Cerca

made-in-italy

A Beer Attraction i ‘Campionati della cucina italiana’

A Beer Attraction i ‘Campionati della cucina italiana’

Rimini, 18 ott. (Labitalia) - La Federazione italiana cuochi 'sposa' Beer Attraction. E' stato siglato, infatti, tra Rimini Fiera e la Federazione italiana cuochi (Fic) un accordo che prevede una collaborazione triennale nell’ambito di Beer Attraction, fiera internazionale dedicata alle specialità birrarie, birre artigianali, food e tecnologie, che porterà a Rimini i ‘Campionati della cucina italiana', in programma dal 18 al 21 febbraio, nel quartiere espositivo romagnolo. L’evento si inserisce all’interno della nuova sezione Food Attraction dedicata allo specialty food per i nuovi format di ristorazione.

“Siamo molto orgogliosi di questo accordo - sottolinea il presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni - che è strategico per lo sviluppo di un appuntamento b2b per la ristorazione fuori casa, grazie anche a un format originale, come Beer Attraction, capace di abbinare le specialità alimentari con quelle birrarie. Anche per questa intuizione, in sole due edizioni, ha conquistato l’interesse del mercato nazionale e non solo”.

“Si tratta di una partnership importante - commenta il presidente Fic, Rocco Cristiano Pozzulo - perché arriva a coronamento di numerose iniziative organizzate con Rimini Fiera nel corso degli anni e che ci auguriamo rappresenti il punto di partenza per ulteriori collaborazioni. Rimini, del resto, è sempre stato un punto di riferimento nel panorama italiano del food e dell’ospitalità”.

La Fic è la realtà più importante sul territorio nazionale sia per il numero di cuochi associati, sia per la qualità delle sue maestranze professionali. Rappresenta l’Italia nella 'Worldchefs' (World Association of Chefs Societies) e dirige la sezione continentale del Sud Europa all’interno di questo grande circuito mondiale di 104 nazioni, che organizza alcune delle più importanti competizioni esistenti, come il ‘Global Chef Challenge’, le 'Olimpiadi della Cucina di Erfurt', i 'Mondiali di Basilea' e la 'Coppa del mondo in Lussemburgo', vetrine internazionali dell’arte culinaria e delle cucine continentali.

Giunti alla loro seconda edizione, i 'Campionati della cucina italiana', prevedono quattro intense giornate di competizioni individuali e a squadre con la presenza di oltre 300 concorrenti singoli e almeno 16 team regionali, per un totale di 1.000 chef che daranno vita alla più completa competizione culinaria nazionale in ogni disciplina da concorso.

L’iniziativa desidera stimolare e dare impulso, attraverso le raffinate elaborazioni culinarie, ai valori e alla versatilità di produzioni e lavorazioni della nostra cucina, mettendo in primo piano le eccellenze regionali. I Campionati occuperanno un’area di 1.500 mq con 12 laboratori e un palco per seminari formativi e cooking show di grandi professionisti dei fornelli. In fiera troverà anche posto il 'Ristorante delle regioni', dove ogni giorno gli operatori in visita potranno degustare, insieme alla giuria, più di 240 menù da concorso d’alta cucina ispirati alle tradizioni territoriali e ai prodotti tipici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog