Cerca

Anche Zucconi non sta bene: paragona Bush a Erode

La firma di Repubblica parla della carneficina del marine Usa in Afghanistan: tutta colpa di George W., Obama non c'entra

Anche Zucconi non sta bene: paragona Bush a Erode
Poche parole assicurano la manutenzione oscillante di un pregiudizio medio come la prosa di Vittorio Zucconi. L’innamorato cantore dell’era Obama è riuscito, nello spazio di un weekend, ad addossare a George W. Bush la responsabilità dell’immane massacro compiuto da un marines (o forse più) in Afghanistan, a non nominare il presidente in carica e a scrivere che si tratta di un atto della «nostra jihad». Zucconi un paio d’anni fa scriveva che «la scelta di accrescere l’occupazione dell’Afghanistan [...] è sicuramente dentro la storia e la tradizione e la cultura americana nell’accettare la tragica necessità della guerra». Era, l’Obama di battaglia che non scappava e vinceva il Nobel, un «soldato riluttante», il «“sergente York” interpretato da Gary Cooper, strenuo obiettore di coscienza e pacifista che, costretto in trincea, impara a uccidere e a sconfiggere il nemico. E sa che la strada per ogni pace è sempre, nella storia umana, lastricata dalla guerra». Ci dev’essere una profonda coerenza nel dire, qualche ora dopo la strage: «Via, via, via subito, ieri, non domani». L’invito al ritiro dall’Afghanistan Zucconi lo affida al sito di Repubblica.it: «Quello che è accaduto  è la conseguenza inevitabile di guerre demenziali condotte su premesse demenziali [...] da quegli imbecilli arroganti e supponenti chiamati neo-con che condizionarono un debole e ignorante Giorgino II, uno sbruffoncello texano senza palle, tutto cappello e niente cavallo». Il marchio della legittimazione internazionale sull’intervento in Afghanistan - per anni vantato come esempio di multilateralismo applicato - è un ricordo cancellato, così come il rafforzamento della missione voluto da Obama: «[...] non facciamo finta di non sapere e non vedere che cosa succede quando si combattono guerre per ragioni ideologiche, religiose o politiche, tinte da segrete ma visibilissime motivazioni razziali». Quali? Per saperlo occorre leggere Repubblica: «Quanto è accaduto [...] non è l’eccezione, è la normalità [...]». Fino all’inaudito: «Si piange su vecchi, donne, bambini, civili di ogni età caduti, come se da decenni essi non fossero affatto il “danno collaterale”, “l’errore” del quale scusarsi, ma l’obbiettivo principale degli attacchi». E giù paragoni acrobatici con Coventry, Dresda, Nagasaki (Nagasaki!). Ad apprezzare gli svolazzi schivandone la gravità, uno quasi si diverte.


di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vittoriomazzucato

    14 Marzo 2012 - 07:07

    Sono Luca. Vedo Vittorio Zucconi ogni tanto dalla Gruber e mi sembra che sia tanto che è "malato". GRAZIE.

    Report

    Rispondi

  • paolosardi

    14 Marzo 2012 - 02:02

    Prendersela con Zucconi è veramente come sparare sulla Croce Rossa.

    Report

    Rispondi

  • freefaber

    13 Marzo 2012 - 22:10

    ...suona le campane (del padrone)

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    13 Marzo 2012 - 19:07

    La vecchia è una brutta bestia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog