Cerca

La poltrona

Milano, Giuliano Pisapia potrebbe non ricandidarsi a sindaco. Tutti i dubbi del Pd

Milano, Giuliano Pisapia potrebbe non ricandidarsi a sindaco. Tutti i dubbi del Pd

"Ho le idee molto chiare sul mio futuro, ma lo dirò al momento opportuno" è quello che sta ripetendo il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, riguardo elle elezioni per la poltrona di primo cittadino del 2016. In realtà una volta si è lasciato sfuggire quella che sembrerebbe la sua vera intenzione. Durante un colloquio avvenuto a Roma circa due mesi fa con il vicesegretario del Pd e plenipotenziario lombardo, Lorenzo Guerini, ha dichiarato seccamente che no si sarebbe ricandidato. Le voci sono sempre più insistenti e, onestamente, sono anche svariati i motivi che determinerebbero questa scelta. L'ultimo esempio è l’enorme fatica di reggere una città metropolitana che già in avvio è pronta a inabissarsi a causa dei buchi di bilancio. 

Crisi nel Pd - Prima di Natale aveva assicurato ai suoi assessori che non li avrebbe tenuti sulle spine, ma quando i suoi dubbi sono apparsi anche suoi giornali il Pd ha iniziato delle discussioni interne a riguardo. Pisapia ha colto la palla al balzo posticipando l'annuncio alla vigilia dell'Expo. Ha comunque lanciato dei segnali ben chiari. Ai microfoni di Radio 24 ha tracciato  le linee entro cui si dovrebbe scegliere il suo successore: prima di tutto  le primarie, in secondo luogo la stessa alleanza - Sel e Pd renziano. 

Possibili successori - Un possibile nome è quello di Pierfrancesco Majorino, titolare del Welfare, uomo della sinistra Pd avrebbe le caratteristiche per tenere insieme l’alleanza con Sel, auspicata da Pisapia. Ma se arrivasse dal Sel i nomi sono due. Uno è Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio, l’eroe borghese assassinato l’11 luglio 1979 da un killer pagato dal bancarottiere Michele Sindona. Ambrosoli, fortemente corteggiato da Pisapia perché si candidasse alle Regionali della Lombardia, è uscito sconfitto dalla sfida con Maroni, ma ha portato a casa la vittoria a Milano. Il secondo nome possibile è quello dell'attuale assessore al lavoro, Cristina Tajani, la pupilla del sindaco targata Sel. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ohmohm

    ohmohm

    22 Marzo 2015 - 17:05

    Mai visto un apersona così sgadevole....po essendo di sinistra peggio ancora..... e che sinistra!

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    12 Marzo 2015 - 20:08

    Fa bene perché se si ripresentasse sarebbe rottamato alle elezioni dopo un mandato demenziale.

    Report

    Rispondi

  • alby118

    12 Marzo 2015 - 19:07

    Forse anche lui si è reso conto di che razza di sindaco sia mai stato !!

    Report

    Rispondi

  • Lucas1963

    07 Marzo 2015 - 10:10

    Pisapia se ne và? Beh, cercheremo di sopravvivere alla catastrofe!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog