Cerca

Rivoluzione meneghina

Milano, l'indiscrezione di Dagospia: Maurizio Martina il candidato sindaco voluto da Matteo Renzi

Maurizio Martina

Tempo di rivoluzioni, per Matteo Renzi, dopo la batosta subita al ballottaggio delle comunali. Rivoluzioni nel partito, e non solo. Già, perché il premier, nei fatti, oggi ha scaricato Ignazio Marino, il sindaco di Roma travolto dai suoi disastri e dall'inchiesta Mafia Capitale. Serve un ritocco d'immagine, e così Renzi gli ha detto chiaro e tondo che "non deve stare tranquillo". L'uomo da Rignano sull'Arno ha individuato la testa da far saltare per cercare di ridare un poco di brillantezza alla sua stella: quella del sindaco di Roma, appunto. Ma le rivoluzioni, almeno secondo quanto afferma Dagospia, riguarderebbero anche Milano. Già, perché nel 2016 si vota per il sindaco del capoluogo meneghino, e Giuliano Pisapia, da tempo, afferma che non è sua intenzione ricandidarsi (anche perché, aggiungiamo noi, considerata la sua impopolarità andrebbe incontro a sconfitta pressoché sicura). Ed in questo contesto, Renzi, avrebbe deciso su quale "cavallo" puntare nella corsa milanese: Maurizio Martina, il (bergamasco) ministro delle Politiche agricole. Una decisione che, se confermata, innescherà l'ennesima rivolta del Pd, in questo caso di quello milanese (troppo poco di sinistra, troppo poco milanese, e troppo renziano, per la sinistra del partito, il candidato Martina). Secondo Dago, addirittura, "i notabili del Pd meneghino sono in sommossa...". Di già.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni modena

    17 Giugno 2015 - 10:10

    povero pinocchi non sa poiu' cosa fare crede di poter cambiare tutti i sindaci d'Italia perche' non cambia se stesso on non ha capito che molti dei disastri dipendono da lui ?? anche marino qjando avrebbe dovuto pretendere le dimissioni , lo ha difeso per i sduoi stupidi calcoli politici e adesso e' tardi voler far vedere che lui non lo vuole piu' sempre per i suoi stupidi calcoli politici .

    Report

    Rispondi

  • ValeryMonaco

    17 Giugno 2015 - 10:10

    La repubblica di Ridolini, o della facce impresentabili. Dopo l'efebo di Venezia (trombato), la testa dura bergamasca. Povera Milano.

    Report

    Rispondi

  • ValeryMonaco

    16 Giugno 2015 - 19:07

    Crapdur sindaco? Dopo la sciagura di Expo, quali altri danni per la povera Milano?

    Report

    Rispondi

blog