Cerca

Anche la comunità somala contro il degrado

Suk e bivacchi in Porta Venezia: i residenti schedano i clandestini

Suk e bivacchi in Porta Venezia: i residenti schedano i clandestini

A registrare i profughi in arrivo a Milano adesso ci pensa il Comitato italo-africano di liberazione di Porta Venezia. Sì, perché tra via Lazzaro Palazzi e i giardini Montanelli gli abitanti non ce la fanno proprio più: di giorno le strade sono prese d’assalto da centinaia di profughi, la notte scoppiano risse e baruffe per un nonnulla. L’ultima sabato mattina in via Tadino: tre uomini si prendono a botte sul marciapiede, tra le macchine che passano e la gente che osserva - esterrefatta ma anche preoccupata - dalla finestra. Così hanno pensato che se lo Stato non è in grado di identificare i profughi che stazionano sui Bastioni tocca ai cittadini darsi da fare.
E hanno predisposto un modulo, una sorta di «attestato del migrante» verrebbe da dire: loro la definiscono più semplicemente «una tessera», ma il risultato non cambia. È un foglio di carta con nessun valore istituzionale, intendiamoci, però contiene tutte quelle informazioni che dovrebbero essere raccolte dai Cie e che invece spesso le forze dell’ordine non riescono a ottenere. Della serie: nome, cognome, Paese di residenza, data e luogo di nascita, giorno di arrivo in Italia. Cose così. Più una fotografia del migrante di turno e le impronte digitali, ma solo se «il titolare di questa carta ha fornito volontariamente i dati».
Sotto, prima della firma del membro del Comitato che (a questo punto) attesta lo status di rifugiato, si legge: «Invitiamo le autorità competenti ad aiutare il possessore, cittadino del mondo, di questa “carta europea per i rifugiati di guerra” perché verte in gravi difficoltà e ha bisogno di assistenza». Il tutto in inglese che, si sa, è una lingua internazionale e all’estero si parla di più. «La nostra è una provocazione», chiarisce subito Paolo Uguccioni del Comitato di Liberazione di Porta Venezia: «Ovviamente questa tessera che porta in calce anche il simbolo della nostra associazione non ha nessun valore legale. Ma è vergognoso che le autorità dicano di schedare i profughi in arrivo quando non riescono nemmeno a identificarli, e questo vale in particolar modo per i bambini».
Già, i minori. Il Comitato di Uguccioni e di Luca Longo ha da sempre un occhio di riguardo verso la problematica dei più piccoli: «Monitorare il flusso di rifugiati in Italia significa anche prendersi cura dei bambini. Non possiamo guardare dall’altra parte e fare finta che non esistono: è abbandono di minori, è un reato», puntualizzano.
E dire che a dar man forte al Comitato ci sono le principali comunità africane di Milano. Non solo quella eritrea e quella etiope che già nei giorni scorsi avevano comunicato il loro appoggio ufficiale e la volontà di dire basta al degrado e ai bivacchi dei profughi sui Bastioni, ma da una manciata di ore anche quella somala. Si è iscritto, infatti, Mohamed Kalif, presidente dell’Unione giovanile somala di Milano: la sua associazione conta ben 400 iscritti all’ombra della Madonnina e a sentire lui non ci sono dubbi, si iscriveranno tutti al Comitato di Porta Venezia. «Vogliamo aiutare i nostri compatrioti, e lo faremo. Solamente andando avanti uniti potremmo costruire qualcosa per il futuro», dichiara.
Questa mattina la Commissione Sicurezza di Palazzo Marino effettuerà un sopralluogo nella zona, tra via Panfilo Castaldi e via Palazzi, dove appunto si trova la comunità eritrea. «Ci saremo», fa sapere Uguccioni, «perché i veri interlocutori del Comune in questo caso siamo noi, sono i cittadini. Ma saremo presenti anche per far capire agli esponenti di questa amministrazione che noi non siamo per la contrapposizione, bensì per la collaborazione».

di CLAUDIA OSMETTI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog