Cerca

Facci: Porgi l'altra spranga Basta con i distinguo

"Ne ho abbastanza anche di specificare che non tutti sono violenti: chi viola la legge - in flagranza - deve andare in galera"

Facci: Porgi l'altra spranga  Basta con i distinguo

Ne ho abbastanza di atteggiamenti «responsabili» che mirino a «isolare» la violenza dei No Tav. Isolati lo sono già, e ci marciano: come un branco di iene rispetto alla savana, la separatezza è il loro ecosistema, occorre solo ricordare che le iene vanno trattate da iene. Ne ho abbastanza anche di specificare che non tutti sono violenti, ne ho abbastanza ossia di fare distinzioni che loro non fanno per primi: chi viola la legge - in flagranza - deve andare in galera, ora e subito, se sono dieci ne arresti dieci, se sono mille ne arresti mille, se umili un poliziotto - in quel modo - ti va bene se non ti spacca il cranio, e confesso che l’avrei desiderato. Nel vedere quella scena non mi sovviene Pasolini, mi sovviene la voglia di prendere a calci nel culo quello sfigato - vero - che appartiene della stessa razza di bastardi che ieri ha picchiato e derubato una troupe del Corriere. E se avessi incontrato chi ha imbrattato l’ingresso di Libero e scritto «giornalisti assassini», aggiungo, forse non avrei mantenuto un atteggiamento «responsabile» teso a «isolare» eccetera: anche perché isolati, ormai, stiamo diventando noi tutti, noi normali. Lo dico: potrei violare la legge e adeguarmi - à la guerre comme à la guerre - e sarei irresponsabile, e sarebbe colpa mia, ma anche di chi in galera, quelli, non ce li ha messi prima. Lo dico da sincero democratico: basta con questi stronzi.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    10 Marzo 2012 - 21:09

    Concordo pienamente

    Report

    Rispondi

  • caberme

    04 Marzo 2012 - 14:02

    E' ora che i violenti vadano finalmente in galera e che paghino per i danni che regolarmente questi movimenti sé dicenti pacifisti procurano nelle città oggetto delle manifestazioni. Ma mi chiedo ci sono leggi adeguate? i P.M. che fanno? dormono o sono conniventi? Perchè non vengono utilizzate le pallottole di gomma che possono stendere il violento nell'atto di compiere vandalismi e quindi di identificarlo e fargli pagare e ripeto pagare i danni prodotti? Perchè esistono sempre forze politiche che sono pronte a condannare ma, sempre quel ma, pronte a comprendere chi sbaglia cioe chi commette violenze? La maggioranza, che va a votare, che non è violenta e che vorrebbe vivere in un Paese governato a 360 gradi siccome non rompe, non spacca, viene sempre disattesa.

    Report

    Rispondi

  • pfedrizzi

    03 Marzo 2012 - 10:10

    Niente stadio senza tesserino, niente auto senza patente, niente appalto senza certificato antimafia e fideisussione .... niente manifestante senza tesserino da riconsegnare (tecnologia RFID - UHF come negli stabilimenti balneari romagnoli); registrazione alla partenza come alla 'Marcialonga'. Fermato senzae paga multa con sequestro di beni da parte di equitalia se non paga. Partecipanti rispondono in solido dei danni materiali diretti ed indiretti provocati volontariamente. Tutti hanno diritto a protestare, come a lavorare, come alle cure mediche ma con regole precise; senza regole non si vive. Per tutti, italiani e stranieri, appriamo il contocorrente 'diritti\doveri' (tessera a punti); vai sotto zero basta diritti. Corso per recuperare. Sporchi per strada= 3 giorni di spazzino, etc. Mettere in piedi un sistema di questo tipo è semplicissimo con le tecnologie di oggi. Facciamo lavorare le aziende che hanno bisogno di lavorare ed anche i parasiti fanulloni.

    Report

    Rispondi

  • Helmut

    02 Marzo 2012 - 12:12

    Trovato quel librucolo su internet ( si perchè già definire "libro" un diario di viaggio è un tantino presuntuoso) al prezzo di € 9,00 che per un"librucolo sono una miseria ma con quella cifra penso che continuerò ad usare la più morbida ed economica "carta igienica". Ma cmq, fermo restando che sia veramente tu l'autore che si definisce ex militare, skipper, yatching broker ed altro, non fa di te nè un Magellano nè l'unico conoscitore della storia di Cuba.E poi scusa, ora te la tiri da comunistone ma allora le motivazione che ti hanno portato sull'isola erano puramente "commerciali", solo per interesse, come un bravo capitalista assetato di guadagni facili, quindi facci il piacere, vai a Cuba a fare il moralista da 2 soldi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog