Cerca

Record: 3,3 milioni di sanzioni

Con Giuliano Pisapia sindaco, a Milano un milione di multe in più

Con Pisapia un milione di multe in più

Un milione di multe in più dell’anno scorso. È questo il bilancio della polizia locale di Milano che ieri, come ogni anno, ha celebrato il suo anniversario (siamo al 155esimo) in piazza Duomo alla presenza del sindaco Giuliano Pisapia e dell’assessore alla Sicurezza Marco Granelli. Un’occasione in cui il comandante del corpo, Tullio Mastrangelo, ha fornito i dati degli interventi operati nell’ultimo anno (dal primo ottobre 2014 al 30 settembre 2015) fra cui spicca il dato delle multe: 3 milioni 380mila. Un numero importante non solo in confronto alla popolazione milanese (a dividerle per gli abitanti vien fuori che di media ogni abitante ne ha prese tre, neonati inclusi) ma soprattutto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso - da ottobre 2013 a settembre 2014 - quando ci si era fermati a 2 milioni 385mila contravvenzioni. Un dato già a sua volta sensibilmente più alto (+300mila) rispetto a quello precedente, fermo a 2,1 milioni.
Gran parte dell’aumento del numero - hanno spiegato dall’assessorato alla Sicurezza - deriva dalle multe per gli autovelox istallati nel marzo 2014: molte di queste multe non sono incluse nel computo dello scorso anno in quanto non ancora contabilizzate. Se si guarda il dato consolidato del 2014 si vede che le multe da gennaio a dicembre sono state 3.353.320 (solo 30mila in meno) e non è detto che nell’anno solare 2015 siano molte di più. E Granelli ha aggiunto: «Tra un bambino in ospedale per colpa di un automobilista indisciplinato che non rispetta i limiti di velocità e un autovelox che dà le multe preferisco il secondo. E non sto facendo un esempio a caso perché proprio nei giorni scorsi ho incontrato una bambina di dieci anni col volto sfregiato per essere stata investita da uno scooter che viaggiava ad alta velocità. In alcuni tratti col limite a 70 all’ora c’erano persone che sfrecciavano a 150, col velox questi fenomeni si sono ridotti: in un anno gli incidenti sono calati del 10%, quelli con feriti del 25%, mentre i morti si sono dimezzati, dai 73 del 2008 ai 33 di quest’anno». Granelli ha commentato anche il fenomeno diffuso delle multe notificate in ritardo (oltre i 90 giorni le multe dovrebbero essere annullate): «Chiedo scusa ai cittadini per i ritardi anche se spesso è un problema delle Poste. Penso però che se un cittadino contesta la multa nel merito, perché viaggiava nei limiti, abbia ragione, se lo fa solo perché la multa gli è arrivata qualche giorno in ritardo ma ha superato i limiti la responsabilità è comunque sua». Di diverso parere l’ex vicesindaco Riccardo De Corato (FdI): «Pisapia ha ridotto la presenza dei vigili a tutela della sicurezza, costringendoli a fare multe a più non posso. Tre milioni e 380 mila sanzioni in 12 mesi non è certo un dato di cui vantarsi. L’impiego di uomini e mezzi per comminare il maggior numero di multe possibile ha destabilizzato gli altri servizi di tutela della sicurezza dei cittadini, quali ad esempio la task-force anti abusivi, il nucleo tutela del trasporto pubblico locale, i “pattuglioni” e i gruppi automontati per la sorveglianza del territorio». Nella mattinata sono stati diffusi altri dati interessanti delle operazioni svolte dai vigili sempre negli ultimi 12 mesi: 270mila le richieste totali d’intervento (50% per attività di polizia stradale, 35% per sicurezza e 15% per ausilio ad altre forze di polizia), 32mila i controlli in ambito di polizia commerciale (con 1.700 denunce e 17.800 sequestri), 54.500 violazioni accertate di smaltimento illecito dei rifiuti, 7.950 denunce e 362 arresti in flagranza per reati di microcriminalità e 698 casi di violenze su donne e minori.

di MATTEO BORGHI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovannizaccari

    07 Ottobre 2015 - 18:06

    il sindaco invece di fare cassa con le multe, usa i vigili per la sicurezza della città. I cittadini non sono sicuri nel camminare per le strade della città. Inoltre le strade sono sempre più sporche di escrementi di cani e nessuno dice una parola, nei mezzi pubblici non si può viaggiare per la presenza di cani. I mercati rionali sono pieni di clandestini che vendono di tutto evadendo le tasse

    Report

    Rispondi

  • eziocanti

    06 Ottobre 2015 - 14:02

    Pisapia ? Il peggior sindaco di Milano del dopoguerra. Perché i vigili invece di affannarsi a distribuire multe a più non posso non intervengono per far sgomberare i mercatini abusivi che vendono ogni tipo di cianfrusaglia e articoli griffati taroccati, senza peraltro emettere scontrini fiscali ? Nessuna forza dell'ordine passa mai dalla fermata della metro di Famagosta ? Vedere per credere !

    Report

    Rispondi

blog