Cerca

Prezzi alle stelle

Settemila euro al metro per un negozio in affitto. Estate d'oro a Montenapo

Settemila euro al metro per un negozio in affitto. Estate d'oro a Montenapo

Giunge la consacrazione ufficiale. Via Montenapoleone a Milano è la strada dello shopping più cara in Italia per chi desidera avviare un’attività commerciale, raggiungendo la cifra record di 7.100 euro al metro quadro il canone di locazione di un negozio. Quindi una boutique di 100 metri costa oltre 700 mila euro l’anno, mentre le celebri maison internazionali posizionate in interi palazzi storici della strada (Zegna, Dior, Hermes, Gucci …) versano diversi milioni ogni dodici mesi. Prezzi in crescita per l’immobiliare nel settore retail secondo il report «Fashion & High Street 2015» realizzato dalla società World Capital Group per Federazione Moda Italia.
L’incremento di domanda da parte di brand internazionali non ancora presenti sul mercato meneghino, e desiderose di localizzarsi nelle vie status symbol, ha determinato la crescita dei valori insieme alla contemporanea diminuzione dei tempi medi di sfitto. Il capoluogo lombardo si conferma sede delle maggiori griffe, nonché piazza più ambita e ricercata del nostro Paese. Quadrilatero in pole position, ma quotazioni aumentate anche in corso Vittorio Emanuele, dove si raggiungono i 5.300 euro al metro per l’affitto con un +6.5% rispetto al 2014. Performance positiva nel trafficato corso Buenos Aires grazie alla crescita dei costi di locazione del 7% (da 530 a 1380 euro al metro a secondo del civico), così pure in corso Vercelli con prezzi variabili da 530 a 1.380 euro al metro. I risultati dell’approfondita ricerca confermano quindi lo scettro indiscusso di via Montenapoleone, dove tra l’altro esiste una lista d’attesa per ottenere una vetrina fronte strada. Ma qual è il segreto del suo inarrestabile successo? Risponde al quesito il presidente dell’Associazione di via Guglielmo Miani che afferma «Sono decisamente soddisfatto dei dati sui prezzi degli affitti delle boutique, perché dimostrano che l’eccellente promozione internazionale di via Montenapoleone sta dando i frutti sperati. E riusciamo a trainare tutte le vie limitrofe, cominciando da via Verri, fino a Sant’Andrea e Santo Spirito».
Tre le carte vincenti, secondo Miani, «innanzitutto l’offerta di un servizio personalizzato, su misura, per la facoltosa clientela che deve sentirsi coccolata. Secondo la presenza nella strada dei marchi mondiali di maggior prestigio in grado di garantire un pubblico di fascia alta e infine la non pedonalizzazione. Infatti i big spender si muovono in auto, facendosi lasciare davanti all’entrata della boutique». Ma come colmare il gap esistente con le metropoli New York, Londra e Parigi? Risponde Guglielmo Miani che «La differenza va comunque restringendosi anno dopo anno. Proporrei di estendere il tax free agli stranieri che vogliono trasferirsi a Milano, non dimenticando di fornire servizi di assoluto livello alla clientela attraverso un’esperienza unica di shopping, food e lifestyle». Una chicca finale: «Posso annunciare - conclude Miani- che martedì 1 settembre inaugureremo la prima Vip Lounge in via Montenapoleone al civico 23. Uno spazio unico, lussuoso, dove potranno entrare solo i migliori clienti segnalati dalle boutique o dagli hotel 5 stelle del centro storico».

di MASSIMO DE ANGELIS

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog