Cerca

Nuovo scontro

Procura di Milano, Edmondo Bruti Liberati "rimuove" Alfredo Robledo dal pool anti-corruzione

Procura di Milano, Edmondo Bruti Liberati "rimuove" Alfredo Robledo dal pool anti-corruzione

Colpo di scena alla Procura di Milano: Edmondo Bruti Liberati ha esautorato dal ruolo di capo del pool anti-corruzione il procuratore aggiunto Alfredo Robledo. Secondo quanto riferisce Corriere.it, il procuratore capo gli ha revocato la delega dell'intero dipartimento e lo ha assegnato provvisoriamente al pool Esecuzione delle pene. Si tratta dell'ultimo scontro tra Bruti e Robledo dopo mesi tensioni altissime e una serie di esposti presentati dal procuratore aggiunto per denunciare una gestione poco trasparente dei fascicoli e favoritismi nell'assegnazione dei processi, in primis quello del Rubygate a Ilda Boccassini. Il caso alla fine è finito davanti al Csm con archiviazione, senza però sopire le polemiche sul comportamento di Bruti.

Sorpresa nei corridoio della Procura - La decisione del procuratore capo è stata presa con sorpresa fra i corridoi di Palazzo di Giustizia di Milano anche perché insolita. Negli ambienti giudiziari si fa notare come l'ufficio esecuzioni penali sia una materia molto tecnica, complessa e difficile tanto è vero che di solito chi viene assegnato fa almeno sei mesi di pratica prima di prendere pienamente in mano la materia. Ecco perché lo spostamento di Robledo assomiglia tanto a una punizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucadagenova

    03 Ottobre 2014 - 23:11

    la vendetta dell' omunculo

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Ottobre 2014 - 22:10

    aifide. La radiazione di Bruti Liberati non avrebbe alcun senso. Differenze di vedute (e scontro tra persone) se sono da evitare in un organo dello Stato, non sono poi reati né delitti. Bruti Liberati l'Ho seguito in alcune trasmissioni TV dove era stato invitato. E' un fior di giudice e ha agito ne limiti in cui la gerarchia tra le cariche consente.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    03 Ottobre 2014 - 16:04

    Il CSM ha voluto così: invece di sospendere Bruti, di radiarlo dall'ordine giudiziario, ha lasciato che continuasse ad esercitare il suo potere..................Il suo aggiunto ne ha fatto le spese.................. Vergogna!

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    03 Ottobre 2014 - 15:03

    Non ci siamo proprio con la legge di cui con bruti liberati i sentimenti del popolo , sulla sua credibilità, è crollata definitivamente. Togliamo dai tribunali la frase " la legge è uguale per tutti" e abbattiamo la statua che ciò rappresenta. Renzi ,su uomini di cui si parla, invochiamo rigore,rigore,e rigore (voglio dire di sollevarli tutti da incarichi così importanti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog