Cerca

Lombardia

Milano, il racconto choc di una 40enne: "Sequestrata, violentata e buttata in un burrone "

Milano, il racconto choc di una 40enne: "Sequestrata, violentata e buttata in un burrone "

"Sono stata sequestrata e portata fin qui da Milano, poi mi ha detto: adesso buttati giù e così morirai". Quesato il racconto choc della donna milanese di 40 anni che ieri, lunedì 13 ottobre, è stata salvata dai Vigili del Fuoco mentre la sua auto era finita in un burrone al lato della strada che da Taceno porta a Vendrogno, in provincia di Lecco.

La denuncia - La donna ha denunciato tutto alla polizia di Bellano, raccontando di essere stata vittima di uno stalker, già denunciato dalla vittima a marzo, che a Milano l'avrebbe costretta a salire in auto, per poi percorrere un giro tra le province di Bergamo e Lecco. Arrivati in Valsassina, l'avrebbe costretta a buttarsi nel burrone con l'auto, mentre lui sarebbe fuggito a piedi. Durante questo incubo, la donna sarebbe stata vittima anche di una violenza sessuale. La 40enne è poi riuscita a salvarsi uscendo dal mezzo attraverso un buco sul tettuccio e ha raggiunto la strada. Ferita e sanguinante, ha chiesto aiuto alla prima auto che è passata. I Vigili del Fuoco sono arrivati sul posto alle 19; la donna è stata poi trasportata all'ospedale di Lecco per gli esami di routine; gli inquirenti intanto stanno verificando le circostanze del rapimento, mentre la 40enne è ancora sotto choc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    14 Ottobre 2014 - 19:07

    Le violenze sulle donne sono in aumento e lo saranno ancora di più dopo le attenuanti delle toghe per questi reati. E' questa la giustizia e la civiltà dei magistrati nel giudicare questi delinquenti?

    Report

    Rispondi

    • DoctorMR

      15 Ottobre 2014 - 11:11

      E lei crede a questo racconto surreale? Cioè, io rapisco una donna con la sua...auto, la violento sempre nella sua auto, scendo dalla sua auto e la costringo (con la sua auto, lei ai comandi ed io fuori) a gettarsi nel burrone. D'accordo che la violenza sulle donne (la violenza in genere) sia un crimine nauseabondo ma qui nulla è chiaro.

      Report

      Rispondi

blog