Cerca

made-in-italy

Listone Giordano, innovazione creativa strategia anti-crisi del made in Italy

Listone Giordano, innovazione creativa strategia anti-crisi del made in Italy

Roma, 3 ago. (Labitalia) - "Al pari di altre importanti realtà del comparto dell'arredamento e design italiano, Listone Giordano ha dimostrato di saper competere bene anche in acque più agitate, utilizzando tutte le leve dell'innovazione creativa e dell'esecuzione a regola d'arte: ovvero l'adesione autentica ai migliori valori del made in Italy, che, se reale e non semplicemente enunciata, continua a fare la differenza sui mercati globali". Parola di Andrea Margaritelli, direttore marketing di Listone Giordano, una delle aziende leader mondiali nel settore delle pavimentazioni in legno, che attorno all'innovazione tecnologica e al design ha costruito il proprio successo, non trascurando il mecenatismo culturale.

"L'industria manifatturiera italiana negli ultimi anni - sottolinea a Labitalia - ha pagato un prezzo alto alla crisi finanziaria mondiale, avendo dapprima perso importanti mercati di sbocco internazionale e poi visto ridurre la domanda interna per effetto della contrazione dei consumi domestici. E questo a fronte della pressione molto aggressiva che nello stesso tempo è stata esercitata dall'introduzione sul mercato di prodotti provenienti da Paesi, specie di area asiatica, in forte fase espansiva".

"Le rigidezze del nostro sistema economico, che continua a scontare - avverte - molte problematiche ereditate dal passato, non hanno certamente facilitato il compito delle imprese. Tuttavia, ritengo che l'imprenditoria italiana abbia dato ancora una volta buona prova delle proprie capacità".

Problema a parte, per Andrea Margaritelli, è quello della contraffazione: "Sono personalmente convinto che l’unica salvaguardia certa consista nel riuscire a mantenersi sempre un passo avanti, rendendo cioè non episodico, ma organico e inarrestabile, il processo di innovazione. Si tratta di una partita che si vince in attacco e non in difesa".

E della Brexit l'invito è a vedere 'l'altra faccia della medaglia': "Anche se non è difficile comprendere i timori di chi vede minacciata la propria identità e autonomia, la storia insegna - afferma - che c'è sempre molto più futuro nella cooperazione che non nell'isolamento. Per questo motivo, non ho appreso come una buona notizia l'esito del referendum britannico. Ciò detto, ogni circostanza, per quanto sfavorevole, nasconde sempre una seconda faccia di opportunità".

"Avendo la Gran Bretagna scelto un altro percorso, all'Italia spetta tanto più ora la sfida di attrarre investimenti esteri. Per renderlo possibile, la strada passa comunque attraverso un piano di riforme (giustizia, pubblica amministrazione, fiscalità, istruzione, politiche culturali e turismo) perseguito con coraggio e determinazione. Alcuni passi sono stati avviati, molti altri restano da fare", rimarca.

Una cosa è certa, per il direttore marketing di Listone Giordano: "La ripresa economica e lo sviluppo in Italia passano anche attraverso una valorizzazione del nostro patrimonio culturale e artistico. Le istituzioni preposte, chiamando i privati alla collaborazione attiva anziché al semplice supporto economico, dovrebbero sostenere maggiormente le arti e la cultura che sono il nostro biglietto da visita preferenziale e che, attraverso il turismo, possono realmente segnare un cambio di passo".

"La cultura è un bene universale che contribuisce ad educare l’umanità al bello, e dunque anche alla pace. Questa è la filosofia che da sempre ispira anche la nostra azienda e che ha dato vita alla Fondazione Guglielmo Giordano, attraverso la quale siamo molto attivi nella promozione delle migliori manifestazioni del genio e della creatività umana".

"Nel corso degli anni - fa notare - abbiamo curato mostre su Raffaello, Leonardo da Vinci, Michelangelo (con Casa Buonarroti), ma anche sostenuto iniziative legate alla musica, all'architettura, al design, all’arte contemporanea. A ottobre prossimo, ad esempio, saremo con Artour-O a Barcellona per una vivace iniziativa che evidenzia il potere unificante della bellezza, come ponte tra cultura e impresa, tra arte e disegno industriale".

E sono proprio questi valori alla base del vero made in Italy, ribadisce Andrea Margaritelli: "Il segreto, forse, è rimanere coerenti e fedeli a se stessi, alla propria storia e ai propri valori più autentici. Per noi il design è la trasposizione contemporanea di un'attitudine creativa e di una propensione al bello che nel nostro Paese ha radici profondissime. È l'esempio attualizzato a oggi di come la genialità dell'uomo possa fondersi alla naturalezza della materia per dare vita a qualcosa di straordinario".

"Mi piace pensare al fatto che le nostre collezioni siano uno strumento nelle mani di progettisti, professionisti e designer, per infondere armonia e benessere in un ambiente, per trasformare uno spazio generico in un luogo unico, nel quale riconoscersi", aggiunge.

"In un mondo effettivamente in crisi d’identità, esposto a molte insicurezze e insidie, spesso nascoste, il legno si conferma come un solido richiamo ancestrale, un materiale autentico - riflette Margaritelli - per vestire il proprio rifugio ideale, la propria 'casa sull'albero' in cui ritrovare serenità, salute e benessere. La materia tradizionale per eccellenza prende così vita, si declina in forme e dimensioni completamente nuove, componendo un mosaico di possibilità sempre più ricco e articolato".

"Sono convinto che il design sia per Listone Giordano una leva strategica ormai indissolubile, destinata ad accompagnare a lungo il nostro cammino attraverso sentieri ancora inesplorati. Ciò che rende molto stimolante la percezione del futuro", osserva Andrea Margaritelli.

"Negli anni abbiamo attivato importanti collaborazioni - ricorda - con alcuni protagonisti di questo 'mondo', da Michele De Lucchi a Patricia Urquiola, da Daniele Lago a Matteo Nunziati, ciascuno dei quali con la propria personalità ha saputo dare a un materiale naturale che esiste da sempre un respiro del tutto nuovo e attuale, ovvero quel felicissimo tocco di genialità che è lo 'spirito del tempo'. Da cui il nome della collezione, 'Natural Genius', che sta riscuotendo molto successo in Italia e nel mondo".

"Del resto, il richiamo della bellezza non ha mai conosciuto confini, né di tempo né di spazio”, conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog