Cerca

State coi camionisti oppure no?

Mughini: "E' una protesta anti-democratica, finiamo come il Cile". Belpietro: "No, la colpa non è loro". Vota il sondaggio

State coi camionisti oppure no?

Un paese in ostaggio: l'Italia si sveglia ancora bloccata dalla protesta dei tir. "Una protesta selvaggia che uccide la democrazia", scrive oggi su Libero Giampiero Mughini. "La democrazia italiana è sul ciglio del burrone" e le proteste popolari, lo stato di emergenza perenne e il costo della vita che lievita rischia di farci fare la fine del Cile di Allende e Pinochet. "Macchè, il vero guaio è l'arroganza dei sindacati", replica il direttore Maurizio Belpietro, secondo cui è "facile prendersela con i padroncini che stanno sulla strada 15 ore al giorno. Ma dietro di loro c'è qualche bocca da sfamare, non migliaia di iscritti". Il rigore, dunque, deve valere per tutti: anche per sindacati, banche e assicurazioni.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    28 Gennaio 2012 - 11:11

    scrivi ".. i materiali non deteriorabili andrebbero trasportati via mare e/o via treno, limitando così al massimo i camion circolanti." bravo 7+! io tratto da 50 anni materiali edili NON DETERIORABILI, ho fatto viaggiare un’infinità di migliaia di metri cubi.. non ho mai trovato un cliente che volesse un trasporto a mezzo nave o treno (a parte le pochissime esportazioni via mare) gli ordini sono sempre URGENTISSIMI.. è colpa dei camionisti? in più (si vede che leggi poco) sulle ferrovie i furti e i danneggiamenti sono frequentissimi, specialmente x merci di valore (vedi rame ecc.) si possono trasportare solo merci di poco prezzo (rottami di ferro o roba simile) resta il fatto che i camionisti fanno un lavoro massacrante e guadagnano appena il necessario x vivere.. tu che caxxo fai invece? o pensi xchè hai (magari) un pezzo di carta (comprato? o preso in zone dove un diploma o una laurea non si negano a nessuno?) di avere più diritti di loro?

    Report

    Rispondi

  • sdavids

    26 Gennaio 2012 - 09:09

    Caro Mughini, non ci siamo, documentati sul settore e poi ne discutiamo. Facile vincere facile!!!!!

    Report

    Rispondi

  • vonfaltinek

    25 Gennaio 2012 - 17:05

    di quale democrazia sta parlando? di quella che è stata cancellata dal '68 in poi, con i picchetti nelle fabbriche, le autostrade bloccate, le scuole occupate, la caccia al fascista, il parlamento sbilanciato asinistra, con i voti legittimi del MSI ghettizzati e quindi inutilizzati; oppure preferiamo ricordare gli anni in cui se possedevi un gommone di due metri eri un affamatore del popolo? oppure al giorno d'oggi con gli studi di settore e le tasse prepagate: si è mai preso la briga di provare a fare un bilancino di un bar di quartiere, gestito da marito e moglie, con un paio di figli che studiano e aiutano per quello che possono, tenendo conto di tasse tassette balzelli e altro? quanto deve incassare al giorno, tutti i giorni, per sopravvivere? naturalmente non si deve ammalare nessuno, le ferie a rotazione, ecc., ecc.

    Report

    Rispondi

  • mat972

    25 Gennaio 2012 - 16:04

    Il governo non può continuare a stare a guardare questo sciopero e quello futuro dei benzinai. Per salvaguardare gli interessi di un ristrettissimo numero di lavoratori si sta cercando di mandare a rotoli l' economia di un paese che si sta lentamente riprendendo dal baratro in cui era precipitato. Che visione diamo all' estero ed ai mercati finanziari dell' Italia? Si possono vanificare i sacrifici fatti finora per conservare privilegi di persone che guardano solo al proprio interesse personale. Quante ditte finora sono fallite e quanti lavoratori sono stati espulsi dal mercato del lavoro? eppure finora nessuno ha protestato in maniera così eversiva. Lo Stato adoperi la maggiore severità possibile nei confronti di questi delinquenti che stanno rovinando l' economia di una nazione!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog