Cerca

Pirellone esplosivo

Lombardia, Maroni contro Formigoni: "Pronto a chiedergli i danni"

Il governatore deciso a costituirsi parte civile per la questione corruzione. Il Pdl lo avverte: "Daremo battaglia"

Lombardia, Maroni contro Formigoni: "Pronto a chiedergli i danni"

Formigoni con il leader leghista Maroni

Pronti a costituirci parte civile «in tutti i processi che coinvolgono esponenti della Regione. A qualunque titolo». Formigoni incluso? «Certo. Siccome viene ipotizzato un danno alla Regione...».

Di stilettate se ne erano già viste parecchie, ma questa volta Roberto Maroni ha scelto di passare alle cannonate. Il governatore lombardo ha annunciato ieri di essere pronto a chiedere i danni al suo predecessore, indagato dalla procura di Milano. A fornire il casus belli sono le vicende legate a Massimo Guarischi, ex consigliere di Forza Italia a processo per corruzione. Il Pirellone gli chiederà i danni. E il presidente leghista ha fatto chiaramente capire che non  si tratta di un caso isolato. Toccherà anche a tutti gli altri indagati. In altre parole, la Regione si schiererà apertamente contro l’uomo che l’ha guidata per vent’anni.  Una sberla al Celeste esiliato a Roma, la cui replica è  arrivata dopo pochi minuti. «Il presidente Maroni abbia il buon gusto di attendere almeno che il giudice per l’udienza preliminare decida o meno l’eventuale rinvio a giudizio», ha fatto sapere l’entourage  di Formigoni, «cosa che, nel tentativo di differenziarsi dai diciotto anni di buon governo precedente, il presidente Maroni può forse augurarsi. Ma non è lui a decidere».  

La guerra è iniziata e i fedelissimi dell’ex governatore si scaldano. Il consigliere regionale Pdl Stefano Carugo, per esempio, fa notare che «a Formigoni non è stato contestato alcun danno erariale». Il politico azzurro, secondo le tesi dell’accusa, avrebbe infatti percepito una lunga serie di regali in varie forme (viaggi, cene etc.) per facilitare i rimborsi a una clinica privata del pavese: la Maugeri. Un ospedale che era rappresentato da un suo vecchio amico,  Pierangelo Daccò.  A subire un torto, però, sarebbero state le altre cliniche convenzionate in Lombardia, cui sarebbero stati sottratti fondi, non altri. Oltre a ciò, ovviamente, resta un grosso nodo politico. I rapporti tra gli esponenti ciellini della maggioranza e i rappresentanti lumbard sono già tesi. E questa uscita rischia di rovinare le vacanze alla giunta.  «Sono stupefatto dalle parole del presidente», continua Carugo, «anche perché lui è sempre stato un garantista, se ha intenzione di cambiare rotta ce lo segnali, prenderemo provvedimenti». In che modo? «Avevamo detto che l’aula si sarebbe trasformata nel Vietnam. Forse sarà peggio. Forse sarà come in Afghanistan». Altro punto: «Se il principio di costituirsi parte civile vale per tutti, deve partire anche per la Lega».

In effetti, non sono pochi gli esponenti del Carroccio sui quali  potrebbe pendere la spada di Maroni. In particolare per quanto riguarda l’inchiesta sui rimborsi gonfiati nella passata legislatura. Tra i consiglieri che avrebbero esagerato con le spese addebitate al Pirellone c’è una lunga lista di consiglieri lumbard, incluso l’ex capogruppo Stefano Galli. E molti di loro ancora siedono nell’aula di Regione. Altri, come il figlio del Senatur, hanno lasciato e ora si occupano d’altro, ma restano sotto indagine. Maroni, seguendo il suo ragionamento, dovrebbe quindi ordinare ai suoi uffici di chiedere i danni a un membro della famiglia Bossi. In via Bellerio qualcuno starà iniziando a preoccuparsi.

di Lorenzo Mottola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • EMILIO1239

    26 Luglio 2013 - 15:03

    La lega non ricorda com'è arrivata al potere regionale. Peccato per loro.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    26 Luglio 2013 - 15:03

    Peccato che oltre a essere un somaro è stato complice più o meno volontario della ruberia lombarda.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    26 Luglio 2013 - 14:02

    Prima hanno rubato insieme, e ora si fanno la guerra? Bene!!! L' importante è, come nelle faide meridionali, che si ammazzino tutti tra di loro!!!! meno lalvoro per giudici e poliziotti! Ladri e buffoni......

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    26 Luglio 2013 - 14:02

    Non intravvedo alcun problema, anzi questa dovrebbe essere la condotta corretta in ogni caso di mala gestio. Diverso sarebbe invece l'atteggiamento da mantenere nei confronti dell'indagato fino alla definitiva condanna eventuale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog