Cerca

Triplice omicidio a Motta Visconti

Milano, giovane mamma e due figli sgozzati: confessa il marito

Milano, giovane mamma e due figli sgozzati: confessa il marito

Svolta sul triplice omicidio di Motta Visconti, dove, la scorsa notte, sono stati uccisi una giovane mamma di 38 anni, Cristina Omes, e i suoi due figli, una bambina di quattro anni e un maschietto di venti mesi. Il marito della donna, Carlo Lissi, è stato fermato nella notte di domenica e ha confessato: a sterminare la famiglia è stato lui. Messo davanti a una serie di indizi probatori, l'uomo sarebbe crollato. "Voglio il massimo della pena", avrebbe detto agli inquirenti con la testa tra le mani. La confessione - hanno spiegato i carabinieri- non è stata spontanea. Ma "gli elementi erano tali e tanti da portare in quella direzione". Messo di fronte alle incongruenze della sua ricostruzione della serata, Lissi ha raccontato tutto: prima di ammazzarla ha avuto un momento di intimità con la moglie. Dopo il triplice omicidio si è fatto una doccia in cantina, si è rivestito ed è andato a vedere la partita della Nazionale con amici in un pub di Motta Visconti.

 

Il movente - Sabato sera l'uomo, 31enne tecnico di una multinazionale, aveva chiamato i carabinieri alle due e mezza della notte riferendo di aver trovato i corpi, sgozzati, dei suoi cari al ritorno a casa da una serata con gli amici per vedere la partita della Nazionale. Lissi è già stato trasferito nel carcere di Pavia. Gli inquirenti avrebbero tratto dalle parole dell'uomo sotto interrogatorio, la sensazione di "una enorme stanchezza" dell'uomo rispetto alla vita familiare e perché invaghitosi di una collega di lavoro.

I primi sospetti - Pur non escludendo alcuna pista, i carabinieri hanno cominciato a propendere per il delitto "familiare" subito dopo le prime fasi di indagine. Il sindaco di Motta Visconti, Primo De Giuli, a caldo aveva parlato di "furti e rapine all'ordine del giorno e in aumento" nella cittadina di provincia, ma gli inquirenti non hanno trovato effrazioni e segni di scasso alle porte della villa dove risiede la famiglia. Il fatto stesso che nella strage non fosse stato risparmiato nemmeno il più piccolo dei due figli, di appena 20 mesi, rendeva meno credibile la pista esterna di una sanguinosa rapina, e il mancato ritrovamento dell'arma del delitto nelle immediate vicinanze dei cadaveri rendeva difficile uno scenario di omicidio-suicidio. Tanto da farlo escludere pubblicamente dagli inquirenti già nel pomeriggio di domenica.

Il fermo - Carlo Lissi, che è stato a lungo interrogato dai carabinieri di Abbiategrasso, per poi lasciare la caserma a metà giornata, è stato di nuovo sentito nella notte. Le sue dichiarazioni sono state confrontate con quelle di amici e testimoni e con i primi riscontri scientifici emersi dalla scena del delitto. Di fronte ad alcune incongruenze hanno deciso per il fermo durante il quale l'uomo è crollato ammettendo di aver sterminato la famiglia perché invaghitosi di una collega di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GiorgioBanino

    17 Giugno 2014 - 11:11

    Io sono sicuro che , se per certi reati, si facesse un referendum per la pena di morte, i sì sarebbero in stragrande maggioranza.

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    16 Giugno 2014 - 22:10

    è un dolore enorme sapere che i figli e la moglie sono stai uccisi dal padre-marito quest'uomo ha solo una speranza di capire l'errore spaventoso che ha commesso non condanniamolo con ingiurie o maledizioni la giustizia e la misericordia appartengono a Gesu

    Report

    Rispondi

  • lorettasacchi

    16 Giugno 2014 - 17:05

    Spero che se non lo fa lui, qualcuno con gli attributi lo ammazzi... sgozzandolo. .. non deve vivere... assolutamente

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    16 Giugno 2014 - 16:04

    Deve essere un'extracomunitario questo assassino.

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      17 Giugno 2014 - 00:12

      Pare di no. ma sicuramente sarà almeno un extracomunale.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog