Cerca

Dramma della gelosia a Rho

Spara alla moglie e si uccide

Dramma della gelosia a Rho
Una tragedia familiare. L'ennesima. È accaduro in via Vincenzo Bellini a Rho, nel milanese. Una lite, una delle tante, finita male. Un uomo di 34 anni, Piero Amariti, che lavorava con il padre in un'agenzia di pratiche assicurative, al culmine di un violento litigio ha ucciso la moglie, Cristina Messina, 34 anni, figlia di un carrozziere, a colpi di pistola e poi si è suicidato con la stessa arma. Tutto è avvenuto, a quanto pare, sotto gli occhi dei due bambini della coppia, un maschietto di sei anni e una femminuccia di 4. Sembra che alla base della disputa vi sia la separazione della coppia: i due, secondo le prime informazioni, erano separati di fatto e nella casa di famiglia viveva soltanto la donna con i bambini. L'uomo, non sopportando la situazione, avrebbe dunque deciso di porre fine alla sua pena, uccidendo la moglie e poi togliendosi la vita.
Secondo la prima ricostruzione, Amariti questa mattina, prima dello otto, si sarebbe presentato davanti alla casa della moglie e avrebbe aspettato che lei uscisse con l'auto, una Citroen 5. L'avrebbe quindi minacciata con la pistola, facendola uscire dalla vettura, e le avrebbe sparato due colpi, uno alla testa e l'altro alla gola. Un terzo proiettile ha poi colpito la portiera della macchina. Quindi l'uomo ha rivolto la pistola a tamburo, una 357, contro se stesso e si è sparato alla testa. A quanto sembra i due bambini, che erano in casa, hanno assistito al dramma, forse dalla finestra.«Lei l'aveva già denunciato un paio di settimane fa, lui l'aveva minacciata di morte con una pistola, ma o non le hanno creduto o comunque non è stato fatto niente», ha riferito una parente, arrivata in evidente stato di shock. La donna è stata fatta entrare in via Bellini per il riconoscimento dei corpi. Ha aggiunto: «Il vero problema è che ora lei non c'è più».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lumenovic

    30 Luglio 2009 - 11:11

    Quando un uomo non è più tutelato dalle leggi è obbigato a farsi giustizia da solo. Sempre più uomini se ne stanno rendendo conto. Qualiasi avvocato ne può dare conferma.

    Report

    Rispondi

blog