Cerca

made-in-italy

Alla Leopolda 2a edizione 'Food and wine in progress'

Alla Leopolda 2a edizione 'Food and wine in progress'

Firenze, 3 ago. (Labitalia) - Giunge alla sua seconda edizione 'Food and Wine in Progress', il grande evento promosso dall’Unione regionale cuochi toscani (Urct), dall’Associazione italiana sommelier Toscana e da Cocktail in the world, che questo anno si svolgerà ancora alla Stazione Leopolda di Firenze, domenica 27 e lunedì 28 novembre, con tante novità. A partire dagli organizzatori: andranno infatti ad affiancare le tre associazioni anche la Confcommercio e la Coldiretti Toscana, due realtà che raccolgono il resto delle eccellenze regionali del settore dell’enogastronomia.

Un progetto, quello presentato ieri a Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio regionale della Toscana, che nasce con l'intento di promuovere le produzioni enologiche e agroalimentari, stimolare la cultura, la conoscenza e la professionalità e far sì che i suddetti soggetti, in un contesto storico e socioeconomico in continua progressione, possano essere protagonisti nel cambiamento e nelle evoluzioni del settore.

Fortemente voluto da Ais Toscana e Unione regionale cuochi toscani, dopo l’esperienza positiva del 2015 in occasione del congresso Fic, 'Food & Wine in Progress' si candida ad essere nel 2016 un progetto di promozione e aggregazione delle eccellenze toscane tout court, in cui i produttori, attraverso momenti di presentazioni, parlano di produzioni agricole, di vino, di alimenti, di qualità e di innovazioni, come denota l'utilizzo del termine 'in progress' nel titolo dell'evento, a testimoniare una volontà reciproca di aprirsi all'innovazione e allo sviluppo di nuove idee.

In due giorni, sono attesi 5 mila visitatori che potranno incontrare oltre centinaia di cuochi, tra i quali anche chef rinomati, oltre 130 aziende vitivinicole in esposizione e altrettante legate ai settori del beverage e del food. Inoltre, dibattiti, convegni e approfondimenti per avvicinare il consumatore al mondo dell’agroalimentare italiano con una formula mai sperimentata prima. Una enorme area espositiva commerciale sarà il centro delle attività di promozione dei prodotti e produttori di eccellenze enogastronomiche della Toscana, a cui si affiancheranno espositori del settore dell’ospitalità: qui si terranno focus mirati su prodotti tipici di nicchia, naturali, biologici e senza glutine.

'Eccellenza di Toscana' è il tradizionale tasting promosso e organizzato da Ais Toscana, con banchi assaggio delle migliori etichette regionali, mini corsi gratuiti di avvicinamento alla degustazione dei vini con Ais Wine School, verticali su annate di eccellenza e degustazioni di selezioni speciali, come i vini delle anfore o una degustazione sensoriale per non vedenti in cui viene esaltata al massimo la componente olfattiva e gustativa, oltre ad attività di promozione della cultura del vino e della conoscenza dei territori e un wine show con 'special guest'.

Lo spazio di Italian barman style ospiterà eventi ispirati all’abbinamento tra cocktail e cibo, barman show a cura di Cocktail in the World, dimostrazioni di preparazioni classiche e nuove tendenze a cura di Mixology; verrà altresì svolta attività di promozione del bere responsabile. Uno spazio sarà poi dedicato ai cooking show, che a rotazione durante l'arco di tutta la giornata si alterneranno sul palco centrale, anche con chef stellati (uno la mattina e uno nel pomeriggio) ai quali verrà consegnato il premio di 'Ambasciatore della cucina italiana' da parte del presidente della Federazione italiana cuochi e il premio 'Ambasciatore del vino toscano' da parte di Ais Toscana al sommelier, per essersi particolarmente distinti nel promuovere la cultura del vino.

Ad aprire l'incontro di ieri è stata la vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Lucia De Robertis, con un saluto a nome di tutto il Consiglio, in cui ha sottolineato l'appoggio istituzionale al progetto, con il quale si intende mettere in luce l'eccellenza toscana, e alle associazioni di categoria che ne fanno parte.

"Sono particolarmente contento‎ di essere qui per la seconda volta a presentare un evento - ha spiegato l'assessore regionale all'Agricoltura, Marco Remaschi, nel suo intervento che ha concluso la presentazione - che è la conferma di come il concetto di toscanità si possa esprimere attraverso il cibo e il vino. Così come la collaborazione tra le associazioni di categoria, Ais e Cuochi in testa, è la riprova della forza della condivisione di intenti: comunicando questo brand tutti insieme, si dà infatti maggiore forza a un messaggio che di fatto è il nostro biglietto da visita per il turismo internazionale. Un valido motivo per rinnovare l'invito a tutti a partecipare all'evento della Leopolda".

"Il progetto che sta alla base di questo importante evento - ha affermato Osvaldo Baroncelli, presidente Ais Toscana - nasce dall’intento di promuovere le eccellenze delle produzioni enologiche e agroalimentari, far conoscere la cultura, la conoscenza e la professionalità del food e wine e le evoluzioni che questi due settori hanno saputo esprimere in questi anni sia a livello nazionale che internazionale. Questa sinergia fra sommelier e chef si traduce nella somma delle reciproche conoscenze per offrire un costante e proficuo dialogo fra associati, istituzioni, produttori e scuole alberghiere con l’obiettivo di contribuire alla crescita della cultura enogastronomica".

"La Toscana - ha ricordato Franco Mariani, presidente Urct - con oltre 1.200 cuochi è una delle regioni più importanti per questa professione che negli ultimi anni è cresciuta. Nel 2015 abbiamo quindi voluto ospitare il congresso della Federazione italiana cuochi creando un contenitore che avevamo chiamato il numero zero di Food and Wine in Progress: ecco, oggi possiamo contare sul successo dell’anno scorso per rilanciare un grande evento che ha come obiettivo quello di promuovere il grande patrimonio delle eccellenze enogastronomiche della nostra regione, ma non soltanto, creando un confronto interprofessionale aperto al pubblico, che poi è il consumatore finale".

"Anche l’economia e il mondo delle imprese - ha fatto notare Anna Lapini, presidente Confcommercio Toscana - hanno adottato lo storytelling, ovvero la narrazione, come strategia centrale nelle loro relazioni. 'Food and Wine in Progress' si pone in questa scia: raccontare il prodotto ai consumatori finali attraverso tutti gli operatori che contribuiscono alla sua realizzazione, dal campo alla tavola. Attraverso questa narrazione il pubblico può meglio scoprire e apprezzare il valore aggiunto della toscanità e lo sanno bene i nostri ristoratori, che ne hanno fatto il loro punto di forza. È questo il motivo che ha spinto Confcommercio a sostenere la manifestazione".

"Di recente sono state assegnate all’Italia 4965 'bandiere del gusto' per specialità alimentari tradizionali presenti sul territorio nazionale - ha detto Simone Ferri Graziani, di Coldiretti Toscana - e di queste quasi il 10% si trova in Toscana, che si aggiudica il secondo posto con ben 460 specialità ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni e realizzate in un paesaggio incantevole. Queste specialità regionali sono il risultato del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo la biodiversità e le tradizioni alimentari. Si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di un patrimonio anche culturale che l’Italia può oggi offrire con orgoglio a tutti coloro che intendono legare il food al territorio". Tra gli altri, sono anche intervenuti con un saluto a nome delle rispettive associazioni Alberto Rossi per Federcarni Toscana e Andrea Magi per Onaf, così come Roberto Lodovichi, presidente vicario Urct con delega all'organizzazione di 'Food&Wine in Progress', e Franco Marinoni, direttore generale di Confcommercio Toscana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog