Cerca

Infedeltà

Corna, i segnali di chi tradisce sono chiari: ecco come riconoscerli

1
Corna, i segnali di chi tradisce sono chiari. Basta sapere come riconoscerli

"Un sorriso e ho visto la mia fine sul tuo viso" la sapeva lunga Lucio Battisti, che in una semplice espressione sapeva cogliere la fine di un amore. Ma non tutti siamo in grado di scorgere quei segni e segnali di infedeltà nel proprio partner, che spesso e volentieri sono molto chiari, basta solo sapere come leggerli. Chi viene tradito rimane basito, ma solo perché non dotato della giusta chiave di lettura dei comportamenti di chi tradisce. Una piccola guida, un utile vademecum ce lo dà Louanne Ward, una terapeuta che ha diviso gli infedeli in tre categorie, descrivendone le caratteristiche e i tic: si va per gradi, ci sono gli accidentali, gli occasionali e i seriali. 

Il traditore accidentale è colui il quale non ha ancora commesso il "crimine", è sicuro di non voler ferire nessuno. È legato al suo amore, ma è travolto da dubbi e insicurezze. Intuire le sue brame è però semplice: in un primo momento parlerà molto di una persona nuova, involontariamente infilata in ogni discorso ed argomento. È un segnale molto chiaro, deve far riflettere. Non ha ancora compiuto il passo, perché altrimenti non menzionerebbe l'oggetto del desiderio. Ma manca poco: comincerà a non nominare più nessuno, ad assentarsi di più, ritornerà più allegro. Sarà più attento al cellulare e al computer, non lasciando mai aperte applicazioni, mail e chat. Molto probabilmente dirà frasi come "ho bisogno di tempo per me stesso". Avrà più cura del suo corpo, svilupperà un'attenzione maggiore al look. Diminuirà sensibilmente il sesso con il proprio partner e, travolto dai sensi di colpa, cercherà di passare più tempo con i figli. 

Diverso il comportamento del traditore occasionale: cede alla tentazione saltuariamente, di solito quando è lontano dalla quotidianità. Poco comunicativo, più distante cercherà di rimediare con tanti regali, cene, uscite nuove e un mare di "ti amo", detti senza convinzione e scevri da vero sentimento. Sognerà ad occhi aperti, distratto, ma alle domande sospettose risponderà sempre che "non c'è niente che non va". 

Il traditore seriale è il più scaltro, si è trasformato in una volpe avendo appreso bene la nobile arte. Spesso, è un "occasionale" che ha compiuto il salto di qualità definitivo e non riesce più a fare a meno della botta adrenalinica delle corna, immerso in un narcisistico senso di onnipotenza che gli suscitano le scappatelle. È uno che al primo appuntamento mette le mani avanti: attacca una filippica sulla sua ex troppo gelosa, che gli privava la vita con gli amici e il vivere liberamente le sue passioni. Mette preventivamente in guardia: "non voglio rivivere una relazione morbosa". Si chiude in difesa come le squadre di calcio al 90esimo minuto, se gli vien chiesto con chi e dove è stato cercherà di non rispondere, che i problemi sollevati sono solo frutto della fantasia e della ingiustificata gelosia. Addirittura, potrebbe incolpare la presunta insicurezza del partner come causa della crisi. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    capitanuncino

    13 Agosto 2017 - 11:11

    Se una persona ha queste performance eviti di sposarsi ed illudere una persona.Per ferire bene e meglio una donna basta tradirla.

    Report

    Rispondi

media