Cerca

Club privè

Milano capitale dei trans: ecco la dark room dove succede di tutto

Quattro sale da 650 mq. Biglietto d'ingresso tra i 10 e i 20 euro. Letti di pelle nera. Nessun limite a quello che possono fare gli ospiti

Milano capitale dei trans: ecco la dark room dove succede di tutto

Una dark room per i trans e i loro amanti. Quattro sale da 650 metri quadri complessivi dove, dalle 23 fino all'alba, si spengono le luci e... succeda quel che succeda. La Mecca di tutti le persone intrigate da travestiti e transgender si trova a Milano. E' un night nato alle fine degli anni 70, ma solo ultimamente spostatosi verso la periferia per trovare locali più grandi ed essere più distante dall'occhio perbenista del centro cittadino. Chi ci è stato racconta di tavolini damascati, letti rivestiti di pelle nera e lunghi tavoli e palchi. Il biglietto d'ingresso al club varia dai 10 ai 20 euro perché in tempo di crisi, ha spiegato il gestore a Dagospia, è meglio mantenere il tariffario a portata di tasca. Fino ad oggi i pezzi forti erano strip e spettacolini, oltre che l'annuale elezione di Miss Trans Milano. Ma con l'inaugurazione della dark room si apre un altro fronte. In una regione, la Lombardia, dove la prostituzione trans genera ogni anno un mercato stimato intorno ai 15 milioni di euro, un luogo del genere si promette esplosivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tarato

    31 Gennaio 2014 - 12:12

    il nome e l' indirizzo grazie? mi interessa

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    23 Gennaio 2014 - 16:04

    Berlusconi a casa sua non poteva fare quello che voleva, l'illecito e sempre da provare,e il club, con entrata a pagamento, ha la facoltà di incontri trans-prostituivi? La Magistratura non interviene?

    Report

    Rispondi

  • allianz

    13 Gennaio 2014 - 15:03

    Orecchietta Nostra e luxuria sono ospiti d'onore?

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    13 Gennaio 2014 - 12:12

    Almeno così nessuno è costretto a certi spettacoli all'aperto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog