Cerca

made-in-italy

Con Onav si racconta storia del vino di 65 anni

Con Onav si racconta storia del vino di 65 anni

Asti, 4 nov. (Labitalia) - Il vino che racconta una storia. È stato questo il fil rouge, al Teatro Alfieri di Asti, della celebrazione dei 65 anni di fondazione di Onav - Organizzazione nazionale assaggiatori di vino. Un matrimonio inossidabile, quello tra Onav e il vino, che è stato raccontato con immagini, suoni e colori in una giornata speciale, coinvolgendo i tanti soci arrivati nella città piemontese da tutta Italia.

Uno spettacolo che ha messo in scena una vera e propria rappresentazione originale, ripercorrendo le tappe più significative dell’associazione: dalla sua fondazione ai personaggi che l’hanno diretta e sostenuta, dal riconoscimento giuridico al progetto Co.N.V.I., ideato e promosso da Onav, fino alla premiazioni dei soci che negli anni hanno sostenuto e sviluppato tutte le attività, diventando elementi essenziali dell’associazione.

Ad aprire lo spettacolo è stato 'Dalla terra al bicchiere', coreografia originale creata in esclusiva per Onav da Luca Rapis, allievo di Maurice Béjart, che ha saputo rapire il pubblico grazie alla bravura tecnica e interpretativa dei danzatori della compagnia One Thousand Dance e a una scenografia virtuale che ha condotto i presenti in un mondo fantastico in cui il vino è divenuto protagonista assoluto. La seconda parte della mattinata, alla presenza del presidente Onav, Vito Intini, e del direttore, Michele Alessandria, ha ripercorso le tappe fondamentali della storia dell’associazione, sulle arie che hanno fatto da colonna sonora ai momenti più importanti vissuti dall’Italia negli ultimi 65 anni, interpretate da cantanti lirici di fama nazionale e vocalist diretti dal Maestro Andrea Albertini.

Una festa che si è tramutata in un viaggio nel tempo e nelle emozioni, grazie anche ai tanti soci e agli ospiti che si sono alternati sul palco: dai soci storici, alcuni iscritti oltre 50 anni fa, ai past president, dai produttori agli enologi, dalle autorità che hanno sempre sostenuto Onav fino alla Co.N.V.I., la Consulta del vino italiano nata lo scorso anno grazie a un progetto dell’Organizzazione degli assaggiatori che intende promuovere il vino italiano nella sua unicità.

“Un traguardo così importante - ha spiegato Vito Intini - meritava di essere messo nero su bianco. Così è nata l’idea del libro, una pubblicazione notevole, non solo nei contenuti, che consentirà ai soci, anche ai più giovani, di sfogliare le pagine della storia Onav". In 240 pagine il libro ripercorre, infatti, le principali tappe della storia enologica d’Italia e dei fatti che hanno portato alla nascita della prima associazione italiana di formazione e diffusione della cultura del vino.

Sessantacinque anni rivissuti attraverso il ricordo e le testimonianze dei protagonisti che hanno fatto la storia dell’Onav, dai 'padri fondatori' ai presidenti, in un racconto che, passando attraverso i cambiamenti sociali e i momenti più difficili che hanno riguardato il mondo del vino italiano, va dalla cerimonia di costituzione dell’originario Ordine nazionale assaggiatori vino, fino al consolidamento e alla crescita dell’Organizzazione, con la diffusione dei corsi istituzionali per assaggiatore di vino, il sorgere di concorsi enologici come la Douja d’Or e la nascita dell’house organ L’Assaggiatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog