Cerca

Le Acli invitano Curcio

Azione giovani: "Vergognoso, intervenga il Vescovo"

Le Acli invitano Curcio
Renato Curcio che parla alle Acli. Succederà domani sera, a Chivasso, in provincia di Torino, per la presentazione della sua ultima fatica letteraria dopo la stagione da brigatista che può vantare nel curriculum vitae. “I dannati del lavoro” è il titolo, e parla dello sfruttamento dei dipendenti extracomunitari da parte dei padroni, per portare alla luce le discriminazioni che subiscono dai nemici di sempre. Un evento che sarebbe passato anche inosservato, se non fosse che qualcuno se n'è accorto navigando nel sito Infoaut.org, portale di uno dei tanti centri sociali che ha sponsorizzato e organizzato la presentazione. Chiedendo ospitalità alle Acli e così, presso la sala “I care”, nome dal gusto veltroniano, in via Italia, Curcio siederà e parlerà.
“E’ semplicemente vergognoso che sia proprio l’associazionismo cattolico ad offrire nuova visibilità a chi, come Curcio, non si è mai pentito di aver intrapreso una lotta armata che ha insanguinato l’Italia”, si legge nel comunicato di Azione giovani di Torino. Maurizio Marrone, che fa parte dell’esecutivo nazionale del movimento giovanile di Alleanza nazionale, ha le idee chiare in proposito: “L’Acli di Chivasso ha detto sì, dicendo che anche se non condividono il suo passato, Curcio ha pagato”.
Come pensate di intervenire come Azione giovani?
"Invieremo una lettera al vescovo perché intervenga. E’ paradossale concedere a Curcio la possibilità di ricostruirsi un'immagine da parte degli ambienti cattolici. Le Acli sono una realtà cattolica e così ci rivolgiamo al vescovo perché impedisca l’evento".
Avete in programma qualche contro-manifestazione?
"Scenderemo in piazza e metteremo a tutto volume canzoni sui giovani missini uccisi dalle Brigate rosse e dagli ambienti di sinistra".
Marrone ricorda ad esempio le morti di Giuseppe Mazzola, carabiniere di 60 anni, e Graziano Giralucci, 30enne agente di commercio e aderente al Movimento sociale. Era il 17 giugno del 1974, un gruppo di brigatisti fece irruzione nella sede del partito di Almirante alle 9:30 di mattino e lasciò sul campo i due corpi di Mazzola e Giralucci. Fu proprio Curcio a rivendicare l’azione delle Br in un comunicato e venne condannato non come esecutore materiale dell’atto terroristico, ma come mandante.
Parteciperanno anche i centri sociali ed altri gruppi di sinistra, immagino.
"Di certo saranno presente i centri sociali della zona. Una parte del Pd ha preso le distanze, ma un’altra parte più quelli di Rifondazione non mancheranno l’appuntamento".
Chi ci sarà al vostro fianco a protestare?
"Ci sarà l’onorevole Ghiglia, eletto come esponente di An nelle liste del Pdl. Il sindaco di Chivasso, Bruno Matola, ha preso le distanze dall’evento, ma non può impedirlo dal momento che alal fine si svolge in uno spazio privato".
L’ironia della sorte: grazie alla proprietà privata il buon Curcio potrà farsi della pubblicità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    13 Luglio 2008 - 11:11

    Io ho già accennato le ragioni del perchè non frequento più la Chiesa, ma prego più degli altri, primo per il fatto della Chiesa di China Town, secondo per la separazione di cui non posso avere i sacramenti ma criminali e terroristi bene accettati. Era la stessa domanda fatta da Berlusconi e già lo zoccolo duro ex PCI ad alzare barricare e fare i puritani dei valori, poi toccata Nilda Jotti, che fu l amante del Migliore o per la casa d epoca di 400mq nel cuore di Roma a poco prezzo, sembrano pesci senz acqua lo sono casti e puri, quelle cose alla Clinton nella stanza Ovale con la Lewinsky dalla parte politica stare zitti e guardate verso Mosca o Pechino che, sono tanto umani che alle Olimpiadi vi faranno mangiano pure i Pechinesi a meno che non sia un Vincenzo Alias Il Contadino, mentre altri pezzi come pezzi di ricambio venduti su internet! Il nuovo? Chiedetelo a Schiavettones che ha tirato la catena del Weltromarx a favore di D Alema, un altro stinco di Santuzzo ch io l avrei lasciato fuori dalle Istituzioni per le Molotov, stesso vale per Curcio, ma siccome che sono molto umano l avrei affidato per un bagnetto - di cure e bellezza - al loro beniamino e sostenitore Brusca, Leader e Re del bagno integrale, made in Totò Rejna. Enzoaliassilcontadinoatalicepuntoit NB Senza punteggiatura per accettazione da Softwere

    Report

    Rispondi

  • amf.vitali

    11 Luglio 2008 - 12:12

    Comunque il fondo non è ancora stato raggiunto. Ho sentito dire che le Acli presto terranno un seminario sulle nuove misure di sicurezza nella Città del Vaticano. Pare che il primo relatore sarà Alì Agca.

    Report

    Rispondi

  • haronn

    09 Luglio 2008 - 19:07

    haronn :E' da tempo che ,In Italia sovente ,pur di suscitare interesse ,si commettono gravi leggerezze.non é errore quando l'Uomo aiuti il suo consimile a riscattarsi,a ricredersi sul male compiuto.Tutti abbiamo il diritto ,dopo esserci guardati dentro per avere commesso dei crimini,di risanare quello status che oggi non lo si accetta perchè ha ingenerato errori.L'uomo che vuol riprendere un percorso nuovo lo deve fare singolarmente o assieme ad altri .Tutti hanno il diritto di chiedere il perdono.Ma l'uomo che ha commesso dei crimini,benchè abbia pagato e quindi in atto di riscattarsi,non può essere ritenuto un esempio per una platea d'ascolto.Il mio discorso gentili lettori d'ogni censo ,parte da lontano,nel senso che,ciascuno di noi, non può ne deve ritenersi maestro ad un altro.I Maestri sono tutt'altra gente,sono coloro che,con i loro comportamenti,sono il riflesso ed il riferimento di chi li sa osservare e il signor Curcio,non può avere o assumere l'epiteto di oratore perchè non può essere ritenuto un esempio,casomai ,nel caso in cui lo volesse,si cerchi meglio dentro prima di cantar orazioni.Le Acli,come istituzione cristiana,probabilmente si è fatta pevadere da un atto superficiale per ottenerne un'altro : quello pubblicistico. Ho detto Salvatore Casales

    Report

    Rispondi

  • haronn

    09 Luglio 2008 - 19:07

    haronn :E' da tempo che ,In Italia sovente ,pur di suscitare interesse ,si commettono gravi leggerezze.non é errore quando l'Uomo aiuti il suo consimile a riscattarsi,a ricredersi sul male compiuto.Tutti abbiamo il diritto ,dopo esserci guardati dentro per avere commesso dei crimini,di risanare quello status che oggi non lo si accetta perchè ha ingenerato errori.L'uomo che vuol riprendere un percorso nuovo lo deve fare singolarmente o assieme ad altri .Tutti hanno il diritto di chiedere il perdono.Ma l'uomo che ha commesso dei crimini,benchè abbia pagato e quindi in atto di riscattarsi,non può essere ritenuto un esempio per una platea d'ascolto.Il mio discorso gentili lettori d'ogni censo ,parte da lontano,nel senso che,ciascuno di noi, non può ne deve ritenersi maestro ad un altro.I Maestri sono tutt'altra gente,sono coloro che,con i loro comportamenti,sono il riflesso ed il riferimento di chi li sa osservare e il signor Curcio,non può avere o assumere l'epiteto di oratore perchè non può essere ritenuto un esempio,casomai ,nel caso in cui lo volesse,si cerchi meglio dentro prima di cantar orazioni.Le Acli,come istituzione cristiana,probabilmente si è fatta pevadere da un atto superficiale per ottenerne un'altro : quello pubblicistico. Ho detto Salvatore casales

    Report

    Rispondi

blog