Cerca

Viale Umbria

Il primo negozio che vende pasta, olio e caffè alla cannabis

Il primo negozio che vende pasta, olio e caffè alla cannabis

Tagliatelle, cioccolato, olio. Tutto preparato con un ingrediente particolare: la canapa. Già, perché in viale Umbria a Milano ha aperto i battenti il primo «hemp shop», ossia il primo negozio specializzato in prodotti derivati dalla canapa. Lo gestisce Marco, un ragazzo giovanissimo che ne è anche il titolare, e si chiama «Sir Canapa». Qui, pochi metri quadri a ridosso del centro storico, potete trovare di tutto: dai vestiti alla cosmesi. E attenzione: non serve avere 18 anni. «I nostri prodotti sono privi del principio attivo», spiega Marco, «la carta d’identità la chiediamo solo a chi vuole comprare semi da collezione». Questa sera ci sarà l’inaugurazione ufficiale, con tanto di dibattito sugli aspetti terapeutici della cannabis promosso dai Radicali. «L’idea che avevo era di offrire qualcosa di più rispetto ai tradizionali “grow shop” che esistono già anche a Milano e che si occupano esclusivamente del settore agricolo: le potenzialità della canapa sono infinite».

di CLAUDIA OSMETTI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lureal1913

    08 Novembre 2015 - 18:06

    ...resto...stupefatto!

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    25 Settembre 2015 - 10:10

    Puo' sembrare assurdo o azzardato ma ha ragione. La canapa era una risorsa negli anni 30, addirittura produssero negli Usa una vettura risultata pressoché indistruttibile data la particolare struttura molecolare (FORD HEMP CAR) ma non ebbe seguito perché nel dopoguerra (1955) un senatore certo Owerly varò una legge che vietava la cannabis e così diventò droga, fonte di miliardi e di morte.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    25 Settembre 2015 - 10:10

    Le varietà di canapa prive del principio attivo sono una delle coltivazioni più redditizie ed utili per i molteplici usi di tutte le loro parti e derivati. Negozi simili a quello indicato esistono in Svizzera ed altre nazioni da molti anni, senza alcun problema.

    Report

    Rispondi

blog