Cerca

Pochi decibel, Madonna: a Milano non torno

L'assessore Terzi: "Ha ragione, limiti ridicoli"

Pochi decibel, Madonna: a Milano non torno
La furia di Madonna si abbatte su Milano, rea di essere una città troppo provinciale, a causa del suo modo limitato e dozzinale di approcciarsi alla musica. Il capoluogo lombardo entra dunque di diritto nella black-list della regina del pop per le numerose polemiche scoppiate attorno al  livello dei decibel dei concerti tenuti a San Siro. La cantante ha fatto sapere che non tornerà più  all’ombra della Madonnina finché al Meazza ci saranno questi problemi. Lo rivelano il mensile tedesco “Musik” e il suo entourage.
Nulla di personale contro gli italiani, il popolo  più amato dalla cantante di origine abruzzese. La questione sarebbe puramente tecnica: «Una star internazionale come me non può subire limiti burocratici, questo è un affronto! È l’unica città ad aver imposto questi limiti, devo pensare che i milanesi siano diventati allergici ai grandi eventi artistici?». Ciò che avrebbe particolarmente irritato la Ciccone sarebbe stato il fiorire di discussioni che hanno caratterizzato i giorni precedenti il suo concerto dello scorso 14 luglio e l’incertezza fino all’ultimo di poter salire sul palcoscenico con l’autorizzazione a varcare il limite da 78 a 80 decibel, come concesso una settimana prima agli U2. «Limitare i decibel di un concerto, come ccaduto con Bruce Springsteen» , chiosa, «è come deturpare un’opera d’arte, nonché impedire che una professionalità si realizzi ai massimi livelli».
Le parole della pop star  italoamericana non cadono nel vuoto. Anzi, vengono raccolte come manna dal cielo dall’assessore ai Grandi Eventi del Comune di Milano Giovanni Terzi, da sempre paladino della buona musica e sostenitore di grandi eventi: «Ha perfettamente ragione Madonna», dichiara Terzi, raggiunto telefonicamente da Libero-news. È soddisfatto delle dichiarazioni della cantante, e lo urla a gran voce, ora più che mai, forte addirittura del sostegno  di star del firmamento musicale: «Facciamo cinque concerti all’anno in questa città», spiega, «lo facciamo con entusiasmo e vorremmo farli senza le solite stucchevoli polemiche che rovinano l’immagine internazionale di Milano. Cosa che sta già accadendo,  e le esternazioni di Madonna lo confermano ampiamente».
In questi giorni l’assessore sta anche raccogliendo le firme per depenalizzare il reato di disturbo della quiete pubblica con la musica all’aperto: «A causa dei 20 minuti di bis al concerto di Springsteen, Claudio Trotta, titolare della Barley Arts e  promoter del Boss, si è  beccato una bella denuncia. E ora rischia la galera: la mancata osservanza dei provvedimenti dell’autorità è punita infatti con l’arresto fino a tre mesi o con un’ammenda fino a 516 euro. E tutto per  aver fatto musica. Questo è paradossale».
A questo punto c’è da augurarsi che quello della signora Ciccone sia solo il capriccio di una star e non l’inizio della fine dei concerti delle grandi voci  a Milano. Intanto Terzi promette battaglia: e per il prossimo 20 settembre ha già in programma un’iniziativa a favore della musica.
Ma non è solo Milano nell’occhio del ciclone Madonna: la cantante ne ha anche per Varsavia, dove il prossimo 15 agosto è in programma un suo concerto. Se all’ombra della Madonnina, infatti, c’è chi sta combattendo per imporre vincoli di decibel, in quel della Polonia c’è  una parte considerevole della comunità cattolica che non intende proprio farla suonare a Ferragosto, giorno dedicato alla Madonna: lo spettacolo suona infatti come un sacrilegio. Ma lei non si scompone: «Al concerto di Varsavia non rinuncio”, fa sapere, strizzando  l’occhio ai “polacchi,  persone emancipate, per niente bigotte e che mi adorano. Questi attacchi vengono solo da persone stupide e piene di pregiudizi, ma io vincerò su tutto».

Silvia Tironi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • york58

    29 Agosto 2009 - 10:10

    Ma chi ti vuole?

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    18 Agosto 2009 - 15:03

    mi pare che le affermazioni di quella sguaiatissima signora suonano come le minacce dell'angelo del male , detto lucifero, contro dio . lei sembra molto la sua personificazione. i divieti ci sono solo perchè nessuno ha più un filo di educazione. Vede cara giornalista , ha mai pensato che se lei lavora e guadagna c'è qualcuno che compera il giornale , che magari lavora di notte, oppure lavora di domenica, oppure ancora . dorme fino alle 11 di sera per essere pimpante alle due di mattina e fa un turno di 24 ore ? o ci sono ammalati , mai pensato ? no? allora ogni tanto meta in moto il cervello: grazie

    Report

    Rispondi

  • dondolino

    14 Agosto 2009 - 09:09

    se non vuol venire a milano che se ne vada pure a waffa non possiamo farci dettare legge da una battona qualsiasi.

    Report

    Rispondi

  • jack1980

    14 Agosto 2009 - 09:09

    Sono d'accordo con Madonna in generale anche se non mi piace la sua musica(dozzinale, scontata, noiosa), né la sua voce(che è comunque molto migliore di orrori tipo la Pausini. La Pausini ha sicuramente una delle voci più brutte della storia della musica).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog