Cerca

Il Comune promuove i dirigenti: premi a pioggia per 2,3 milioni

Il Comune promuove i dirigenti: premi a pioggia per 2,3 milioni

Promossi con ottimi voti e lauti bonus fino a 25mila euro. I dirigenti del Comune di Milano incassano per l’anno 2014 oltre 2,3 milioni di euro di «premi di risultato», ovvero i bonus conseguiti per aver raggiunto gli obiettivi di efficienza indicati dai vertici di Palazzo Marino.
Oltre allo stipendio base - che tra retribuzione tabellare e compenso di posizione arriva a oltre 100mila euro lordi - i supermanager portano a casa mediamente altri 24mila euro, una cifra paragonabile allo stipendio annuo di un impiegato. Rispetto allo scorso anno, l’ammontare complessivo dei premi per i dirigenti è cresciuto di circa 38mila euro. I bonus vengono erogati in base ai «voti» del Nucleo indipendente di valutazione, i cui membri vengono nominati dal sindaco. Le pagelle del «piano degli obiettivi» per il 2014, approvate a luglio dalla giunta comunale, sono lusinghiere: in media, il punteggio per i supermanager tocca quota 94,2/100; ma scorrendo le varie direzioni e gli indici riguardanti i parametri non si scende mai sotto il 92. Obiettivi strategici, obiettivi operativi, risultati. Rispetto all’anno scorso, cresce anche il valore medio dei bonus incassati dai dirigenti top: nel 2013 i superdirigenti erano di più (163) ma incassavano bonus meno ricchi (poco più di 21mila euro di media). Ai vertici della struttura comunale c’è Giuseppe Tomarchio, direttore generale con stipendio base di 200mila euro; il capo di gabinetto del sindaco Maurizio Baruffi, ex consigliere comunale di centrosinistra, si ferma a quota 120mila (premi esclusi). Scendendo di livello, calano anche i premi: un dirigente di seconda fascia porta a casa per il 2014 premi per 19mila euro, in terza fascia di circa 14mila euro. Se i dirigenti intascano mediamente di più rispetto al 2013, funzionari e impiegati del Comune vedono diminuire leggermente il paniere dei premi di risultato, che complessivamente - dai top manager agli impiegati fino ai vigili - passa da 31,3 milioni a 31milioni e 50mila euro (con un risparmio di 250mila euro).
La pioggia di premi attira le critiche di Stefano Mansi, attivista del comitato precari del Comune: «In un momento di crisi in cui i contratti dei dipendenti sono fermi da 7 anni, è scadaloso che si continuino a dare premi a pioggia così alti per i dirigenti». Perplesso anche Marco Osnato, consigliere comunale di Fratelli d’italia: «Se tutti questi dirigenti hanno raggiunto livelli così alti e vedendo in che condizioni è Milano forse non gli sono stati dati degli obiettivi così arditi». Fabrizio De Pasquale, consigliere comunale di Forza Italia, contesta il meccanismo delle valutazioni: «Mi sembra che invece di premiare il merito individuale venga applicato collettivamente, e questo non è un bene. Ci sono settori come il Verde, in ritardo di un anno per la compilazione del nuovo bando, che invece ottengono voti altissimi».

di MASSIMO COSTA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • g.trimboli

    20 Settembre 2015 - 11:11

    Voi come giornale perché non pubblicate nomi e importi elargiti e i criteri di assegnazione !

    Report

    Rispondi

  • g.trimboli

    20 Settembre 2015 - 11:11

    Se dirigenti meritevoli sta' bene premio , ma se a a dare premio e' solo giunta senza partecipazione delle opposizioni e' solo premio elettorale ! E allora e' uno schifo !

    Report

    Rispondi

  • g.trimboli

    20 Settembre 2015 - 11:11

    Se dirigenti meritevoli sta' bene premio , ma se a a dare premio e' solo giunta senza partecipazione delle opposizioni e' solo premio elettorale ! E allora e' uno schifo !

    Report

    Rispondi

blog