Cerca

Il Corriere scomunica Emma: rema contro la crescita

Confindustria, duro editoriale di Giavazzi: "Mille interessi che impediscono riforme. E ha bisogno di sindacati altrettanto forti"

Il Corriere scomunica Emma: rema contro la crescita
Anche il Corriere della Sera scomunica Confindustria. "Finora per la crescita ha fatto di più Sergio Marchionne, annunciando l'uscita di Fiat" dall'associazione degli industriali, esordisce nell'editoriale di prima pagina Francesco Giavazzi. Il punto è che, prosegue, "non è la mancanza di infrastrutture a impedirci di crescere - almeno non in primo luogo - ma i mille interessi particolari che da decenni impediscono le riforme. E Confindustria è uno di questi".

Omologhi esteri - Il commento prosegue indicando come un omologo di Viale dell'Astronomia non esista né negli Stati Uniti né in gran Bretagna: "Sembra esistere soprattutto in Paesi ad alta disoccupazione".  Perché "un conto è la libertà di associazione, di proposta, di lobby", e un altro "è sedersi al tavolo con il governo per 'concertare' le leggi, contrattando dei 'do ut des' con la pretesa di avere il monopolio degli interessi di tutte imprese".

"Politica per i gruppi di interesse" - Giavazzi prosegue nella sua analisi sottolineando come "finché Confindustria parteciperà al tavolo della concertazione, giustamente i sindacati nazionali reclameranno il diritto di sedersi anch'essi a quel tavolo". E qui il succo del ragionamento: "E le politiche continueranno a essere concertate non per il bene dei cittadini, ma dei gruppi di interesse che Confindustria e sindacati rappresentano". Come recita il titolo dell'editoriale, in Italia la "crescita è fermata da troppi monopoli".

Lo scollamento dalle Pmi - Il Corriere poi si chiede: "Ma con quale credibilità (Ferrovie, Poste, Enel, Telecom, Eni, i big che comandano in Confindustria, ndr) rappresentano gli interessi delle mille piccole e medie imprese che tengono in piedi questo Paese?". La verità è che Viale dell'Astronomia è profondamente scollata dall'ossatura imprenditoriale del nostro Paese, il tessuto produttivo soffocato dalla grande crisi e dalla stretta del credito.

L'articolo 8 - Nel mirino del quotidiano di via Solferino ci finisce poi la recente vicenda dell'articolo 8 dalla manovra finanziaria sugli accordi aziendali, che nelle previsioni del ministro Maurizio Sacconi avrebbero potuto slegarsi dai vincoli imposti dai contratti nazionali. Ma la versione dell'articolo 8 che è poi passata è spuria: possibile la contrattazione in deroga, ma - con la benedizione di Confindustria - richiede che l'accordo tra lavoratori e impresa sia negoziato e approvato da un sindacato nazionale (questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha spinto Sergio Marchionne a portare il Lingotto fuori dall'unione degli industriali).

La conclusione - L'intesa tra Confindustria e sindacati, prosegue Giavazzi, "(è stata stretta) si dice per proteggere i lavoratori delle piccole imprese. Io penso che sia piuttosto per garantire la sopravvivenza dei sindacati nazionali". La stessa Confindustria, infatti, sta dalla loro parte. "Non credo perché abbia a cuore i lavoratori delle piccole aziende - si conclude l'editoriale -, ma perché un'associazione degli industriali si giustifica solo se vi sono dei sindacati nazionali altrettanto potenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giuseppe.sabatasso

    14 Novembre 2011 - 11:11

    Ma non sarebbe ora che questa Emma si ritirasse a fare la "calza". Speriamo che aumenti la gente come Marchionne. G.Sabatasso.

    Report

    Rispondi

  • steu60

    10 Novembre 2011 - 01:01

    Questa signora ha la memoria assai corta: Quanti dei nostri soldini sono andati a rimpinguare le casse sue e dei suoi colleghi? Quanti dei suoi amici hanno delocalizzato le loro aziende finanziati da noi italiani?Ristrutturazioni industriali sulla carta,finiti per finanziare in toto o parzialmente ,la delocalizzazione di molte aziende italiane all'estero. Se ne stia zitta e veda di far lavorare bene la propria azienda.

    Report

    Rispondi

  • osrevart

    02 Novembre 2011 - 08:08

    1 Novembre 2011, Ognissanti. SIAMO ALL’ORA X ? Cosi’ sembra, in barba ai Santi, visto il crollo delle Borse, l’aumento dello spread, ecc., ecc.. Berlusconi, Bossi & Co. AGITE, AGITE, AGITE ! date corso,almeno, alla recente ‘Lettera di intenti ‘ ‘suggerita’ dalla ‘Lettera’ della BCE. Bersani, Casini, Dirigenti delle confederazioni degli industriali, dei commercianti, Dirigenti sindacali, Ordini professionali, ecc., non fate, per una volta, le barricate, per il bene del Paese; oggi, vista la situazione, non resta che realizzare in fretta quegli ‘intenti’, chiunque sia al Governo. Dimentichiamo per un attimo, vista l’urgenza, le beghe interne. VOGLIAMO CHE, DOPO L’EUROPA, SIANO I BRIC (CINA, INDIA E BRASILE) A ‘SUGGERIRCI’ COSA DOBBIAMO FARE ? Date spazio in televisione a persone come Angelo Panebianco (sublime il suo articolo sul Corriere della Sera del 25 Settembte u.s.), Oscar Giannino, Ichino, Rampini, Pannella, Galli Della Loggia. Classe dirigente del Paese, ‘ricchi e potenti’ siete invitati a fare quel gesto, quell’investimento con rientro a lunghissimo termine volto alla riduzione del debito pubblico suggerito nel pamphlet ‘SE GESU’ FOSSE TREMONTI…’, disponibile sul web; vi invito a leggere e commentare anche il post ‘GLOBALIZZAZIONE: ERAVAMO PRONTI ? NO.

    Report

    Rispondi

  • guido.blarzino

    22 Ottobre 2011 - 15:03

    Le riforme in Italia non si fanno proprio perche' ci sono delle lobby potenti che voglio le riforme "pro domo loro" ovvero ancora agevolazioni oltre a quelle di cui gia' godono, il tutto a carico dell'apparato delle Pmi. Emma ne e' il simbolo oggettivo palese oltre alla sua particolare arroganza: Emma detta ultimatum al governo per le riforme che Le fanno comodo. Ma per l'economia italiana, in questa acuta fase di crisi che si e' creata anche a causa di Confindustria, non e' possibile procedere in questa direzione. Le aziende piu' avvedute l'hanno gia' capito e se ne sono andate da Confindustria ed altre seguiranno: ognuno deve rimboccarsi le maniche perche' non ci sono soldi per agevolazioni!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog