Cerca

Farrell Sotto il loden era meglio la Thatcher Ecco perché Monti non combinerà nulla

Maggie vinse la guerra contro le corporazioni e cambiò l'Inghilterra. Purtroppo per l'Italia Mario non è della stessa pasta

Farrell Sotto il loden era meglio la Thatcher Ecco perché Monti non combinerà nulla

Da inglese residente in Italia dico: l’Italia del 2012 mi sembra l’Inghilterra del 1979. Cioè: un Paese in procinto di affogare in una palude puzzolente di privilegi sleali, statali e non. Ci vorrebbe una Margaret Thatcher per tirarlo fuori dall’acquitrino ma diciamolo:  Monti non è Maggie. Bisogna liberare l’Italia dalla tirannia monopolistica di caste, ordini e sindacati e dalle giungla strozzante di leggi, norme e regole nel mercato di lavoro che la soffocano. Ci vorrebbe una Dama di ferro, insomma, con delle palle di ferro. Ma Monti, com’è messo? Sotto il loden, voglio dire.Beh, non si sa mai ma ho i miei forti dubbi che sia dotato  come si deve. Vuole liberalizzare il mercato di lavoro, dice. Bravo. Ma che fa? Si agitano i farmacisti e i tassisti e tutti quanti e fa subito retromarcia. Quelli lì, mica sono i minatori britannici Mister Monti, che hanno fatto la guerra civile in nome di un’industria nazionalizzata in fallimento. Ha vinto la Thatcher   ma la guerra è stata lunga e dura. E di conseguenza la sinistra inglese, distrutta, è tornata al potere solo 18 anni dopo con una versione light della destra,  il New Labour di  Blair.

Chiedo: ma come mai in Italia, per portare un pacchetto di antibiotici dal cassetto al banco della farmacia e stangare il povero malato con prezzi alle stelle ci vuole una laurea, un cappotto bianco e un distintivo carino? Basta una ragazza qualsiasi che sa leggere, no? In minigonna, volendo. Come mai per fare il tassista ci vuole una licenza che costa più di un appartamento con vista Colosseo? Basta una patente di guida e una mappa, no? Come mai ci vuole un notaio strapagato da strozzino per stipulare un contratto per la compravendita di una casa? A proposito, che cos’è un notaio? Come mai un imprenditore con più di 15 dipendenti non può licenziare un fannullone?

Nel caso della “Maggie” (pronunciato Maghi),  com’era chiamata anche dai nemici, non finiva ovviamente con la sconfitta dei minatori. La dama di ferro ha liberato il mercato di lavoro in ogni settore. Prima in Parlamento, tramite delle leggi toste. Poi  in piazza, tramite le forze dell’ordine che hanno tenuto dure.  Giorno dopo giorno, anno dopo anno, gridavano durante i tanti scioperi e manifestazioni «Maggie! Maggie! Maggie! Out! Out! Out!». Ma lei rimaneva al potere lo stesso. Per un motivo semplice: la democrazia aveva sconfitto la tirannia. La maggioranza silenziosa  votava per lei.

Ho vissuto quegli anni a Londra da giovane. Avevo una laurea da Cambridge ma non contava molto. Volevo fare il giornalista ma c’era crisi. Nessuno assumeva giornalisti, figuriamoci giornalisti aspiranti. Ma poi, grazie alla Thatcher, Rupert Murdoch, proprietario de The Times e The Sun, fra gli altri, ha potuto aprire la prima redazione computerizzata in Inghilterra. Ma doveva organizzare tutto nella massima segretezza! Naturalmente, una volta consapevoli di quello che ha combinato «that bloody bastard» Murdoch, i sindacati dei tipografici e giornalisti si sono incazzati come dei puma. Tutti piazza insomma a tempo indeterminato. Troppo tardi. Murdoch “lo squalo” aveva assunto una squadra di tipografici alternativi che sapevano usare la nuova tecnologia e i computer. E tanti giornalisti suoi avevano accettare la nuova redazione.  Ma non tutti. Quindi, Murdoch aveva bisogno urgente di giornalisti. Sì, io Farrell da Forlì detto l’inglese facevo ero uno di questi esterni. Per The Times. Ostia! Sì, ho fatto «the scab», cioè, il crumiro. E ne sono fiero. Ogni giorno per andare al lavoro dovevo passare il picchetto dei privilegiati esclusi che mi sputavano addosso e mi sgridavano. E così, ho iniziato la mia carriera da giornalista per la stampa nazionale. Fino a quel momento avevo lavorato solo per un piccolo giornale di provincia alla caccia delle ambulanze come si dice da noi. E pensate: non sapevo neanche usare un computer! Ma ho imparato presto. Thank you Maggie! Thank-you Murdoch!

Monti, chiaramente, non è fatto della stessa stoffa. E ho notato un’altra cosa nei suoi confronti. Cioè: non parla neanche l’inglese come da economista internazionale, si vanta di fare. A casa qui nella rossa Romagna  guardo Sky (inglese). Ed eccolo, l’ex rettore della Bocconi, accanto al premier inglese, Cameron, alla loro conferenza stampa mercoledì scorso al 10 di Downing Street. La sua dimestichezza con la mia lingua, ve lo dico io, non era al top. Anzi.

di Nicholas Farrell

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brumon

    08 Febbraio 2012 - 14:02

    "da inglese", "noi inglesi" .... oh c'mon, Nic, you're Irish, aren't you?

    Report

    Rispondi

  • valenanda

    23 Gennaio 2012 - 16:04

    Ottimo articolo. Troppo severo con Monti, ma in ottica costruttiva.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    23 Gennaio 2012 - 10:10

    La similitudine tracciata da Farrel è verosimile. Che Monti sia un bluff lo dico da quando ho capito che le sue proposte, attualmente, sono soltanto dei paliativi. Oltre tutto,rispetto a Maggie, Monti ha un parlamento appiattito ed addomesticato al punto che può fare sparate da megalomane. Il giornalista inglese è stato persino benevolo nei confronti del premier italiano. Ora mi verrebbe da dire che siamo italiani e non inglesi. Che i 'vizi' corporativi italiani hanno vissuto l'epopea del fascismo. La storia dei due Paesi è molto diversa tra loro. L'Inghilterra conosce la democrazia da più di cinque secoli. Questo è l'handicap che Monti magicamente non può annullare. Ma questo era vero anche per gli esecutivi che lo hanno preceduto. Con l'aggravante che quegli esecutivi dovevano fare i conti con una base elettorale 'viziata' dalle storture dei sistemi statalisti che avevano governato l'Italia sin dal termine della seconza guerra mondiale.

    Report

    Rispondi

  • maurnarg

    23 Gennaio 2012 - 07:07

    ..si sà, gli inglesi sono perfetti! Monti , da commisario europeo, qualche dispiacere alle multinazionali dei fratelli d'oltreoceano, molto legate alla finanza inglese, lo ha dato. Poi, oh my God, Monti non avrà mai la pronuncia perfetta della Thatcher. Ma quand'è che gli inglesi se ne escono completamente dall'Europa, anzichè fare il doppio gioco?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog