Cerca

made-in-italy

Sabaf, innovazione per mercato cinese a Fiera Canton

Sabaf, innovazione per mercato cinese a Fiera Canton

Roma, 4 nov. (Labitalia) - Presentare un nuovissimo prodotto e rafforzare la propria presenza in Asia con la forza del made in Italy. Con questo obiettivo Sabaf, azienda italiana tra i primi produttori al mondo di componenti per cucine e apparecchi domestici per la cottura a gas, è intervenuta alla China Import and Export Fair, che si è svolta a Guangzhou, in Cina. Tra le pochissime aziende italiane presenti, la multinazionale di Ospitaletto (Brescia) è stata fra i protagonisti della sezione internazionale della Fiera di Canton, punto di riferimento nel mercato dei macchinari e delle nuove tecnologie fin dal 1957.

Quest’anno Sabaf ha presentato una novità assoluta, il bruciatore Doppia Corona Compact Tower Plus. Studiato appositamente per il mercato cinese, ha appena ricevuto la certificazione di 'Primo livello' dall’Istituto per le certificazioni del gas di Tianjin.

"Un prodotto d’eccellenza - spiega una nota dell'azienda - che raggiunge il 68% d’efficienza, un dato straordinario per la Cina. Prodotto esclusivamente nella fabbrica cinese di Sabaf, è stato presentato in anteprima alla Fiera insieme a un nuovo catalogo che riassume le varie proposte di Sabaf nell’ambito delle apparecchiature per la cottura a gas".

"Con questa novità, la multinazionale italiana - prosegue la nota - si conferma nell’élite di questo evento che riscuote sempre successo grazie a caratteristiche molto apprezzate dagli addetti ai lavori. Dispone infatti di una superficie di 1,16 milioni di mq, 59.000 stand, più di 150.000 tipi di prodotti e oltre 200.000 professionisti provenienti da 201 paesi. Questi sono alcuni degli impressionanti numeri di questo colosso espositivo che ha due appuntamenti l’anno, uno in aprile e l’altro ad ottobre, e che attira su di sé l’attenzione dei più influenti buyer alla ricerca di novità".

"Con l’ascesa di Pechino sullo scacchiere internazionale, gli investimenti si sono mossi verso Oriente, ma se molti delocalizzano per ridurre i costi compromettendo la qualità, Sabaf esporta la propria ingegneria che l’ha resa uno dei leader a livello globale", avverte.

Il Gruppo è giunto a Shanghai nel 1998, inizialmente con un ufficio di rappresentanza e poi, dal 2008, è stata costituita una nuova società con l’obiettivo prima di rafforzare le relazioni commerciali e poi di iniziare la produzione di bruciatori destinati al mercato locale. Dopo alcuni anni di preparazione, è nato così il nuovo stabilimento che ha iniziato la produzione di bruciatori nel 2015 dei prodotti studiati e realizzati in base alle esigenze del mercato locale, rispettandone gli standard e mantenendo i livelli qualitativi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog