Cerca

Pugni e calci ai violentatori

Ragazza si salva da stupro

Pugni e calci ai violentatori
Sembra una scena di ‘Kill Bill’ ma siamo nella periferia di Milano. Attrice protagonista una giovane donna di 27 anni che ha evitato lo stupro, reagendo con calci, pugni e morsi all’attacco dei suoi aggressori. La vicenda vede coinvolta una coppia di ragazzi, appartata in un auto presa di mira da tre banditi. È accaduto l'altra notte in una via periferica di Milano, quasi al confine con la campagna circostante, dove la coppia si trovava parcheggiata a bordo di un Suv.
Improvvisamente, intorno alle 22, tre sconosciuti hanno aperto le portiere, minacciando il fidanzato, di 32 anni, con un coltello e si sono fatto consegnare cellulari e 200 euro in contanti. Poi, però, vedendo che la ragazza era seminuda, hanno incominciato ad aggredirla palpeggiandola. Ma lei ha avuto una tale furibonda reazione (durante la quale ha strappato anche una sciarpa dal volto di uno dei rapinatori) che i tre sono fuggiti.
Poche ore dopo i carabinieri, proprio grazie alla segnalazione della giovane, che ricordava bene il volto dell' uomo, che aveva una profonda cicatrice sulla fronte, hanno rintracciato il rapinatore, che ha già precedenti per reati contro la persona. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale e rapina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunello.faraldi

    30 Giugno 2009 - 20:08

    questa ragazza è matta, picchiare i violentatori,ha commesso un reato "eccesso di legittima difesa."Senza dubbio i giudici la condanneranno a pagare i danni

    Report

    Rispondi

  • frontenord

    30 Giugno 2009 - 17:05

    la ragazza fortunatamente ha avuto la forza e la prontezza di reagire.. ma per queste persone e per questi atti ,ci vuole una lapidazione lunga e pubblica . basta con falsi proclami e pseudo giudizi di carità cristiana. il colpevole deve essere punito. nessuno pensa allo stato psicologico che subisce la persona offesa. lapidiamoi colpevoli. massimo rovera

    Report

    Rispondi

blog