Cerca

Facci: responsabilità civile, le toghe vogliono l'impunità

L'Associazione nazionale magistrati respinge ogni ipotesi sulla responsabilità civile dei giudici, Motivo: è a rischio l'indipendenza

Facci: responsabilità civile, le toghe vogliono l'impunità

Abbiamo vinto un concorso e quindi vogliamo fare tutto quello che ci pare, decidere della libertà altrui senza neppure fare un test attitudinale, avere la carriera automatica, gli scatti di stipendio automatici, non avere orari, essere fuori stanza a piacimento, avere più ferie di qualsiasi altro cittadino, portarci i fascicoli a casa come se fossero temi da correggere, se quereliamo vogliamo avere i risarcimenti più alti d'Italia, soprattutto - come ha ripetuto ieri l'Associazione nazionale magistrati - voi politici o tecnici dovete cancellare ogni ipotesi sulla responsabilità civile di noi magistrati, non ne dovete neanche discutere, non ce ne frega niente se ce lo chiede l'Europa, non ce ne frega niente della sentenza C-379/10, non ce ne frega niente di Monti e se la magistratura italiana è unica al mondo: ci va bene la legge di adesso, quella inapplicabile, quella che passa per 9 gradi di giudizio e che in 25 anni ha ammesso solo 34 cause con solo 4 condanne, risarcimenti che comunque pagate voi, lo Stato, mica noi: perché sennò è in pericolo l'indipendenza della magistratura. Quindi spicciatevi, Camera e Senato obbediscano al sindacato unico dell'Anm, facciano il favore di stralciare completamente ogni emendamento dalla legge Comunitaria, e sapete perché? Perché sì.

di Filippo Facci

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    24 Marzo 2012 - 20:08

    Come dare loro torto? Vogliono essere equiparati ai politici! Potere legislstivo, esecutivo e giudiziario tutti devono essere messi, giustamente, sullo stesso piano; la legge è uguale solo per i cittadini comuni!

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    23 Marzo 2012 - 13:01

    i giornalisti nell'esrcizio delle sue funzioni possono sbagliare, quando scrivono un'articolo. Responsabilità civile pure per loro?

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    23 Marzo 2012 - 10:10

    Anche i chirurghi fanno un lavoro importante e delicato; lavorano con orari normali e con normali ferie e normali stipendi. Hanno, però una responsabilità nei confronti dei cittadini. Per questo hanno un'assicurazione che li tutela, almeno dal punto di vista finanziario, ma non da quello morale. Se sbagliano, è giusto che paghino. Credo che anche i giudici potrebbero seguire questa trafila. senza assolversi fra loro anche se sono pedofili e vengono assolti se tre anni prima del fattaccio hanno battuto la testa. Tanti giudici sono seri e preparati, ma tanti sono ...

    Report

    Rispondi

  • rencic

    22 Marzo 2012 - 11:11

    oltre alla responsabilità che devono avere tutti quelli che hanno in mano il destino dei cittadini, i giudici, come avviene in molti stati civili e democratici del mondo, dovrebbero venire eletti periodicamente, direttamente dai cittadini, rispondendo così agli stessi del loro operato sfuggendo in tal modo ai poteri occulti dei partiti e delle lobbies, non potendo creare loro stessi, caste privilegiate autoreferenziali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog