Cerca

Mario voleva commissariare i politici: hanno commissariato lui

Monti chiamato a formare un governo commissariale, Ma si cimenta a imitare il piccolo politico: siamo su una pessima strada

Mario voleva commissariare i politici: hanno commissariato lui
Per fare il gioco delle tre carte occorre mestiere, in caso contrario si parte per fregare e si finisce fregati. Mario Monti è stato chiamato a formare un governo commissariale, necessario per fronteggiare la tempesta della speculazione sui titoli del debito pubblico e impostosi nonostante il Parlamento non abbia mai votato la sfiducia al governo precedente, frutto di una vittoria elettorale. Questo è il senso di una chiamata autorevole, ma priva di forza politica. Il mandato è di fare, subito, quel che la politica non è stata e non è in grado di fare. Ma se Monti si cimenta con l’imitazione del piccolo politico, pretendendo una maggioranza tanto vasta quanto predefinita e tendenzialmente eterna, se arriva al ridicolo  di consultare i giovani e le donne (quando fette della società sono prive di rappresentanza il rimedio non consiste nell’inventarsene una a capocchia), allora siamo su una pessima strada. Che può portare dal commissariamento all’esautorazione delle istituzioni democratiche, ma, più facilmente, al fallimento.

La scena che si svolge sotto ai nostri occhi è incredibile. Il Quirinale ha dedicato la domenica alle consultazioni, laddove tutti sapevano come sarebbe andata a finire, sicché si stavano facendo dei giri a vuoto. Ha cercato copertura formale a un incarico già conferito quando il governo era nella pienezza dei suoi poteri. E passi, per salvare la facciata istituzionale. Ma Monti avrebbe dovuto ritornare al Colle lunedì mattina, se proprio non direttamente la stessa domenica sera. Tocca a lui, e solo a lui, stabilire il programma   del suo governo e come deve essere composto. Tocca al Parlamento, poi, stabilire se deve ricevere la fiducia e durare in carica più di qualche settimana (al massimo fino alla primavera del 2013), oppure gestire solo il pronto soccorso, per poi passare la mano al primo governo della prossima legislatura. Monti, invece, ha commesso l’imperdonabile errore d’incassare il primo veto, quello che il Pd ha posto contro Gianni Letta, passando da commissario a commissariato. Da lì non può più tornare indietro: o lo ignora o lo subisce. Nel primo caso il tempo lavora contro di lui, nel secondo la natura del suo governo è già cambiata. Il che lo rende infinitamente più debole. Nel frattempo, come non era vero che i mercati “bocciavano” Berlusconi così non è vero che ora “bocciano” Monti, ma era ed è vero che ci stanno massacrando e che noi, prima e ora, si dimostra di non sapere reagire. Con una differenza: prima era inerte un governo regolare, ora è inerte un incaricato il cui compito era proprio quello di mettere in atto la reazione.

Quando Monti dice che vuole l’appoggio  di tutti, con la partecipazione dei capi politici al suo esecutivo, apre una partita che non può essere sua. Quando afferma che non vuole scadenze al proprio governo dimentica che nella Costituzione non c’è traccia di governi cui si vota la fiducia una volta e poi governano per il resto della legislatura. Questo sovvertimento delle regole e della logica  aumenta il caos. Un osservatore capace e prudente, Stefano Folli, ha scritto, su Il Sole 24 Ore, che Monti ha adottato questa tattica dimostrando «l’attenzione che deve al suo alleato: l’opinione pubblica». È  appunto quello che non deve fare, la natura dell’incarico che ha ricevuto è opposta, perché se si deve dare ascolto all’opinione pubblica, posponendo l’intervento al consenso, allora sarà bene ricordare che esiste un solo modo per auscultare gli elettori: votare. Stabilire cosa pensano gli italiani non spetta ai giornalisti che titolano su “SuperMario”. E non spetta nemmeno ai mercati. Siccome, però, non si può non opporre alla speculazione interventi immediati (risolutivi non lo saranno, perché il problema non è in Italia, ma nell’euro) ecco che si giustifica il governo commissariale. Ma solo in tal senso.

Quando Monti non aveva ancora ricevuto l’incarico scrissi che il suo governo sarebbe stato breve o brevissimo, giacché l’orizzonte temporale è comunque ristretto e non si riforma l’Italia in pochi mesi. In compenso, però, traccheggiando in politichese si sprecano anche i giorni. Questo è il buco nero in cui Monti sta cadendo, e noi tutti con lui.

di Davide Giacalone
www.davidegiacalone.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    21 Novembre 2011 - 13:01

    Non è da oggi che chi rappresenta il Prof.Monti, cioè le grandi Banche con a latere la Casa Bianca, non Obama ma, chi comanda anche Obama, le Olding della "grana" internazionale, avendo capito che questa Italia, non è la Cenerentola dell'Europa Unita ma,una Nazione piena di risorse economiche e industriali da far invidia a tutti i Paesei del Mondo, affetta soltanto da una classe politica da far spavennto anche a un Asino, hanno pensato bene,prima che codesta classe polittica portasse il popolo italiano a una rivoluzioner civile, di sollevarla dall'incarico unitamente a tutti gli altri contendenti. L'operazione Monti è stata una operazione,seriamente politica, con la complicità anche del Presidente della Repubblica Napolitano da "guinnes dei primaati". Per cui, sarebbe bene smetterla e stare a vedere che cosa avverrà da quì a breve tempo. Non si dimeentichi che salvare l'Italia,significa proteggere anche tutta l'area mediterranea e europea occidentale da eventuali sadici appetiti.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    21 Novembre 2011 - 13:01

    Non è da oggi che chi rappresenta il Prof.Monti, cioè le grandi Banche con a latere la Casa Bianca, non Obama ma, chi comanda anche Obama, le Olding della "grana" internazionale, avendo capito che questa Italia, non è la Cenerentola dell'Europa Unita ma,una Nazione piena di risorse economiche e industriali da far invidia a tutti i Paesei del Mondo, affetta soltanto da una classe politica da far spavennto anche a un Asino, hanno pensato bene,prima che codesta classe polittica portasse il popolo italiano a una rivoluzioner civile, di sollevarla dall'incarico unitamente a tutti gli altri contendenti. L'operazione Monti è stata una operazione,seriamente politica, con la complicità anche del Presidente della Repubblica Napolitano da "guinnes dei primaati". Per cui, sarebbe bene smetterla e stare a vedere che cosa avverrà da quì a breve tempo. Non si dimeentichi che salvare l'Italia,significa proteggere anche tutta l'area mediterranea e europea occidentale da eventuali sadici appetiti.

    Report

    Rispondi

blog