Cerca

made-in-italy

L'Emilia-Romagna lancia la fashion valley

L'Emilia-Romagna lancia la fashion valley

Bologna, 5 lug. (Labitalia) - L’Emilia-Romagna lancia la Fashion Valley, il quarto pilastro del sistema economico emiliano-romagnolo insieme a food, motor e wellness. Una strutturazione del comparto della moda in grado di connettere le eccellenze, una rete tra i marchi e le imprese che si distribuiscono in tutto il territorio regionale, da Piacenza a Rimini.

Un comparto che in regione oggi conta più di 7.200 imprese per la parte manifatturiera (5,5% delle imprese regionali), circa 52 mila addetti (il 5,1% degli addetti regionali), un export di 4,6 miliardi di euro (12,7% delle esportazioni nazionali). E se alla parte industriale si aggiunge la componente terziaria legata alla filiera della moda - con quasi 23 mila imprese che impiegano circa 90 mila addetti - il fashion made in Emilia-Romagna raggiunge quasi 30 mila imprese e 142mila addetti.

Della nascitura Fashion Valley dell’Emilia-Romagna e delle strategie di valorizzazione del sistema moda regionale se ne è parlato ieri pomeriggio, a Bologna, dove sono state approfondite le nuove leve di sviluppo del settore in particolare dell’innovazione, dell’internazionalizzazione e dell’organizzazione della produzione. Un dialogo aperto tra imprese, associazioni di categoria, Regione e governo con l’assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna, Palma Costi, e il sottosegretario del ministero dell’Economia e delle finanze, Paola De Micheli.

"Abbiamo iniziato un percorso di valorizzazione - ha sottolineato l’assessore Costi - di un comparto produttivo fondamentale per l’economia regionale, riconosciuto a livello internazionale grazie sia alla presenza di marchi forti sia all’inestimabile qualità dei suoi prodotti garantita da una filiera estremamente competente. Lavoreremo sulle filiere, sull’internazionalizzazione di tutte le imprese a prescindere dalle dimensioni continuando il dialogo con il governo per lo studio di strumenti adeguati alle specificità di questo comparto".

"A questo si aggiunge il progetto 'Fashion valley' - ha aggiunto - che vuole valorizzare il Made in Italy non solo attraverso il prodotto ma insieme alla conoscenza di tutto quello che sta dietro la sua produzione: la storia, l’esperienza, il know how, le competenze di tutta una filiera. In questo processo, un ruolo fondamentale è svolto dalle fondazioni che stanno nascendo sul nostro territorio come la 'Fashion Research Italy' o dai prestigiosi archivi aziendali, con la loro preziosa attività di ricerca e archivio della storia del fashion in Emilia-Romagna. Come, ad esempio, il Citer, la Modateca Deanna o Angelo Vintage Archive, conosciuti e riconosciuti in tutto il mondo".

In autunno è già previsto, in Regione, un altro confronto con il governo sul tema dell’internazionalizazione. Il sottosegretario del ministero dell’Economia e delle finanze, Paola De Micheli, ha evidenziato che "il governo sta mettendo in campo azioni di politica economica e industriale di grande sostegno alle imprese". "Il riconoscimento della specificità della filiera del tessile - ha detto - ci spinge a individuare, in un rapporto dialettico con gli imprenditori, specifiche misure di sostegno a un comparto che, con i fatti, è punta di diamante della manifattura italiana".

Le imprese esportatrici nella filiera della moda - considerando sia la produzione sia la commercializzazione (tessile, abbigliamento, pelli, macchine per la lavorazione, agenti commerciali, ingrosso, dettaglio e ambulanti) - sono complessivamente 2.047 (8,8% del totale): il 77% delle produttive esporta e di queste il 53% è esportatore abituale mentre il 53% del commercio esporta e di queste il 28% è esportatore abituale.

Ben 1.045 (51%) delle esportatrici ha meno di 5 addetti, il 15,7% delle esportatrici è impresa artigiana e l’8,2% delle artigiane della filiera moda esporta: il 28,2% la quota media per impresa esportatrice del fatturato realizzato all’estero sul totale fatturato.

Il settore del fashion ha registrato una fase di rallentamento dovuta in parte alla crisi, alla forte contrazione della domanda interna nonché a un necessario riposizionamento e ristrutturazione generale delle imprese. Infatti, dal 2003 al 2015, la produzione complessiva è calata del 41,9%, mentre con l’avvio della crisi, dal 2008 al 2015, il fashion ha perso complessivamente il 7,8% delle imprese e 10,4% degli addetti (sul versante produzione -14,8% le imprese e -18% gli addetti mentre per quanto riguarda la parte commerciale -4,4% le imprese e -0,2% gli addetti).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog