Cerca

Congresso mondiale a Milano

Riuniti 4000 bibliotecari

Congresso mondiale a Milano

Si riuniranno a Milano, in occasione del 75° congresso mondiale i bibliotecari dell’International Federation of Library Associations. Quattromila bibliotecari, giunti nel capoluogo lombardo da 180 paesi nel mondo che, per i prossimi cinque giorni, saranno impegnati a discutere riguardo alla cooperazione internazionale tra le biblioteche e  il loro rapporto con gli istituti culturali come musei e archivi. Il coinvolgimento degli istituti culturali sarà, infatti, uno degli argomenti più importanti del Congresso soprattutto ora che la tecnologia digitale ha innalzato la qualità dell’informazione. “Migliorare le biblioteche – spiega Mauro Guerrini, presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche e del Comitato nazionale per Ifla 2009 – devono convergere fra di loro e con altri istituti culturali come musei e archivi. Devono rafforzare la loro vocazione di luoghi pubblici in grado di accogliere chiunque”.

 

Un percorso dedicato ai libri - Fittissimo il programma di tavole rotonde e incontri, anche molto tecnici, che vedranno coinvolti gli addetti ai lavori, ma non mancheranno momenti di apertura alla città. Ad esempio a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, martedì 25 agosto sarà possibile visitare fino a mezzanotte l'esposizione delle due tavole del Codice Atlantico di Leonardo da Vinci concesse dalla Fondazione Cardinale Federico Borromeo e dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, proprietaria dell'intera opera. Sempre lo stesso giorno, sarà invece esposto in Galleria Vittorio Emanuele il volume del 'De Divina Proportione’ di Luca Pacioli del 1947, con incisioni di Leonardo. Il capoluogo proporrà poi a partire dai prossimi giorni nove mostre dedicate al libro, alla sua conservazione, al suo ruolo attraverso i secoli, in alcune delle più importanti biblioteche della città. Secondo il governatore lombardo Roberto Formigoni, che oggi ha aperto i lavori del meeting internazionale a Fieramilanocity, “il congresso rappresenta un passo avanti nella costruzione di proficue relazioni tra la Lombardia e tutti i Paesi esteri”, naturalmente anche in vista dell'Expo 2015. “La Lombardia – ha detto il governatore rivolgendosi in francese ai professionisti del settore arrivati a Milano – è pronta ad aprire le sue tantissime biblioteche (oltre 2.000) e a condividere con voi le sue politiche di modernizzazione che hanno portato alla diffusione capillare e allo sviluppo di sistemi bibliotecari dotati delle tecnologie più innovative”.

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog