Cerca

made-in-italy

Codice Citra, medaglia d’oro al Concours mondial de Bruxelles

Codice Citra, medaglia d’oro al Concours mondial de Bruxelles

Roma, 16 mag. (Labitalia) - Il Laus Vitae Trebbiano d’Abruzzo Doc 2011 di Codice Citra trionfa al Concours Mondial de Bruxelles 2016, uno dei più importanti concorsi enologici a livello internazionale. Il vino dell’azienda ortonese, prima realtà vitivinicola d’Abruzzo, ha ottenuto infatti la Medaglia d’Oro della storica competizione, giunta alla 23ma edizione, dopo essere stato recentemente premiato '5 Star Wines', il concorso enologico di Vinitaly con un punteggio di 90/100. Importanti riconoscimenti anche per il Caroso Montepulciano d’Abruzzo Doc 2010 e il Palio Pecorino Igp 2015 che si sono aggiudicati la Medaglia d’Argento.

“Siamo felici per i successi ottenuti dalla nostra azienda Concours Mondial de Bruxelles. Questi prestigiosi premi non fanno che riconoscere l’ottimo percorso intrapreso dal mondo delle cooperative vitivinicole della nostra regione, che puntando sul controllo di tutta la filiera, dalla vigna alla bottiglia, propongono ai consumatori prodotti di qualità, assoluti protagonisti a livello internazionale”, ha dichiarato Valentino Di Campli, presidente di Codice Citra.

Prodotto con uve provenienti dalle colline della provincia di Chieti, il Laus Vitae Trebbiano d’Abruzzo Doc di Codice Citra ha un affinamento di oltre 16 mesi sui lieviti.

"È un vino bianco dal colore giallo paglierino carico - spiega una nota - che si presenta al naso con uno spiccato profumo di pera e sentori di frutta gialla matura che si fondono piacevolmente con nuance floreali di ginestra, acacia e toni balsamici e un finale limpido di cera d'api. Netto, sapido, con una sensazione retro-olfattiva spiccatamente floreale lunga e persistente, è l’ideale abbinamento per le preparazioni di pesce, come la vellutata di ceci allo zafferano con scampi dell'Adriatico, la spigola al forno con patate, il trancio di ricciola porchettato oppure bistecca di tonno ai ferri sul letto di cipolla rossa".

Per il Caroso Montepulciano d’Abruzzo Doc 2010, la Medaglia d’Argento è una conferma dopo il medesimo premio ottenuto nella precedente edizione. "Il Caroso - sottolinea - è da sempre uno degli storici fiori all’occhiello di Citra, un Montepulciano d’Abruzzo elegante e potente, dalla ricca trama tannica e con sensazioni retrolfattive caratterizzate da frutta rossa amalgamate a sentori di spezie e liquirizia, con un finale complesso e di lunga persistenza".

Il Palio Pecorino Igp 2015 è il vino prodotto da vitigno autoctono che sta riscuotendo il maggior successo su un importante mercato internazionale come il Regno Unito ed è stato premiato il mese scorso al '5 Star Wines': "E' un vino bianco dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, ha un aroma fruttato e floreale - osserva - e al gusto è fresco ed equilibrato. Si abbina molto bene con primi piatti e secondi di pesce ed è ottimo anche con carni bianche".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog