Cerca

Arrivano i bici-crocerossini

Garantiscono primo soccorso

Arrivano i bici-crocerossini
Da Largo Cairoli a piazza San  Babila, il pronto soccorso arriva in bicicletta. Dopo Roma, che quest’estate ha  lo ha lanciato in via sperimentale, anche a Milano parte il progetto del ‘ciclo  soccorso’, un servizio di primo intervento ideato dall’Assessorato alla Salute  del capoluogo lombardo in collaborazione con la Croce Rossa meneghina. Prenderà  il via a inizio dicembre in modo sperimentale nel cuore della città, dal  Castello Sforzesco lungo tutto corso Vittorio Emanuele e vedrà impegnate a  turno, per otto ore al giorno, tre squadre di due persone, tutte volontarie  che, in sella a biciclette appositamente attrezzate con radioline walkie- talkie, defibrillatori e materiali di primo soccorso, assisteranno fino  all'arrivo dell'ambulanza cittadini e turisti colti da malore. Per contattare i  ragazzi e richiedere il loro aiuto basterà chiamare la Croce Rossa, che li
allerterà immediatamente. “A partire da gennaio – assicura l’assessore alla  Salute Giampaolo Landi di Chiavenna – estenderemo il servizio anche alla  periferia della città e alle nelle zone e nei giorni di mercato. Ho già preso  accordi con l’assessore Simini, che si è detto entusiasta dell’iniziativa”. Le  direttrici lungo le quali le squadre dei ‘ciclo soccorritori’ si muoveranno  saranno quattro: partiranno dai quattro punti cardinali e convoglieranno verso  il centro cittadino.  I “crocerossini sulle due ruote”, riconoscibili grazie a  una colorata pettorina con impressa la Croce Rossa e il simbolo dell’ Assessorato alla Salute, pedaleranno senza sosta lungo il percorso loro  assegnato, in modo da vigilare costantemente l’intera area di competenza e  garantire un soccorso più rapido possibile. L’iniziativa, spiega infine l’ assessore comunale, avrà un duplice effetto su Milano: “Garantirà un aiuto e un  soccorso immediato che farà guadagnare minuti preziosi per la salute dei  cittadini, e avrà anche un grande impatto di carattere ambientale, in quanto si  avvale dell’utilizzo di mezzi non inquinanti e contribuirà, nel suo piccolo, a ridurre lo smog”.

Silvia Tironi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog