Cerca

Facciamo Silvio senatore a vita al posto dell'ex presidente

La proposta del Pdl: Berlusconi a Palazzo Madama per sostituire l'ex Dc Scalfaro. Adesse dipende tutto da Napolitano

Facciamo Silvio senatore a vita al posto dell'ex presidente

Oscar Luigi Scalfaro ha lasciato un vuoto. Fisico, oltre che morale per chi lo riteneva degno di incarnare una forma di moralità. Il vuoto è quello del laticlavio che condivideva a Palazzo Madama con Giulio Andreotti, Emilio Colombo, Rita Levi Montalcini, Mario Monti e Sergio Pininfarina. Come noto, a questo privilegio accedono di diritto gli ex capi di Stato (lo stesso Napolitano tornerà a occupare quella posizione, sempre che non venga nominato per un altro settennato) e coloro che, come recita l’articolo 59 della Costituzione, «hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario».

L’attuale capo di Stato si è avvalso di questa facoltà una sola volta, e il suo gesto è stato il fatto politico più rilevante della seconda Repubblica, forse la sua fine: il 9 novembre 2011 ha scelto Mario Monti, immediato prodromo alla sua nomina a primo ministro. Forse c’è un modo per colmare quel vuoto, dando - dopo aver contribuito ad ammazzare una fase storica - una botta di vita a quel confuso quadro che la politica italiana sta cercando di abbozzare. Quel modo potrebbe essere la nomina a senatore a vita di Silvio Berlusconi.

Ieri l’ha buttata lì anche Stefano De Lillo, senatore del Pdl che può avere i suoi bravi interessi. Il collega Stefano Ceccanti ha puntigliosamente replicato che De Lillo dorvebbe «studiare la differenza tra senatori di nomina e di diritto». A parte il fatto che Napolitano ha dato prova di notevole flessibilità nell’interpretazione delle prerogative costituzionali, resta il fatto che la facoltà di nomina è indubbia, e la coincidenza della scomparsa di Scalfaro sarebbe al massimo un tocco d’ironia con tutta l’aria del destino. Da settimane, per non dire mesi, si parla a mezza voce di un salvacondotto per il Cavaliere, che ne sterilizzi in qualche modo il conflitto di interessi senza pregiudicarne la dimensione politica e pubblica. Lo stesso Pdl non fa mistero di legare i destini giudiziari dei processi sull’ex premier e il sostegno all’esecutivo Monti. Napolitano ha mostrato di privilegiare la via politica a qualunque altra: Berlusconi senatore a vita sarebbe l’ennesima sberla tirata alla sinistra urlante, una paradossale prigione dorata unita al riconoscimento del ruolo inespungibile del Cav e, forse, un mezzo aiuto al Pdl per provare a diventare un partito.

di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bepper

    01 Febbraio 2012 - 12:12

    Così ci togliamo il pensiero. Scalfaro era senatore a vita perché ex presidente, non per meriti. A proposito, alcuni illuminati del PDL non avevano proposto Silvio per il Nobel? Che fine ha fatto la proposta? Due risate risolleverebbero l'atmosfera greve degli accademici di Stoccolma ed Oslo.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    01 Febbraio 2012 - 12:12

    My God, come sei sboccato!! Si vede che la notizia di Silvio-senatore-a-pompetta-a-vita ti ha creato una strana eccitazione, Rileggiti Freud, seconda fase dello sviluppo psico sessuale....

    Report

    Rispondi

  • biri

    01 Febbraio 2012 - 11:11

    Attento a non farla tutta, altrimenti di te non resta più niente.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    01 Febbraio 2012 - 10:10

    Qua da noi,democratici berlusconiani d.o.c. siamo abituati a usare il water da parecchio tempo,quello normale,bianco,igienico e con il coperchio e lo sciacquone!Voialtri li nel ghetto dei residuati post comunismo anti/Silvio usate ancora la turca?O vi hanno messo un unico gigantesco water con un buco che se non state attenti,aspira lo stronzo e quello che lo stronzo lo cag@???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog