Cerca

Succede a Milano

La foto della vergogna: il bimbo sull'asfalto e il silenzio della politica

La foto della vergogna: il bimbo sull'asfalto e il silenzio della politica

La foto è del 28 agosto, un po’ datata. E il contesto confuso, potrebbe essere la via Palazzi come la Panfilo Castaldi. In ogni caso la Milano degli arancioni dove un assessore ai Servizi Sociali, che è anche candidato alle primarie della sinistra, ci racconta ogni giorno che nulla è lasciato al caso se si tratta dell’accoglienza profughi. Vorremmo credergli. Poi però lo sguardo cade lì. Su quel bimbo di tre anni che dorme sull’asfalto caldo, calpestato e lurido che solo certe vie hanno. E pare di sentirla la puzza, le urla intorno, i clacson delle macchine. E pare di vederlo il signorotto benpensante che scuote la testa ma guarda e passa. La foto ha fatto il giro dei social. L’altro ieri i comitati di quartiere, cappeggiati dai bravi Luca Longo e Paolo Uguccione, l’hanno sbandierata ai quattro venti. Risultato: zero. La politica non ha battuto ciglio. Non una parola di pietà e neppure una di circostanza. D’altronde, che dire siamo la città dell’integrazione». E in fondo quello è solo un bambino.

di SIMONA BERTUZZI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lureal1913

    13 Ottobre 2015 - 12:12

    ...e le mammine africane non potrebbero tenerlo in braccio quel povero bambino?

    Report

    Rispondi

  • lureal1913

    10 Ottobre 2015 - 10:10

    la politica,ormai malapolitica,fa schifo,come del resto un poco tutte le cose pubbliche italiane.Piu' schifo mi fanno i buonisti d'accatto che predicano bene e razzolano male.Se seguitano ad arrivare ed entrare tanti individui aumentera' il numero dei bambini per strada.Ma renzi le vede queste cose?

    Report

    Rispondi

blog