne andrà a mangiare al porchettaro, i gay friendly riempiranno la "Mucca Assassina", qualcun altro prenderà un privée. Ecco chi sono gli indignati.

La differenza con i padri- Forse il vero cambiamento rispetto al '68 è che allora chi manifestava sapeva che, presto o tardi, sarebbe stato riassorbito nel mercato del lavoro. La piazza fungeva da ufficio di collocamento. Oggi, invece, questi rivoluzionari del weekend non trovano più nella piazza la garanzia del domani. Dovrebbero andarsene all'estero a fare master, dovrebbero fare stage e studiare, accrescere il proprio bagaglio fornmativo per sperare di essere competitivi nella difficile situazione occupazionale. Invece, stupidamente, se ne stanno in piazza a perdere tempo. La loro rivoluzione non gli darà da vivere e da mangiare. Non faranno carriera per aver distrutto le vetrine. Sono l'imitazione sbiadita dei loro padri, questi giovani. Borghesi come loro, ma senza futuro.

Il paragone con la Grecia - Azzardare un confronto con i manifestanti di Atene è fuori luogo, a parte che per le violenze. Nella nazione ellenica chi scende in piazza lo fa contro una manovra lacrime e sangue, è gente che non ha più soldi per raggiungere la fine del mese: gli indignati là sono disperati. Le manifestazioni di distruzione sono aberranti e da condannare sempre, senza se e senza ma, però lì si protesta per qualcosa di reale. I rivoluzionari made in Italy, gli unici che oggi stanno facendo casino per le strade in tutto il mondo, sono invece violenti part-time, come quelli del G8 di Genova di dieci anni fa. Si prendono un giorno da bestie feroci, restando per i restanti cento pecoroni borghesi.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    16 Ottobre 2011 - 16:04

    Come già constatato nel passato i provocatori di violenze sono i 'figli di papà', quelli a cui non manca nulla e per le loro possibilità pecuniarie e di alte conoscenze vengono seguiti da amici, amici degli amici, senza rendersi conto che sono pedine gestite da irresponsabili fomentatori di violenze solo per i loro interessi.

    Report

    Rispondi

  • braddy

    15 Ottobre 2011 - 20:08

    come al solito la sinistra tira i sassi e poi si dissocia e poi essere indignati contro la casta non ha colore politico e non si risolve con la guerriglia cieca ,quella e solo violenza inutile e dannosa i danni poi li paghiamo tutti e poi le forze dll'ordine dovrebbero avere più' libertà' di azione già' pero' poi dopo se lo fanno sono fascisti

    Report

    Rispondi

  • arkadas

    15 Ottobre 2011 - 20:08

    uccci uccci....

    Report

    Rispondi

  • nerbustrella

    15 Ottobre 2011 - 20:08

    MARONI sveglia , cosa si aspetta a sparare proiettili di gomma , la polizia sembra un branco di imbranati ma forse sono le direttive dall'alto. basterebbero 100 uomini ben decisi e di questi scassaminchia rimarebbero briciole. naturalmente per la magistratura non è successo niente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog