Cerca

Facci: Patto stato e Mafia "Tutte assurdità"

La trattativa tra Stato e Mafia si basa su fondamenti illogici portati avanti dai magistrati siciliani per giustificare i 20 anni di processi

Facci: Patto stato e Mafia "Tutte assurdità"

"La trattativa tra Stato e Mafia si basa su fondamenti illogici portati avanti dai magistrati siciliani per giustificare i 20 anni di processi". E' quanto asserisce nel suo video commento, il giornalista di Libero, Filippo Facci. "Alcuni innocenti sono finiti in carcere e i processi sono tutti da buttare perché i magistrati diedero retta ad un pentito Vincenco Scarantino, drogato analfabeta che conviveva con un travestito. Era già allora ritenuto inaffidabile e inattendibile anche da figure autorevoli come Ilda Bocassini . Quei processi erano una patacca. Però i magistrati siciliani ci sono arrivati dopo 20 anni".


Trattativa illogica - Facci illustra il perché dell'illogicità della trattativa e per farlo porta come prova alcune date. "La trattativa Stato e Mafia, si poggiava su questo accordo: voi mafiosi la piantate con le stragi e noi vi attenuiamo o cancelliamo il carcere duro 41 bis. Secondo la tesi dei magistrati, Borsellino fu fatto fuori perchè era ritenuto un ostacolo in questa trattativa tra stato e mafia".  Eppure sottolinea Facci, il 41 bis nel 1992 neanche esisteva. Inoltre anche Brusca ammise: "Mai parlato con Riina di trattative". La trattativa Stato e Mafia è quindi sbagliata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bepper

    14 Marzo 2012 - 19:07

    Facci come al solito sbaglia http://it.wikipedia.org/wiki/Articolo_41_bis L'articolo 41-bis della Legge del 26 luglio 1975, n. 354 (legge sull'ordinamento penitenziario) è stato introdotto dalla legge 10 ottobre 1986 n. 663, prevedendo la possibilità per il Ministro della Giustizia di sospendere l'applicazione delle normali regole di trattamento dei detenuti previste dalla stessa legge in casi eccezionali di rivolta o di altre gravi situazioni di emergenza. ….. L'articolo è stato emendato dall'art.19 del decreto legge 8 giugno 1992, n. 306, che ha esteso tale facoltà ministeriale di sospensione delle regole di trattamento ai casi di detenuti .... Giornalista? Cosa Nostra sentitamente ringrazia. Facci fa il paio con la Maiolo quando nel 1993 ruppe con la sua campagna per abolire il 41bis, ovviamente dopo essere passata a FI.

    Report

    Rispondi

  • idzard

    14 Marzo 2012 - 18:06

    Il termine "trattativa" comparve per la prima volta in una informativa dello SCO del 1993. La si vuole già esistente nel 1992 per cercare di trovare un movente alla strage di via D'Amelio DIVERSO dal movente che portò alla strage di Capaci. E' una forzatura disonesta e stupida, perché, tra le altre cose, si vorrebbe far credere che Borsellino, venuto a conoscenza della trattativa, sdegnatamente le si sarebbe opposto. Ora, Borsellino non era una suora di clausura, sapeva benissimo come tutti che esiste una"zona grigia" in cui uomini dello Stato ricevono confidenze e trattano con uomini della mafia. I patti tra Stato e criminalità sono sempre esistiti. In fondo, anche la legge sui pentiti è un patto Stato-mafia. E poi questa ipotetica trattativa serviva, secondo i magistrati, a far cessare le stragi. Ma perché allora non si indaga sul "patto scellerato" tra mafia e alcuni uomini delle Istituzioni che invece quelle stragi produsse? Io lo trovo molto più doveroso e interessante.

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    14 Marzo 2012 - 17:05

    "La trattativa tra Stato e Mafia si basa su fondamenti illogici portati avanti dai magistrati siciliani per giustificare i 20 anni di processi". Allora vent'anni fa come giustificava Facci la Trattativa tra Stato e Mafia? Fondamento Logico!

    Report

    Rispondi

  • antari

    14 Marzo 2012 - 17:05

    Lo dice Facci su Libero e quindi e' vero.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog